Solo la crisi ci può salvare. Basta con la follia della crescita!

Gandhi diceva: «Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci». Da molti anni proponiamo soluzioni che all’inizio venivano prese per cose che non stanno né in cielo, né in terra. Ma ora un numero sempre maggiore di persone sta aprendo gli occhi.

Solo la crisi ci può salvare.  Basta con la follia della crescita!

Da molti anni proponiamo soluzioni che all’inizio venivano prese per cose che non stanno né in cielo, né in terra. Una ventina di anni fa pensare di lavorare nel settore delle energie rinnovabili era un’eresia. Portare in giro, come ha fatto l'associazione Paea, dal 1994 in tutta Italia la più grande mostra itinerante europea sulle energie rinnovabili e la didattica ambientale, spiegando a centinaia di migliaia di persone come un altro modo fosse praticabile, parlare delle case passive, delle certificazioni energetiche, della fitodepurazione, dei sistemi di recupero dell’acqua piovana, etc, sembrava una pazzia, impossibile a farsi, pura utopia, roba per radicali ambientalisti. Oggi sembra che tutti facciano il tifo per le rinnovabili, per l’ambiente, anche i grandi inquinatori che hanno capito con una ventina di anni di ritardo che il business c’è anche lì. Oggi un architetto, un ingegnere che non sappia cosa è la certificazione energetica o una casa passiva, è fuori mercato.

Solo cinque anni fa se dicevi che eri vegan ti tacciavano di essere un folle integralista, oggi il vegan dilaga ovunque: attrici, attori, personalità varie oltre che una massa crescente di persone sono diventati improvvisamente  tutti folli integralisti.

All’inizio parlare di alimentazione biologica era considerato un vezzo per pochi eletti che mai si sarebbe affermato, oggi l’offerta di biologico aumenta a ritmo costante con prezzi ormai alla portata di tutti. Non solo, ma sulla scia del biologico è nato un movimento spontaneo che attraverso i gruppi di acquisto collettivo ormai presenti ovunque, ha dato il via a quella che oggi viene chiamata sharing economy e sulla quale si stanno indirizzando sempre più persone. La mobilità sostenibile e la bicicletta anni fa erano argomenti da gente fuori di testa e illusa, ma nel 2012 la vendita di biciclette in Italia ha superato la vendita di automobili. Riscoprire il senso della comunità, delle relazioni sembrava roba per poeti e sognatori eppure un movimento come quello delle Transition Towns si è diffuso a livello mondiale.

Infine parlare di decrescita sembrava una bestemmia, poi la cosa si è così affermata che hanno pure scritto libri contro la decrescita.

Anche con la forza che ci danno tutte queste conferme, questa volta ci spingiamo in un campo che a prima vista può sembrare minato ma è invece quanto di più sano, saggio, lungimirante e realista si possa proporre in questa fase. La crisi è la nostra grande opportunità, bisogna avere il coraggio di dire forte e chiaro che non si può più accettare un sistema che per la bramosia di soldi e potere ci sta portando tutti alla catastrofe. Che la crisi si aggravi e faccia chiudere fabbriche nocive, produzioni di oggetti inutili, servizi che non hanno alcun senso, tutto al solo beneficio di arricchire i soliti noti: la crisi loro è la salvezza nostra.

L’occupazione negli innumerevoli settori ambientali, del risparmio energetico e delle rinnovabili, nei  settori agricoli biologici, culturali, con dati alla mano, può dare lavoro da subito a tutti i disoccupati attuali e a tutti coloro che non lavorerebbero più nelle produzioni inutili e nocive. Anzi, non solo ci sarebbe da lavorare per tutti ma si lavorerebbe meno perché non più soggiogati dalla pubblicità che ci ha convinto che se non compriamo tutto il comprabile siamo “poveri”. E se compriamo meno roba inutile ci servono meno soldi e di conseguenza possiamo lavorare meno. Quindi, non più vivere per comprare ma finalmente vivere per vivere.

• Il libro Solo la Crisi ci può salvare è disponibile nelle librerie di tutta Italia e nei principali negozi online

• Pagina Facebook del libro: https://www.facebook.com/sololacrisicipuosalvare

. La presentazione del co-autore Andrea Strozzi

Pensare come le MontagneVoto medio su 6 recensioni: Buono
Ufficio di Scollocamento Voto medio su 5 recensioni: Buono
Vivere Basso, Pensare Alto Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
Solo la Crisi ci può SalvareVoto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.