In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Andrea Degl'Innocenti SCRIVI ALL'AUTORE

Andrea Degl'Innocenti

Nato a Firenze nel giugno 1984, ho conseguito la laurea specialistica in “Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo”, facoltà di Scienze della Comunicazione e Sociologia, La Sapienza.
La mia tesi, dal nome “L'acqua, la rete, la piazza”, indagava la particolare sinergia fra modi vecchi e nuovi di fare attivismo nel caso del movimento italiano per la ripubblicizzazione dell'acqua, del quale faccio parte.
Questo mix innovativo di informazione online e manifestazioni e feste in piazza aveva permesso una diffusione capillare delle tematiche proposte dal movimento e avrebbe condotto di li a pochi mesi alla vittoria dei referendum.
Dal 2010 collaboro con Il Cambiamento. Inoltre sono fra i fondatori della rivista online LesFlaneurs.it, che si occupa delle realtà emergenti e meno conosciute del panorama culturale romano.
Sono fra i membri fondatori della costituenda associazione Manifestopea. Assieme abbiamo contribuito ad informare su temi di rilevanza sociale come le campagne per la ripubblicizzazione dell'acqua, contro la Tav Val di Susa, e molte altre, con la realizzazione di oltre 400 video.
Sono appassionato di economia, politica internazionale, ambiente, sport e cultura.


Articoli di Andrea Degl'Innocenti su Il Cambiamento

Acqua pubblica, la 'tariffa truffa' italiana e le richieste dei cittadini europei

Beni Comuni Mentre in 13 paesi dell'Ue (Italia compresa) vengono consegnate quasi due milioni di firme per l'acqua pubblica, nel nostro paese è sempre più chiara l'inadeguatezza della nuova tariffa idrica introdotta dall'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas, che viola apertamente i referendum lasciando intatti i profitti sull'acqua e fa scontenti cittadini e gestori. 8/10/13

"I giovani non devono studiare", in Grecia chiudono le università

Crisi I tagli voluti dalla Troika colpiscono con violenza le università greche, molte delle quali si vedono costrette a chiudere per mancanza di fondi e di personale. Accade anche alla storica Università di Atene, fondata nel 1838 e secondo ateneo greco per numero di iscritti, il cui senato ha dichiarato la prossima chiusura. 27/9/13

Per un lavoro più umano, dignitoso, ecologico: la ricetta dei "terroristi" di Etinomia

Crisi Gli Stati generali del Lavoro, la tre giorni di incontri che si terrà i Val di Susa dal 27 al 29 settembre, sono finiti in mezzo al calderone nell'attacco mediatico che la stampa italiana sta portando avanti contro il movimento No Tav. Abbiamo intervistato due delle organizzatrici per farci svelare quali diabolici piani eversivi avessero in mente. 24/9/13

L'Islanda non vuole più l'Europa, chiusi i negoziati con l'Ue

Lontano dai riflettori Il governo islandese sospende a tempo indeterminato le trattative per l'ingresso del paese nell'Unione europea. Lo stop ai colloqui di adesione ed un generale rifiuto delle politiche di austerità europee sono state il cavallo di battaglia della coalizione vincitrice durante la campagna elettorale e la promessa agli elettori e' stata mantenuta. 20/9/13

L'Italia è di nuovo un paese di emigranti

Crisi Un rapporto dell'Ismu sui flussi migratori svela che per la prima volta negli ultimi anni il numero di stranieri immigrati nel nostro Paese è superato dal numero di italiani emigrati all'estero. La crisi economica ha riportato l'Italia ad essere un paese di emigranti, che non sono più poveri e poverissimi, ma perlopiù giovani laureati cui il nostro paese non offre alcuna opportunità. 3/9/13

L'Italia mangiata dal cemento: compromessa oltre la metà delle coste

Territorio Un recente dossier di Legambiente rivela che il 55 per cento del litorale nostrano (relativamente alle otto regioni costiere prese in considerazione) è ormai irrimediabilmente compromesso a causa della speculazione edilizia e della cementificazione selvaggia. 160 chilometri di costa sono stati inghiottiti per sempre dal cemento. Ora, una proposta di legge prova a fermare lo scempio. 30/8/13

Acqua pubblica, l'Europa apre ma l'Italia non ascolta

Beni Comuni Per la prima volta l'Europa sembra mostrare aperture verso l'acqua pubblica, dopo il grande consenso dell'Iniziativa dei cittadini europei (Ice) Right2Water. In Italia invece continua l'ostilità del governo e dell'Autorithy verso gli esiti dei referendum. Quest'ultima in particolare ha deliberato una modalità di restituzione dei profitti di gestione ai cittadini estremamente favorevole per i gestori. 11/7/13

Tagli all'istruzione: a rischio la "scuola di transizione" Teodoro Gaza

Culture per il Cambiamento Si chiama istituto Teodoro Gaza e negli anni, sotto la guida della preside Maria De Biase, è diventato un punto di riferimento in Italia e non solo per quanto riguarda l'educazione ecologica, la transizione, i rifiuti zero, la permacultura. Ora questo bellissimo esperimento rischia di finire nel tritacarne dei tagli all'istruzione. 5/7/13

In Brasile continua la protesta: complotto o voglia di cambiamento?

Crisi Proseguono senza sosta le rivolte popolari in Brasile. La presidente Dilma Rousseff ha aperto il dialogo con i manifestanti e sta spingendo verso le riforme richieste dalla popolazione. Ma le proteste non si fermano e c'è chi azzarda che dietro ad esse ci sia la mano degli Usa. Tuttavia ai brasiliani non mancano certo i motivi per protestare. 28/6/13

Il mondo è al collasso, ma il G8 pensa ai mercati

Vertici Internazionali Il vertice britannico guidato dal premier Cameron ha ribadito che la priorità è quella di far ripartire la crescita e di aumentare libero mercato e competitività. Intanto il mondo si avvia verso il collasso energetico, climatico e delle risorse. Actionaid accusa i governi mondiali di aver dimenticato il tema della povertà globale, mentre Greenpeace si chiede dove siano finiti i cambiamenti climatici. 21/6/13

Islanda, dopo le elezioni il governo della rabbia

Lontano dai riflettori Le recenti elezioni islandesi hanno portato alla formazione di un governo di centrodestra che ricalca il modello pre-crisi. Possibile che gli islandesi abbiano già perdonato i propri politici? Più probabilmente hanno incanalato la propria rabbia nella direzione sbagliata, finendo per premiare coloro che con le proprie riforme ultraliberiste condussero il paese sull'orlo del collasso. 13/6/13

Per un'Europa diversa: a Cagliari vanno in scena le monete complementari

Moneta Il dibattito sull'euro sembra stagnare fra le posizioni degli euroscettici, contrari alla moneta e all'Europa, e gli euroentusiasti. A Cagliari il convegno "Terza via" sulle monete complementari, come il Sardex, cerca di trovare una soluzione differente per uscire dalla crisi economica - ma soprattutto sistemica - della nostra società. 11/6/13

La Puglia va a tutta canapa!

Territorio Dopo l'esperienza del comune toscano Capannori, è partito un altro progetto, stavolta in Puglia, per rilanciare la coltivazione della canapa. L'associazione CanaPuglia ha già permesso la semina di 120 ettari di canapa, che verrà utilizzata per vari scopi, dai tessuti, ai materiali edili, all'energia, ai carburanti. 6/6/13

Salviamo il paesaggio, dall'assemblea nazionale le proposte per il governo

Territorio Si è riunito a Bologna il 4 maggio il Forum Salviamo il paesaggio. Dall'incontro sono uscite le nuove linee da proporre al governo e agli enti locali. Dall'utilizzo degli immobili sfitti - sui quali continua il censimento promosso dal forum - al dl "salva suoli", al rifiuto di nuove cementificazioni e della pratica del project financing. 17/5/13

Elezioni in Islanda, chi ha vinto davvero?

Lontano dai riflettori I media di tutto il mondo hanno annunciato la vittoria del Partito dell'indipendenza - lo stesso che condusse il paese sull'orlo del fallimento - alle elezioni politiche del 27 aprile in Islanda. Possibile che i cittadini abbiano già dimenticato tutto? 10/5/13

Ecuador, foresta amazzonica in vendita. È per il debito con la Cina?

Inquinamenti L'Ecuador vuole cedere 3 milioni di ettari di foresta pluviale - circa un decimo del territorio nazionale - alle compagnie petrolifere. Le più interessate sembrano quelle cinesi, e in molti ricollegano l'affare al debito contratto dal governo di Quito con Pechino. Ma nell'area in questione abitano sette diverse popolazioni indigene che potrebbero vedere distrutto il loro ambiente. 3/5/13

Le ceneri del carbone di Civitavecchia nel cemento di Bassano Romano

Inquinamenti Il cementificio di Bassano Romano accoglierà le ceneri della combustione del carbone provenienti dalla centrale Enel di Civitavecchia. Esse saranno usate al posto della sabbia per creare materiali edili cementizi. Le relazioni tecniche affermano che non ci sono rischi di alcun tipo per la salute e l'ambiente, ma persistono vari dubbi. 30/4/13

Misteri italiani: il disastro nucleare della fonderia di Rovello Porro

Inquinamenti 1989, nella fonderia Premoli di Rovello Porro un carico di alluminio radioattivo proveniente dall’Europa dell’Est viene inavvertitamente fuso, immettendo nell’aria e nelle acque una grande quantità di sostanze radioattive. Un'inchiesta di due giornalisti riporta alla luce il terribile incidente le cui conseguenze potrebbero perdurare sino ad oggi. 29/4/13

Un forno collettivo per la 'Casetta Rossa' di Roma

Eco-vicinato Il quartiere romano della Garbatella avrà fra pochi giorni un suo forno popolare. Merito della Casetta Rossa, centro culturale popolare della zona, che sta costruendo il forno ed è pronto ad inaugurarlo il 1 maggio. Con la consapevolezza che "fare il pane insieme" non significa solo risparmiare, ma riappropriarsi del proprio tempo, scambiarsi saperi, conoscersi a vicenda. 12/4/13

L'eredità della signora Thatcher

Crisi La scomparsa di Margaret Thatcher, primo ministro britannico per undici anni, è spunto per una riflessione sul mondo che le sue riforme hanno contribuito a creare. Un mondo schiavo dei mercati, privo di diritti e stato sociale, in cui tutto è in vendita, persino i beni comuni. Eppure, nell'ora del cordoglio, sono in pochi a ricordarlo. 9/4/13

 
TRE - Tecnici Risparmio Energetico