In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

NEWS » In bacheca

Creare insieme un ecovillaggio

di Redazione - 3 Aprile 2013

siamo alla ricerca di persone interessate, come noi, alla creazione di un ecovillaggio o una cooperativa agricola.

Attualmente viviamo nella provincia di Milano ma valutiamo spostamenti in tutta italia.

Scrivetemi per informazioni e dettagli: fabio@robolia.com

Contatti

fabio e veronica

fabio@robolia.com

41 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
20 Settembre 2016 16:14, lidia ha scritto:
PUGLIA costruire un ecovillaggio ha i suoi costi. in giro leggo molte idee ma realizzazioni serie niente. potremmo unire un piccolo gruppo di persone che dispone di un piccolo capitale ciascuno e fare le cose sul serio? in puglia a trani ci sarebbe una struttura a rustico ben collegata. oppure sul gargano ci sono molti terreni in vendita dove costruire da zero. klidas257@gmail.com
11 Gennaio 2016 19:12, Francesco ha scritto:
Spero che Manuele possa unirsi alla nostra idea. Perché l'idea è quella di vivere in un ecovillaggio (propriamente detto) però in stile comunità cattolica. Laura condivido molto come te l'idea di vestirsi come gli amish o simile. Perché non soltanto per un valore in sé, certo Bea ci ricorda che ognuno può vestirsi come vuole però oggi si dà troppo importanza alla libertà vista come faccio quello che voglio quando voglio. Invece la società ipersessualizzata di oggi ci dà una figura di donna (certo generalizzando) come una che la dà facilmente e il Signore invece ci consiglia di non vestire attilati, o troppo corti dove grande parte del corpo è esposto e ci consiglia di non dare scandalo agli altri portandoli al peccato. Addirittura il Signore ci dice che non dobbiamo far cadere l'altro nel peccato con un nostro atteggiamento o col nostro modo di vestire ecc... Mentre l'uomo oggi è sempre più femminilizzato (gli uomini oggi si depilano e spesso capita di imbattersi in uomini molto più vanitosi delle donne) e ha perso il suo ruolo di capo famiglia mentre prima, nella società cattolica l'uomo era il capo perché Dio ha creato la gerarchia creando prima l'uomo e poi da egli ha tratto la donna (diversamente dall'uomo non l'ha creata ex novo). Oggi ovviamente il pensiero unico accusa il passato di maschilismo e di schiavismo delle donne, ma non è stato così anzi. Ognuno aveva il suo ruolo. La donna è più schiava oggi che ieri, oggi è costretta a lavorare perché un solo stipendio non basta più, nella coppia è l'unica che può partorire (anche la natura cioè Dio, ha creato i ruoli), e poi spesso torna a casa e deve sistemare casa e accudire i figli (che sono sballottati di qua e di là e hanno gravi problemi); mentre l'uomo non è in grado di accudire i figli come potrebbe fare la mamma e poi il padre ha il ruolo di essere autorevole e dare l'esempio ai figli così che loro sappiano rischiare la vita e avere coraggio di affrontarla. Le madri, invece, insegnano l'affettività e lasciano ai figli il senso di nostalgia. Oggi non c'è più un ordine perché satana tira le fila della nostra società come fossimo tutti burattini, lui ci ha resi schiavi dell'economia e della finanza, del lavoro (come intendiamo oggi) e dei soldi.
17 Dicembre 2015 09:52, Luca ha scritto:
Manuele se sei interessato a un ecovillaggio in Umbria esiste questo progetto: www.abitaregea.it/umbria
16 Dicembre 2015 20:23, Manuele ha scritto:
Bei commenti e bellissime queste idee. Io sono favorevolissimo a trovare un gruppo di persone oneste, corrette,amanti della natura e della reciproca collaborazione, disposte a realizzare un progetto di questo tipo. Con modalità da definirsi tutti insieme. Io abito al confine tra la Toscana e l'Umbria ed ho 31 anni. Lascio la mia mail: manuelespace@yahoo.it
5 Dicembre 2015 01:16, Bea ha scritto:
Ciao ragazzi, Io farei tutto impostato sulla semplicità ma anche la libertà individuale nel vestire. Sicuramente se uno sceglie la comunità è perché ha ormai lasciato alle spalle tacchi a spillo e cravatta e si sente più in armonia con la natura, per cui canapa e stoffe tutto naturale, autoprodotto e bio. È uno stile di vita ecologico, amante della "cosa comune" come ci chiede Papa Francesco nell'enciclica. Io sono vegana, amante delle persone e degli animali. Tutto é lecito, tutto è sano, ma non tutto giova. Oggi viviamo uno sfruttamento totale agli uomini e alle povere bestie. Tutto è diventato un business. Per cui pace, amore universale e Vangelo pratico e costruttivo.
2 Dicembre 2015 09:46, Laura ha scritto:
Ciao Francesco, io invece mi chiedevo a parte il fatto di vivere come agricoltori, gli Amish o i Mennoniti hanno una base religiosa che comprende tutto un modo di vita si fanno da soli pure gli abiti e si vestono tipo tardo 800 in modo semplificato... voi volete fare una cosa del genere ? O diversamente ?
1 Dicembre 2015 17:39, Francesco ha scritto:
Per Laura e Bea: Bea, sarebbe bello però i fondi per iniziare come li troviamo. Magari sarebbe possibile fare così come hai detto tu. Vicino al mio paesino c'è un ecovillaggio, ma non ci sono mai andato, però non sono cattolici, ma anche per imparare le informazioni, la permacultura, le costruzioni con materiale biodegradabile. Sarebbe bello! Ma non ho molto tempo. E poi non ho la patente. Ci vorrebbe qualcuno che ha un appezzamento di terreno che vuole aiutarci o che ha questa idea anche lui. Laura, io penso che concentrarsi troppo sugli animali e poco sugli uomini è deleterio. Per carità io sono "animalista" ma la penso diversamente dalla maggior parte degli animalisti. Amo gli animali, soprattutto i cani, e condivido anch'io l'idea che dovremmo custodirli e non distruggere i loro habitat. Ma Dio ha dato la priorità a noi, certo sempre con un minimo di principi e giudizio. Questa comunità cattolica stile amish per me potrebbe avere anche una finalità politica oltre che a quella spirituale, ovviamente intesa come cittadinanza attiva. Per Luca, potrebbe andar bene il cohousing ma mancherebbe il sogno principale cioè creare una comunità veramente cattolica (oggi persino nelle parrocchie si respira poca cattolicità), mentre il cohousing in sé è solo un abitare insieme. Certo che da cosa potrebbe nascere cosa.
30 Novembre 2015 16:59, laura ha scritto:
Ciao, io non conosco ecovillaggi,(sono di Milano) però siccome sono vegetariana sono su di un forum per vegani ed lì ho trovato una fattoria frequentata da loro dove salvano molti animali, quest'estate sono andata è bellissima e si stanno ingrandendo...è gestita tutta da volontari e si trova ad Appiano Gentile si chiama "Fattoria delle Coccole"...pensavo magari loro hanno delle conoscenze, sono ecologisti e sicuramente sarebbero interessati ad ampliare le cose facendo un ecovillaggio....
26 Novembre 2015 16:05, Bea ha scritto:
Ciao! Se non lo troviamo, iniziamo noi a crearlo. Magari nel bosco, tutto in legno e materiali eco come canapa, paglia, pannelli solari, permaculture... Dove sono due o tre... Frequentiamo quelli già avviati, prendiamo informazioni e giorno dopo giorno la vita creerà altra vita.
26 Novembre 2015 11:39, Luca ha scritto:
se cercate persone per creare un ecovillaggio o un cohousing, o un progetto in partenza che cerca partecipanti, vi suggerisco: Abitare Gea -> http://www.abitaregea.it gruppo facebook Ecovillaggi e Cohousing in Italia -> https://www.facebook.com/groups/388920167881657/
26 Novembre 2015 11:10, Francesco ha scritto:
Bea e Laura quoto la vostro proposta, la condivido. Il bello sarebbe vivere da cattolici in comunità stile amish. Purtroppo Bea ancora non trovo nessuna comunità. Ma non demordo.
25 Novembre 2015 12:21, Laura ha scritto:
Perchè non un eco villaggio tipo gli amish? Sarebbe favoloso!!!
24 Novembre 2015 22:33, Bea ha scritto:
Ciao, Sono interessatissima a creare o incrementare un eco villaggio cattolico, dove regnano tutte le buone pratiche del vivere da figli di Dio, con la natura, nella natura. Tutti fratelli, accogliendo anche figure fragili della società come homeless, handicap, bimbi salvati dall'aborto, anziani... Tutti per tutti, autoproduzione. Vita in comune. Cibo sano.
25 Settembre 2015 09:47, Luca ha scritto:
per chi è interessato a questa scelta di vita www.abitaregea.it facilita la creazione di comunità intenzionali per ecovillaggi e cohousing. vi mette anche in contatto con progetti di ecovillaggio in partenza o già avviati.
4 Maggio 2015 18:48, antonio bianco ha scritto:
Buonasera in Calabria ho 13.000 mq di terreno 350mq. di rustico da ristrutturare con sorgente privata a 6 km dal mare. Se siete interessati possiamo unirci per creare qualcosa seriamente. Se diete interessati contattatemi in qualsiasi orario. Grazie. Buona serata, Antonio cell. 3384910830
5 Ottobre 2014 10:09, Anna ha scritto:
passo a tutti questo link sugli ecovillaggi. Spero che a qualcuno sia utile http://www.fiorigialli.it/dossier/rivista.php?id=10&categoria=53
2 Ottobre 2014 08:34, Flavio ha scritto:
Cara Anna, Quante cose ci accomunano... Hai ragione in parte.. in parte no... nel 2000 quando avevo la libreria esoterica (poi chiusa per diversi motivi a cominciare da quelli economici) avevop già collezionato una serie di titoli non riconosciutio in italia, ma che mi avrebbero consentito di accedere ad una facoltà di naturopatia in Germania, sgravandomi di alcuni grossi esami.. se solo avessi avuto conoscenza del tedesco... In canada viceversa potrei tutt'oggi aprirmi una posizione fiscale (anche senza diventare matto con le iscrizioni agli albi ) e mettere fuori una bella taga "operatore olistico" oppure "Reiki Master" "Pranic Healer" cosi' come esistono "Caromante" "sensitivo e Veggente"... Ok stiamo divagando , spero mi perdonino questo post. grazie per il link, mi pare molto interessante vero' di leggerlo con molta calma (a lavoro non è che si possano fare miracoli... Buon tutto F.
2 Ottobre 2014 04:18, Anna ha scritto:
Caro Flavio......si la legge dell'attrazione.....anche io sono terapeuta olistica! :-))) Niente viene riconosciuto in Italia (ma anche all'estero non è semplice in questo senso se non sei un medico) inoltre diamo un pò fastidio alle grandi case farmaceutiche di tutti i tipi e ai grandi distributori di psicofarmaci. Sono molto contenta che hai intrapreso anche tu la strada della Conoscenza.... ti passo questo link http://ecovillaggiolanuovaterra.it/ spero di sia utile....
1 Ottobre 2014 09:47, Flavio ha scritto:
Carissima Anna... conosco ed applico la "lege dell'attrazione, sono un terapista olistico (o meglio sto facendo i salti mortali per farmi accreditare.. e vai di lacci e lacciuoli) Ma quello che racconto è una realtà oggettiva... per quanto intrisa di demoralizzazione per questo "Mondo Italia" che di per se .. è fuori da ogni grazia di Dio.... non scrivo a vanvera, magari... conosco le realtà di altri paesi, perchè viste o comunque riportate da gente cha la mia fiducia.... in fatto di burocrazia e lacci, lacciuoli, tagliole ecc ecc.. l'I-Taglia non è seconda a nessuno... è un complesso macchinario per stritolare ogni forma di libero pensiero, e di libertà, a vantaggio di pochi, ben protetti, e potenti gruppi... saluti Flavio
30 Settembre 2014 22:47, Anna ha scritto:
Per Flavio caro Flavio non disperare, cambia i tuoi pensieri cupi in immagini di come vorresti vivere, sai ...i nostri pensieri creano!!! Non so in quale parte dell'Italia abiti ma credo che con un pò di buona volontà potrai trovare un rimedio alla tua grigia vita....che comunque hai anche voluto (in un certo senso). ora hai voglia di cambiare in meglio......so che l'Italia non offre possibilità per questo io cerco di vivere all'estero :-))) C'è una bel ecovillaggio a Udine (almeno così mi hanno detto). Non ti arrendere......e sorridi....tutto cambierà al meglio e un pò alla volta sistemerai tutte le tue cose. Non invidiare.....c'è chi riesce prima e meglio ...c'è chi invece deve lottare un pò di più.....anche io ho sudato tanto per poter cambiare...ma ho usato e tentato e cercato tanto e ora stò di nuovo cambiando e cercando.......ma non ci si annoia!!! CORAGGIO!!!
26 Agosto 2014 12:18, Flavio ha scritto:
Buon tutto. Sono alla ricerca di un Eco-Villaggio o meglio di costruire un qualcosa che mi depuri "Anima e Corpo" dalle schifezze della città... Sfortunatamente tutti i tentativi, come un labirinto, conducono a strade impraticabili... costi costi costi costi costi... e quando sono finiti i costi cominciano le maglie infernali della burocrazia... permessi, progetti, firme, controfirme, richieste, approvazioni... magari qualche funzionario che ti spiega gentilmente che sei un pazzo... Sono molto demoralizzato, perchè mi ritorvo sulla soglia dei 40, invalido, con un lavoro da impegato di multinazionale... con un mutuo da pagare ed un appartamento in un condominio.. che possiamo vederlo come piace (i miei genitori anziani abitano nello stesso palazzo) ma di ECO c'è assai ben poco... anzi nulla.... VI invidio... invidio tutti quelli che riescono a trovare la forza ed un gruppo per lottare oggi piu' che mai.... Flavio
24 Luglio 2014 20:02, Francesco ha scritto:
Da qualche tempo ho un'idea folle in mente e non riesco a togliermela dalla testa. Non so come mi è venuta in mente, ma ce l'ho e col passare dei giorni si è evoluta. Non so se devo continuare per questa strada o se è solo un'idea pazza. Sogno di vivere in un ecovillaggio (quindi rapporto con la natura, permacultura, bioedilizia, autosufficienza e autoproduzione ecc...) formando una comunità cattolica (stile Nomadelfia ma non pienamente uguale) dove sia abolita la moneta e si viva come le comunità benedettine (o quasi) adottando la regola benedettina (però smorzandola di quel suo carattere austero, difficile da vivere ai molti), dove l'istruzione ai bambini e ai ragazzi sia gestita da questa comunità (ovviamente ci si può arrivare per gradi a questo) che adotti la pedagogia scout prendendo in considerazione anche alcuni aspetti del metodo preventivo di Don Bosco e il metodo Montessori. Tutto questo per vivere in una vera comunità cristiana (come quella delle prime comunità cristiane in cui avevano tutto in comune e ognuno in base alle necessità) che vivendo una piena comunione con la Chiesa di Roma si apra alla nuova evangelizzazione per portare la Buona Notizia ai più (poveri, emarginati, quelli che sono lontani da Dio, minori a rischio, immigrati, ammalati, anziani). In comunità si faranno incontri per "innamorarsi di Dio" attraverso il catechismo della Chiesa cattolica e lo studio della Parola (Lectio Divina e non solo). Mentre fuori (oltre a quello detto poco sopra) si faranno ritiri, corsi della spiritualità particolare della comunità, organizzazione di campi scuola ecc...Inoltre nella comunità ci saranno diverse persone che saranno esperti in diversi settori di artigianato che potranno permettere la creazione di corsi (per quelli fuori la comunità) per la lavorazione del legno, della terracotta, delle pelli, dell'autoproduzione di tessuti e vestiti biodegradabili (vedi fibra di ortica, lino, seta, lana ecc...). Ovviamente sarà un processo graduale... In questo ci sarà la politica scout (la diarchia-rappresentante maschio e femmina) ecc... Questa è un'idea pazza partita inizialmente in seno alla Fede in Gesù Cristo, alla Trinità e alla Vergine Maria. Dopo tutto questo, sapete che tutto questo per me era inimmaginabile e impossibile solamente con le mie forze per questo provvidenzialmente ho trovato questo sito che parla di ecovillaggi in genere ma anche di giornalismo autonomo (cosa rara nel mondo) che sono alcuni degli ideali e valori che quoto totalmente. Spero che qualcuno possa aiutarmi in questo. Lascio la mia mail se volete contattarmi privatamente: ddfrank89@yahoo.it
14 Aprile 2014 11:51, Carola ha scritto:
Io sto cercando di mettere insieme tutti gli indirizzi.. abbiamo degli amici che potrebbe darci una mano (a noi e a voi) e darci parte del loro terreno, ma è tutto molto incerto. Per ora lascio la mia mail in caso qualcuno riesca a creare un ecovillaggio :) car.slmn@hotmil.it
6 Marzo 2014 21:35, franco ha scritto:
ciao a tutti. sono della provincia di bergamo e vorrei incontrare persone interessate a creare un ecovillaggio. un ipotesi sarebbe un primo incontro con persone della lombardia in cui ognuno esporrà le proprie idee. poi entrare in contatto con gli interessati di altre regioni.consigli e proposte ben accette. per accordi: franco.asmi@gmail.com
13 Febbraio 2014 09:03, gianni ha scritto:
salve a tutti, l'idea mi piace io vivo in un paesino del sud ci sarebbero concrete possibilita' e spazi per un ecovillaggio, a che punto siete? grazie saluti
10 Febbraio 2014 01:39, Seba ha scritto:
io sono daccordissimo e sto cercando di incominciare almeno a pensare qualche idea con un piccolo gruppo.. secondo me ci si dovrebbe lavorare un po su autofinanziandoci con il lavoro che abbiamo ora ( per chi lo ha) e trovando una zona libera l idea e vivere fuori dal sistema senza il bisogno dello sporco denaro... a contatto con la natura.. sfruttando al massimo la creatività che ognuno di noi ha.. avendo una mente libera..naturalmente poi sta a noi quanto vogliamo cambiare... ma l unione fa la forza..
23 Gennaio 2014 11:07, Davide ha scritto:
ciao a tutti, mi trovo in assoluto accordo con quello che avete detto e pure io ho intenzione di avviarmi su questo percorso dell'ecovillaggio. Ovviamente le problematiche sono già state citate e sono i soldi e l'avvio del villaggio stesso =/
23 Novembre 2013 12:50, fabio ha scritto:
salve a tutti, anche io sono orientato ad una scelta di questo tipo. purtroppo, essendo disoccupato da parecchio tempo non sono in possesso di risorse economiche per poter avviare un progetto del genere. quello che mi fa rimanere più perplesso è proprio questa contraddizione. Per poter vivere una vita senza l'ansia del dio denaro bisogna avere i soldi altrimenti non si riesce a fare nulla. Sembra che anche uno stile di vita del genere sia appannaggio di chi i soldi ce li ha. e chi non ce li ha ma vorrebbe comunque intraprendere un discorso del genere? Magari mettendo a disposizione il proprio tempo, la propria esperienza e abilità. Comunque io sono disponibile.
15 Settembre 2013 17:22, monica piacenzotti ha scritto:
ciao ho trovato un piccolo borgo con tot 300 mq divisi in 4 abitazioni piu terreni di pertinenza in montagna lo vendono per 30.000 euro è vicino alle piste di sci in piemonte est 3333913499 mi mancano i soldi ma ho l equivalente in attrezzature edili, agricole, ed agrituristiche troviamoci abito vicino a varese ciao
16 Agosto 2013 20:49, Rosa ha scritto:
Potreste dare un'occhiata a realtà già avviate, come La palombare di Felice che vive di autoproduzione nelle Marche! Num cell:3388685427.Vi do inoltre il link del video in cui potete vedere il posto : http://www.youtube.com/watch?v=VT-fRvRp_fc
15 Agosto 2013 11:33, Francesco ha scritto:
questo è un periodo di ferie,ma se c'è qualcuno in contatto mi farebbe piacere sapere se in settembre si organizza una riunione con tutti per conoscerci,
se fabio e veronica mi leggono aspetto vostre notizie.
e-mail gamberale.francesco@alice.it
29 Luglio 2013 09:34, Francesco ha scritto:
Da il cambiamento in bacheca ( creare insieme un eco.villaggio) commento da Francesco
Da un po' che seguo la possibilità di incontrare altre persone e insieme progettare e cominciare un cammino nuovo partendo da un eco villaggio dal vivere insieme che poi nascono le ide per migliorarsi e evolvere verso un modo diverso di vivere rispetto a quello di oggi . Il problema principale da risolvere nella prima fase di transizione per poter iniziare è certamente relativa al denaro.
La questione denaro è la prima vera difficoltà che ostacola molti progetti a iniziare.
La realtà :
La maggior parte di noi che penso siano orientati verso un cambiamento o non hanno disponibilità per affrontare il primo periodo o se hanno disponibilità hanno paura di perdere il danaro in un progetto che non si concretizzi .
In questa fase di transizione bisogna fare i conti con il denaro in quanto tutto costa
Spostarsi
Avere una casa nel luogo dove si andrebbe a formare il villaggio.
Alimentarsi per il primo periodo ( per il tempo di poi essere autosufficienti)
Ho cercato di dare soluzione a tale difficoltà della mancanza o poca disponibilità di denaro.
Pertanto nella fase di transizione bisogna proporre un progetto di fattibilità che tenga conto che si deve iniziare con poco capitale per far si che una buona parte che voglio partecipare possono farlo, è non devono essere condizionati dalla mancanza del dio denaro.
Come si può ovviare a tale scarsità di denaro , progettando da subito un eco villaggio con annesso una azienda agricola o campeggio turistico da rilevare inizialmente in affitto.
Questa soluzione da due vantaggi il primo non avere subito urgenza di fare abitazioni in quanto nel campeggio gli associati possono avere un tetto , ll secondo con una azienda agricola e dal turismo del campeggio si ricava il denaro per iniziare a progettare il villaggio affinché con le possibili iniziative diventi una comunità autonoma per poter vivere . impianto fotovoltaico,permacultura, ecc ecc .
Altro aspetto importante da prendere in considerazione è di convincere anche dei pensionati che con la loro pensione minima in una città fanno la fame in un villaggio sarebbero un valore da considerare prezioso in quanto hanno esperienze .
Per chi volesse veramente iniziare a progettare il villaggio prossimo può attivarsi da subito e cercare
agriturismo campeggio da affittare
coinvolgere pensionati che si conoscono
se ogni uno di noi prende contatto con una o due persone che siano intenzionati da subito in poco tempo possiamo essere molti.
che qualcuno capace crei un blog dove possiamo tutti partecipare e cominciare a riconoscerci . io sono disponibile da subito a partecipare , cosi possiamo cominciare a conoscerci è costituire una lista di lavori che sappiamo fare .
altro aspetto importate del perché non si riesce a cominciare è che le persone lavorano e hanno poco tempo per dedicarsi . per questo è importante avere da subito il villaggio per liberarsi dalla schiavitù del lavoro così come è concepito nella società attuale. (essere schiavi consapevoli).
Per contatti facciamo tutti riferimento a Fabio e Veronica che potrebbero essere i coordinatori del progetto eco- villaggio agriturismo campeggio
Inoltre aggiungo il link di Stefano in cui sono in contatto è ci troviamo molto in sintonia di cui lui come me vuole cominciare da subito ( il cambiamento bacheca cerca - campeggio agrituristico Stefano illustra)
Francesco e- mail gamberale . francesco



10 Luglio 2013 00:42, Carola ha scritto:
Ciao, io e il mio compagno siamo interessati ai vostri stessi progetti. Siamo davvero stufi di guardarci attorno e vedere come la vita perde valore e come noi ci uccidiamo. Vogliamo tornare a quella vita che anche voi sentite, mangiare ciò che produciamo, e avere una vera famiglia, una comunità, certo, con cui poter iniziare una vita vera. Qualcuno ha novità riguardo l'argomento?
8 Maggio 2013 21:04, Isabella e rosario ha scritto:
Questa è una bozza del nostro progetto.Salve a tutti , siamo una famiglia che vive duramente l'impatto con l'era della moderna tecnologia e multimedialità ; in questo mondo afflitto dalla frenesia e dal consumismo che pur tutta via sfocia in una fase di grande disagio economico , sentiamo il bisogno , sperando non singolare , di riconquistare i veri valori , la gioia di vivere e di rallegrarsi anche solo per le piccole cose. Detto ciò nasce l'esigenza di creare una nuova comunità , un piccolo villaggio in buona sostanza , sull'esempio degli amish ma senza gli estremismi religiosi e pratici che fanno capo a tali comunità , vorremmo per tanto far si un tuffo nel passato , riuscire ad essere del tutto autonomi , avere una propria scuola , una propria chiesa , un fondo comune , vivere prevalentemente di baratto e creare un sistema dove tutti si aiutano gli uni con gli altri , all'insegna della lealtà e del buon vivere comune . Entriamo maggiormente nello specifico di questa ipotetica vita , anzi tutto occorrerebbe l'acquisto di un grande appezzamento di terreno sul quale far sorgere un vero e proprio villaggio eco-sostenibile , ogni famiglia mette a disposizione le proprie abilità e competenze nell'interesse di tutti , dall'insegnamento all'artigianato , non ultimi ben si prioritari saranno : l'agricoltura e l'allevamento , uno stile di vita non solo volto al ritrovamento dei valori e dei piaceri non finalizzato anche verso una dimensione eco-biologica e di mantenimento dell'ambiente , bandite dunque la dove possibile le autovetture , i telefonini , l'uso indiscriminato di elettrodomestici e detersivi , i momenti ludico-ricreativi saranno a totale beneficio della comunità , attraverso balli , canti , musica dal vivo e buon cibo fatto in casa , anche il sistema scolastico , la dove si ritenga necessario potrebbe essere rivisto , dando maggior importanza ad attività cinetiche , di sicuro interesse ed efficace risultato , si predirigerà la vita all'aperto e il contatto con gli animali , l'impiego e il lavoro alienante per provvedere al proprio far bisogno dovranno diventare un ricordo lontano . Se concordi e sei disposto ad investire energie e risorse in questo progetto non esitare a contattarci , sono ben accette ulteriori idee. La vita è una e non andrebbe sprecata . Lasciate un commento solo se siete veramente interessati ad aderire al progetto
8 Maggio 2013 11:51, fabio ha scritto:
Ciao a tutti, dovreste scrivere all'indirizzo fabio@robolia.com così possiamo fissare un incontro per conoscerci di persona. Grazie!
5 Maggio 2013 22:41, isabella e rosario ha scritto:
Salve ragazzi,incerti dell arrivo del precedente commento vi riscriviamo, siamo una famiglia di sei persone ,seriamente intenzionata a realizzare in tempi relativamente brevi un progetto come il vostro c piacerebbe incontrarvi e spiegarvi cosi i nostri obiettivi, anche se potreste dare gia' un 'occhiata su facesbook alla voce: in tempi lontani account entro il quale abbiamo gettato una bozza del nostro progetto.speriamo di poterci mettere in contatto.
2 Maggio 2013 10:54, fabio ha scritto:
Ciao a tutti, dovreste scrivere all'indirizzo fabio@robolia.com così possiamo restare in contatto e scriverci senza intermediari, grazie
29 Aprile 2013 16:14, Clara ha scritto:
anche noi siamo una famiglia in provincia di Varese, con 2 bimbi e stiamo cercando anche noi un ecovillaggio...per ora e per motivi lavorativi cerchiamo in una zona non lontana dalla nostra. Voi come siete orientati?
29 Aprile 2013 14:20, Francesco ha scritto:
att.ne ale Ciao ale, io e la mia ragazza stiamo valutando opportunità per progetti d'ecovillaggio ecc., e la zona di levante è meravigliosa, se hai piacere possiamo scambiare due chiacchiere in privato...
25 Aprile 2013 17:22, ale ha scritto:
ciao,sto pensando di mettere a disposizione un mio terreno per creare un ecovillaggio in liguria 5km dal mare di moneglia. cerco gente anche solo x farmi qualche idea.
16 Aprile 2013 17:33, Stefano ha scritto:
ciao, mi piacerebbe avere maggiori informazioni sul vostro progetto. Avete già deciso dei punti cardine?
AZIONI
stampa invia SCRIVI ALL'AUTORE commenta 41 commenti
CONDIVIDI
Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

PAROLE CHIAVE
scollocamento 
EVENTI CORRELATI
 

Viaggi

Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

TRE - Tecnici Risparmio Energetico