Inquinamenti

Levi's si impegna ad eliminare le sostanze tossiche pericolose dai jeans

"Finalmente jeans puliti", Greenpeace commenta così l'impegno preso pubblicamente dalla Levi's di eliminare entro il 2020 le sostanze pericolose dai jeans che produce.

di Greenpeace - 18 Dicembre 2012

levis
Levi’s ha preso l’impegno di eliminare ogni sostanza pericolosa nella sua filiera di produzione e nei prodotti entro il 2020

La maggiore marca di blue jeans al mondo, Levi’s, ha preso l’impegno di eliminare ogni sostanza pericolosa nella sua filiera di produzione e nei prodotti entro il 2020. Un successo reso possibile dagli oltre 200.000 consumatori che in appena una settimana hanno firmato la petizione a Levi’s, alle decine di migliaia che sono entrati in azione attraverso Facebook e Twitter e alla proteste organizzate da Greenpeace fuori dei negozi Levi’s in oltre 80 città di tutto il mondo.


Vestiti che Fanno Male
Autore: Rita Dalla Rosa
Casa editrice: Terre di Mezzo
Leggi la scheda...

È l’ennesima vittoria della campagna Detox di Greenpeace che nei giorni scorsi ha registrato anche l’adesione di marchi come Esprit e Mango.

"Adesso più che mai è chiaro che le grandi marche come Levi’s non possono ignorare le centinaia di migliaia di persone che con Greenpeace chiedono una moda pulita - afferma Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace -. È ora che anche Calvin Klein, Gap e Victoria’s Secret si impegnino all’eliminazione delle sostanze pericolose".

Levi’s chiederà da subito a 15 dei suoi maggiori fornitori (ognuno con più impianti) in Cina, Messico e altri Paesi in via di Sviluppo, di rendere noti i dati dell’inquinamento che essi causano, al più tardi entro giugno 2013. Seguiranno altri 25 fornitori principali, entro la fine del 2013. Tutto ciò permetterà a chi vive nei pressi di queste fabbriche di ottenere informazioni cruciali sullo stato di salute delle proprie risorse idriche.

Impegnandosi a usare sostanze alternative a quelle più pericolose, Levi’s diventa l’undicesimo marchio ad assumere impegni credibili da quando Greenpeace ha lanciato la campagna Detox, nel 2011. Una parte importante dell’impegno di Levi’s è volta all’eliminazione entro il 2015 dei PFC (composti perfluorinati) alcuni dei quali sono persistenti, cancerogeni e con effetti su sistema nervoso, sistema endocrino, accrescimento e sviluppo. Levi’s si è anche impegnata a fare da leader nel settore, promuovendo l’adozione di alternative non pericolose entro il 2015.

La campagna Detox di Greenpeace chiede alle marche della moda di impegnarsi a non rilasciare, entro il 2020, sostanze chimiche pericolose nell’ambiente, e a chiedere ai fornitori di rendere note alle comunità locali circostanti gli impianti di produzione le quantità di tali sostanze rilasciate negli scarichi in acqua.

Leggi IL DOCUMENTO di Levi’s

PAEA CONSIGLIA
Un lettore ha commentato questo articolo commenta commenta
18 Dicembre 2012 17:26, rossella maccolinir ha scritto:
Se non ci fosse stata la campagna Detox di Greenpeace,non avrebbero fatto niente?E quanto hanno inquinato in tutti questi anni?Per me,la cosa entusiasmante,è lavorare per migliorare lo sviluppo dei Paesi ma stando sempre bene attenti alla salute dell'ambiente.In qualsiasi settore.Le persone che lucrano a scapito della salute e dell'ambiente devono essere individuate e sanzionate con pene esemplari.Se vogliamo cambiare il mondo e migliorare la nostra vita e quella dei nostri figli,dobbiamo deciderci a diventare tutti persone oneste e corrette.
 

Salute e Società

Paea
Ufficio di Scollocamento
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico