Agricoltura Biologica

Agricoltura biologica, una questione di interesse strategico nazionale

Agroecologia, biodiversità, alimentazione biologica. Quali sono i diritti dei cittadini e degli agricoltori? Quali, invece, i doveri delle istituzioni? Ce ne parla l'agroecologo Giuseppe Altieri, in questo intervento tenuto al Corso ECM di Messina 'Sicurezza alimentare: Sorveglianza, Ricerca e Informazione'.

di Giuseppe Altieri - 14 Agosto 2012

uva
L'agricoltura industriale rappresenta la principale causa di inquinamento mondiale

La Fame e la Sete, dei mercanti

È di pubblico dominio che l'agricoltura industriale rappresenta la principale causa di inquinamento mondiale e gli allevamenti intensivi producono più CO2 e metano (gas serra) di tutti i trasporti mondiali, riguardanti soprattutto prodotti agroalimentari che solcano gli oceani della globalizzazione.

Il mio Frutteto Biologico
Autore: Enrico Accorsi
Casa editrice: Aam Terra Nuova Edizioni
Leggi la scheda...

Purtroppo però, montagne di 'fesserie pseudoscientifiche' vengono buttate in pasto ai mass media, proponendo pericolosi OGM per la crisi produttiva dell'agricoltura, gli sconvolgimenti climatici, la carenza idrica e la desertificazione, causate proprio da pesticidi, diserbanti, disseccanti ed OGM che distruggono l'humus (con incremento ulteriore di gas serra) e provocano alluvioni per mancanza di trattenimento d'acqua nei terreni, compromettendo la salute di agricoltori e consumatori.

Si vuol preparare la gente alla fame e alla sete, quella dei mercanti che monopolizzano i mercati agricoli, speculando sui bisogni primari, mentre i prezzi pagati agli agricoltori hanno raggiunto il minimo storico, con la paglia (12 €/q.le) che vale più del grano (11,5 €/q.le) e le arance pagate 8 centesimi al kg. Mai successo nella storia umana. Come si è arrivati a tutto ciò?

Oggi al mondo alleviamo miliardi di bovini equivalenti (corrispondenti a 3 maiali, 7 pecore, 100 polli) che mangiano almeno come 20 miliardi di persone (!), in 'fabbriche animali' piene di medicine e ormoni. Li nutriamo con mais, soia e altri prodotti e sottoprodotti agro-zootecnici industriali (OGM, deiezioni dei polli, ecc).

Le coltivazioni intensive consumano più petrolio dell'energia solare fissata attraverso la fotosintesi (carburanti, chimica, conservazione, trasporti), in un sistema dove lunghi stoccaggi espongono i cereali a notevoli perdite e sviluppo di micotossine, con il 50% di ortaggi e frutta buttati senza essere consumati! Massacriamo da 50 anni i terreni più fertili e produttivi, accumulando molti residui chimici, soprattutto nelle carni, che si fissano negli organi umani, al vertice della catena alimentare.

Ci stiamo mangiando l'eredità dei padri, lasciando i figli senza futuro.

pesticidi
L'Italia usa il 35% di tutti i pesticidi europei

Mentre 1 miliardo di esseri umani soffrono la fame nera

L'Italia usa il 35% di tutti i pesticidi europei (in continuo aumento), con 118 residui chimici nelle acque di falda (ARPA-ISPRA). 'Concause aggravanti' che moltiplicano gli effetti tossici sul metabolismo umano e il DNA. E mentre il 'Bel Paese' conquista il record mondiale dei tumori infantili superando gli USA (OMS), con incremento annuo doppio (2%) rispetto alla media UE (1,1%), l'aspettativa di vita sana italiana crolla di 10 anni dal 2004 ad oggi (Eurostat). I tumori aumentano parallelamente al mercato dei pesticidi (dati significativi in Veneto), così come la spesa per malattie, che supera l'80% dei bilanci regionali. E la chiamano sanità.

Disseccanti 'arancio' distruggono il paesaggio italiano e, come non bastasse, nell'indifferenza di Sindaci ed USSL, si irrorano strade, piazze e palazzi, quando esistono mezzi naturali più efficienti per controllare erba, zanzare, mosche. Un lavoro sporco e nascosto delle ditte produttrici e distributrici di Biocidi chimici. 

In Francia Monsanto ha subito multe salate per pubblicità menzognera, avendo per anni indottrinato agricoltori e cittadini sull'innocuità del disseccante Glifosate, che molti usano addirittura nei giardini di casa, mentre in Argentina è stato vietato dai tribunali. Prodotto pericolosissimo che va bandito immediatamente. I responsabili di questi attentati alla salute umana e all'ambiente sono noti. I Sindaci, tutori della Salute, dovrebbero vietare i pesticidi chimici nel territorio dichiarandolo biologico.

Bisogna fermarsi subito, anche perché... è già troppo tardi.

Prima che tradizioni e culture, biodiversità e territori, economie e sicurezze alimentari, salute ed ambiente vengano spazzati via, definitivamente. E i terreni dei contadini falliti finiscano nelle mani dei nuovi latifondisti mondiali multinazionali.

"Troppo cibo per poter mangiare tutti"

L'eccedenza in ogni settore agroalimentare, ottenuta a danno della natura e delle popolazioni più deboli semischiavizzate, crea il crollo dei prezzi alla produzione a vantaggio di speculatori che invadono i mercati internazionali, mettendo a rischio le sicurezze alimentari e sanitarie di tutti i paesi e le loro economie agricole tradizionali.

In Italia 800.000 ditte agricole han chiuso negli ultimi 10 anni (Coldiretti), un indotto di 3 milioni di lavoratori e 3 milioni di ettari abbandonati.

E ci preoccupiamo della FIAT, per poche migliaia di lavoratori, che dovrebbero tornare subito in agricoltura, approfittando proprio della crisi industriale, e dei fondi UE per nuove partite Iva agricole (50.000 €, nda). Molte famiglie non hanno soldi sufficienti per mangiar bene e comprano 'cibo spazzatura' nei discount, non è meglio coltivare un orto o andare a lavorare in campagna?

discount
Molte famiglie non hanno soldi sufficienti per mangiar bene e comprano 'cibo spazzatura' nei discount

Agroecologia e Sovranità alimentare

Sovranità alimentare attraverso produzioni biologiche tradizionali, biodiversità locale e filiere corte o dirette, dai produttori ai consumatori. Dove se non in Italia?

Il paese più ricco di biodiversità e tradizione sta subendo un attacco mortale al suo patrimonio primario, agricolo e sementiero, ed alla salute del suo popolo.

Mentre l'80% del Sud America è autosufficiente, coltivando solo il 30% dei terreni agricoli marginali e meno produttivi, in collina e montagna, dove sopravvive solo l'agricoltura tradizionale.

In India 800 milioni di contadini garantiscono la sovranità alimentare del paese, anche se milioni di tonnellate di derrate vengono distrutte nei magazzini, invece di destinarle ai poveri delle città che non hanno soldi per mangiare.

Dati FAO dimostrano che in tutti i sistemi agricoli mondiali, con l'aumento delle superfici aziendali diminuisce notevolmente la produttività per ettaro di terreno perchè l'industrializzazione non rende possibili consociazioni colturali e corretti avvicendamenti. Molti sistemi di 'policoltura' sullo stesso terreno ed 'agricultura sinergica' (es. mais con fagioli, zucche e zucchine) consentono produzioni per ettaro doppie e triple di quelle industriali, conservando l'ambiente, la salute e la fertilità dei terreni.

E producono posti di lavoro dignitosi, in una agricoltura nel contempo moderna e tradizionale, in sostanza Agroecologica.

Cuba, ridotto alla fame nel 1989, per l'embargo e l'abbandono dei sovietici, si è rimboccata le maniche e in dieci anni di Periodo Especial ha ricostruito un tessuto rurale, recuperando l'autosufficienza alimentare e sanitaria (Medicina Naturale), con sistemi di produzione biologici avanzatissimi. Di necessità virtù... (G. Altieri, La rivoluzione della Naturaleza, Mediterraneo, n° 3). 

biologico
Sovranità alimentare attraverso produzioni biologiche tradizionali, biodiversità locale e filiere corte o dirette, dai produttori ai consumatori. Dove se non in Italia?

"Cibus in primis"

Così nell'antica Roma, laddove non serviva l'appellativo 'biologico'. E nemmeno 50 anni fa, come ci ricorda lo splendido documentario di Enrico Bellani Respiro di Terra (1973), l'agricoltura tradizionale umbra fu sottoposta al primo assedio dei Mercanti di Pesticidi. Non si tratta di rifiutare la meccanizzazione e tornare alla zappa, anche se un grande sviluppo dell'orticoltura familiare, sociale e 'condominiale' è oggi auspicabile, grazie alla crisi economica e finanziaria per troppi capitali in poche avide mani.

Liberiamo l'agricoltura da pesticidi chimici, inutili e tossici, venduti da una fitta rete di commercianti senza scrupoli e senza ricetta (la legge è in parlamento da almeno 20 anni) né assistenza tecnica indipendente (su cui la comunità europea aveva pur investito molte risorse negli anni '80-'90), finita nel lavoro burocratico dei sindacati agricoli - che concertano le politiche regionali, spesso in conflitto di interessi, per la loro partecipazione in Consorzi agrari e Cooperative che ritirano raccolti e vendono chimica e semi -, o in società di servizi d'assistenza, con concorrenza sleale verso i professionisti Agronomi e Periti Agrari. 

Liberiamola inoltre dall'industria di trasformazione agro-alimentare 'truccata' per i supermarkets e, soprattutto, dal commercio speculativo che lascia agli agricoltori meno del 20% del prezzo pagato dal consumatore.

Facciamo la spesa in campagna attraverso filiere corte (GAS) o dirette dal produttore al consumatore; insegnando ai nostri figli odori e sapori veri della natura, il 'sacro' profumo del letame.

Se un GAS di 100 famiglie acquista 200 € al mese per famiglia di alimenti biologici (20.000 €), lasciando agli agricoltori il 60% del prezzo finale, abbiamo 8.000 € al mese per organizzare l'offerta, la domanda e la consegna a domicilio, furgoni ecologici inclusi (4 posti di lavoro). Cosa aspettiamo a sviluppare 'Econologia' (economia ecologica) e Commerci Equi? 

Ed allora è proprio il caso di dire 'Mangiacomeparli'. E ne abbiamo fatto anche un marchio a garanzia dei consumatori, 100% italiano, 100% biologico, 100% libero da OGM.

Il potenziale occupazionale nazionale è di almeno 500.000 posti di lavoro (ISFOL). Che aiuterebbero il ripopolamento delle campagne ed il recupero dell'agricoltura periurbana, per un altro milione di lavoratori. Cui si aggiungono almeno 20.000 tecnici agroecologi indipendenti.

Tutto ciò è previsto dalle norme Agroambientali Europee (dal 1992), obbligatorie e prioritarie nei Piani di Sviluppo Rurale, le ricchissime finanziarie agricole regionali. Ma le cose, purtroppo, non sono andate come i legislatori europei avevano previsto e le regioni, con miopia cronica, hanno per lo più contrastato gli obiettivi della politica comunitaria agroambientale.

Continua...

PAEA CONSIGLIA
Il Mio Orto Biologico
Autore: Enrico Accorsi
Casa editrice: Aam Terra Nuova Edizioni
Leggi la scheda...
Agri-business - I Semi della Distruzione
Autore: F. William Engdahl
Casa editrice: Arianna Editrice
Leggi la scheda...
2 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
29 Settembre 2013 10:49, giuseppe ha scritto:
di cosa si tratta
17 Agosto 2012 10:39, davide ha scritto:
e dire che pensavo di immedesimarmi nel mondo virtuale LO DEFINISCONO il futuro SSSI COME NO!! la fame nel terzo mondo non è niente in confronto agli illusi che si illudono di guadagnare smanettando in internet e sfornando a dir loro siti/blog innovativi di interesse MONDIALE ........ POVERI NOI ............................. nessuno che pensi di avvalersi della tecnologia PER PORTARE AVANTI UN LAVORO CHE SIA VERAMENTE UTILE??? io una mezza idea l'avrei ...certo non è facile da portare avanti!! all'inizio non si guadagna ma si spende per risparmiare NON SAREBBE UN BUON INIZIO? vediamo se ci sono almeno dei curiosi? se mi mandate un email evidenziando città quanto prima avrete notizie l'email è dovelomettiamo@libero.it a presto davide
 
Paea
Ufficio di Scollocamento
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico