In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Agricoltura Biologica

Brevetti sul cibo, Mira Shiva: "È questione di vita o di morte"

"Ora che i prezzi del cibo aumentano, la lotta contro i brevetti sugli alimenti è questione di vita o di morte per i piccoli agricoltori". Lo ha affermato la studiosa, attivista e medico, Mira Shiva - dell'associazione indiana Navdanya - al convegno Sblocchiamo il diritto al cibo organizzato dagli ideatori della Campagna 'Sblocchiamoli'.

di Ludovica Jona - 12 Ottobre 2011

mira shiva
“Ora che i prezzi del cibo aumentano, la lotta contro i brevetti sugli alimenti è questione di vita o di morte per i piccoli agricoltori”

“Oggi che i prezzi del cibo aumentano, la battaglia per impedire la brevettazione di varietà di riso, grano, così come di piante mediche, è una battaglia collettiva da cui può dipendere la vita di milioni di agricoltori”. Lo ha affermato la studiosa, attivista e medico, Mira Shiva dell'associazione Navdanya al convegno Sblocchiamo il diritto al cibo organizzato dalla Campagna Sblocchiamoli: Cibo, salute e saperi senza brevetti, ieri mattina a Roma.

“In India - ha spiegato Shiva - vi sono varietà di riso che resistono a sale, siccità monsoni e inondazioni e sono quindi fondamentali per la vita di milioni di persone. Tutte le grandi corporation, dalla Monsanto alla Syngenta, hanno fatto richiesta di brevetto su queste varietà di grano. Se questi brevetti verranno accordati si arriverà alla fame”.

Shiva ha sottolineato che il rischio è alto perché la Monsanto, ha già brevettato molte varietà di semi e ha fatto un appello: “è un furto e un crimine privatizzare i beni coltivati per secoli dai contadini e poi metterli in commercio in regime di monopolio. Dobbiamo combattere a diversi livelli, con l'educazione dei giovani e facendo pressione per ottenere leggi che tutelino la libertà dei semi. Se non vinciamo questa battaglia - ha concluso - le cose diventeranno molto difficili per i piccoli produttori”.

Per sottolineare come il problema non sia esclusivamente dell'India e dei Paesi del sud del mondo è intervenuto il consigliere provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà e Vice Presidente della Commissione consiliare Ambiente, Gianluca Peciola, che insieme alla Vice Presidente della Provincia e Assessore alle Politiche culturali Cecilia D'Elia è stato il primo firmatario della dichiarazione di intenti della Campagna Sblocchiamoli contro i brevetti sui beni comuni.

agricoltura
La Monsanto ha già brevettato molte varietà di semi

“Abbiamo presentato una mozione che impegna la Provincia di Roma a sostenere le proposte della Campagna Sblocchiamoli - ha detto Peciola - affinché eserciti il suo diritto consultivo sulle istituzioni europee competenti, attraverso il Comitato Europeo delle Regioni”. “Già interveniamo a sostegno della produzione diretta dei piccoli agricoltori, ma crediamo che sia importante un impegno formale dal forte valore politico, per coinvolgere altri Enti locali, affinché questi principi rimbalzino a un livello più alto”.

L’evento Sblocchiamo il diritto al cibo fa parte delle iniziative del Cisa (Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare), in preparazione della giornata mondiale dell'alimentazione. Ha dato il via agli eventi locali della Campagna, che si svolgeranno in 11 regioni italiane e 3 spagnole e coinvolgeranno amministratori e società civile, attraverso seminari, concerti, mostre fotografiche, proiezioni video e spettacoli teatrali.

La campagna

Promossa da un gruppo di ong, associazioni e università, la campagna Sblocchiamoli nasce per impedire la trasformazione di cibo, salute e saperi, da beni comuni – da preservare e godere democraticamente – in beni privatizzati dal monopolio del brevetto, acquisibili solo a fronte di lucrose licenze di utilizzo. Sono previsti 11 eventi in Italia e Spagna hanno l’obiettivo di coinvolgere i rappresentanti degli enti locali nella tutela di diritti e beni comuni.

PAEA CONSIGLIA
3 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
3 Maggio 2013 23:11, morena capurso ha scritto:
non si può creare una petizione? grzie
15 Aprile 2013 18:51, Roger ha scritto:
Si beneventano solo le novità. Non è possibile brevettare cose che già esistono. Se un agricoltore non gli va bene la novità può sempre usare i vecchi semi. Non si può parlare di monopolio per i semi ma solo di brevetti che hanno lo scopo di ricompensare chi ha investito ingenti somme per creare nuove varietà più produttive e più resistenti ai parassiti. Allo stesso modo che un medicinale o una macchina dopo un certo numero di anni i brevetti scadono e chiunque li può fabbricare o produrre. Una distinzione che non fate è tra sementi ibride e non. Cosa questa molto importante
12 Aprile 2013 16:06, clementina ha scritto:
Non se ne puo' piu'!!!!!! e' vergognoso...e' uno dei pochi cibi che sostengono il loro popolo. Il mondo e' in mano ai piu' potenti della terra; gli stessi che la stanno distruggendo!!!
 
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

TRE - Tecnici Risparmio Energetico