Azionariato diffuso con l'energia rinnovabile

Azionariato sociale, diffuso, nonviolento e condiviso. Impossibile? Nient’affatto. Si può. Si può realizzare un investimento azionario a servizio del pianeta e dell’ambiente. Una delle possibilità è offerta dal Parco dell’Energia Rinnovabile. Un modo diverso di fare e pensare la finanza che, così, si trasforma in una compartecipazione veramente “dal basso” e “per la gente”.

Azionariato diffuso con l'energia rinnovabile

L’azionariato diffuso e condiviso si trasforma in una vera e propria opportunità, per sé stessi e l’ambiente, e nell’occasione di condividere veramente gli scopi del Parco dell’Energia Rinnovabile dell’Umbria.

Il PeR è un centro scientifico, turistico, divulgativo e ricreativo in prima linea nella ricerca e nella sperimentazione di tecnologie, processi e azioni virtuose «che migliorino la vita dell’uomo e riducano l’impatto delle attività della società civile sul pianeta» spiegano dal PeR. Ed è impegnato dal 2009 per indurre nelle persone il desiderio e il piacere di cambiare. «Adesso è arrivato il momento di far entrare nuove persone nella compagine sociale, offrendo un’importante fetta azionaria della proprietà del Parco e la possibilità concreta di sperimentare questo cambiamento» spiegano.
Le quote  a disposizione sono 60 con un investimento di 13mila euro ciascuna.
Ecco i servizi e i diritti tangibili che scattano con la sottoscrizione delle quote:
- Possesso reale della proprietà del Parco
- Dividendi azionari in funzione delle quote acquistate
- Uso esclusivo di un appartamento se rilevi almeno il 15%
- Uso gratuito dell’ospitalità per quote di almeno il 5%
- Possibilità per i soci di lavorare nel parco
- Possibilità di acquisto impianti rinnovabili a prezzo di costo
- Costi fissi pari a zero-no imu-tasse sul reddito dell’investimento
- Autoproduzione del cibo per i residenti
In più ci sono vantaggi intangibili ma altrettanto interessanti:
- Partecipazione attiva al progetto
- Cammino comune verso un futuro più umano
- Nessun rischio di non completare il progetto
I settori operativi del Parco prevedono:
Agricoltura naturale, didattica ed educazione ambientale, ristorazione e cucina vegana vegetariana,  produzione di trasformati alimentari,  presidio SLOW FOOD “Fava Cottora dell’Amerino”,  ospitalità alberghiera,  corsi di formazione,  eventi sostenibili ( matrimoni, aziende e tanto altro).
Alcuni settori da sviluppare:
Cura e benessere della persona,  scuola democratica libertaria, agricampeggio,  trekking e percorso avventura,  campi estivi,  promozione estero,  merchandising.
PeR  II Parco dell’Energia Rinnovabile Tel. 0744 988050 0744 988050
Mail: scrivi@per.umbria.itwww.per.umbria.it

 

Fotovoltaico
Efficienza Energetica

Commenti

Per un azionariato diffuso anche per i meno abbienti (quote a partire da 50%u20AC): retenergie.it (adotta un kw fotovoltaico!)
Nicola M., 18-04-2014 02:18

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.