La verità sconosciuta sulla carne. Un’esperienza di informazione nella scuola

A Pisa Paola Paolicchi ha organizzato per gli studenti di quattro classi delle seconde superiori di età compresa tra i 14 e i 16 anni, una conferenza volta a sensibilizzare i ragazzi circa i "crimini tenuti nascosti dagli sfruttatori degli animali" e a far conoscere loro le possibili alternative di vita e alimentari.

La verità sconosciuta sulla carne. Un’esperienza di informazione nella scuola
Entrare nella Scuola Pubblica a parlare di Ecologia della Nutrizione e di allevamenti intensivi. Ci ho impiegato molto tempo, mail, telefonate, ma alla fine è stato possibile. Mi sono imposta di essere uno strumento che parla a nome dei miliardi di animali nati e cresciuti in allevamenti lager, di tacchini presi per il collo e tirati con violenza in cima al camion, milioni, miliardi di maiali, mucche, agnelli, capre, cavalli, pecore che viaggiano stipati sui tir senza poter bere, mangiare per giorni, magari sotto il sole cocente sull'autostrada oppure immobili per ore sotto una gelida tempesta di vento e neve, tremanti e affamati; e poi l'arrivo alle fabbriche della morte con le pupille dilatate in preda al terrore, con l'odore del sangue nel naso e gli urli dei fratelli negli orecchi. Entrare nella scuola, con gli strumenti giusti, sensibilizzare i bambini e i ragazzi sui crimini tenuti nascosti dagli sfruttatori degli animali credo sia il regalo più bello che possiamo fare a tutti i miliardi di esseri uccisi ogni giorno. Per la mia esperienza è doveroso dire che arrivarci costa molto, ma non perché dobbiamo frugarci in tasca, costa in termini personali, e di pazienza e 'diplomazia'. Infatti dietro i ragazzi ci sono le famiglie, centinaia di persone, ognuno con una testa diversa; i professori e il preside mi hanno suggerito di non presentare la parola vegan o vegetariano sul mio progetto didattico, ma utilizzare 'scelta alternativa di vita' e 'scelta alternativa alimentare' e così è stato, però quattro classi per complessivi 100 ragazzi della II superiore hanno potuto ascoltare tramite la mia voce, le condizioni di sofferenza, i maltrattamenti, i massacri cui vengono sottoposti gli animali 'da carne' e riflettere su quanto le loro scelte alimentari e non alimentari siano decisive per tutti gli animali. Entrando nello specifico, la conferenza è stata organizzata presso una Scuola Secondaria Superiore nella quale ho proposto ai professori di scienze un programma da svolgersi in 3 incontri concordati con loro stessi per quel che riguarda la data e la durata di ogni singolo incontro. 1. Tema allevamenti Intensivi. Proiezione del DVD Meat the truth - Carne: la verità sconosciuta. 2. Tema etico. Proiezione documentario La vita emotiva degli animali da fattoria. 3. Tema alimentazione alternativa e consumo consapevole. Materiale informativo e di approfondimento è stato fornito gratuitamente da Agireora Network all'interno dell'iniziativa Video a scuola. Con tre giorni di anticipo mi sono recata all'Istituto scolastico e oltre a inserire tutto il programma sul sito della Scuola ho affisso le locandine che avevo fatto sull'incontro, con la descrizione degli argomenti trattati e la proiezione dei video con date e orari. Mi è stata messa a disposizione l'aula magna con lo schermo gigante, microfono, proiettore DVD. A sostegno dell'iniziativa mi ero preparata due pannelli con mostra fotografica antipellicce e mostra fotografica contro la vivisezione che ho posizionato all'ingresso dell'aula magna, molti ragazzi della scuola si sono fermati a guardare e a leggere, qualcuno con coraggio è entrato a chiedere notizie e volantini. Alla conferenza erano presenti quattro classi delle seconde superiori, di età compresa tra i 14 e i 16 anni, oltre che insegnanti delle classi stesse, personale della segreteria e professori dell'Istituto di discipline diverse. Durante la proiezione mi sono posizionata in fondo all'aula magna per controllare le reazioni; considerando che erano presenti un centinaio di ragazzi, l'aula era silenziosa e a parte qualche commento spontaneo e doveroso c'è stata molta attenzione. Da sottolineare che al termine, e in parte durante la conferenza, è stato più volte detto e ripetutamente affermato che per tutti era la prima volta che venivano a conoscenza di queste terribili realtà. Non c'è informazione su questi temi che invece ritenevano molto importanti. Naturalmente avevo portato materiale informativo sui temi trattati, ma avevo ben pensato che li avrei consegnati alla fine della conferenza, per non distrarli. Inoltre, per testare il loro interesse, avevo posizionato i libretti informativi, opuscoli, volantini, adesivi, di fronte a me sotto lo schermo gigante per costringerli a esporsi totalmente per avere una copia. Alle 14.00 è suonata la campanella ma anche se stanchi e affamati, si sono messi in fila per ricevere il materiale e per far prima i professori stessi si son messi a dare una mano. Tanti mi hanno ringraziato. Se ci sono riuscita io da sola, può farlo chiunque di noi. Tutti possiamo riuscirci ed è molto importante se vogliamo salvare qualche vita. Paola Paolicchi
Comitato Europeo Difesa Animali – CEDA ONLUS
Referente Sezione Provinciale di Pisa
paola.paolicchi@alice.it

Commenti

Complimenti a Paola Paolicchi per la sua iniziativa interessante ed intelligente perchè lungimirante: investire sui giovani, sulla loro conoscenza è la base per la formazione di nuovi consumatori consapevoli ed "etici". Jacopo Goracci
Jacopo Goracci, 06-04-2011 05:06
E' ora che si insegni ai bambini(e a certe madri, i padri forse contano meno in materia) come si può mangiare meglio, spendere meno e contribuire a: diminuire l'inquinamento da allevamento intensivo, diminuire i disagi dovuti a malattie di cui facciamo volentieri a meno, ecc ecc Ma bisognerebbe anche ulteriormente diffondere l'utilizzo di alimenti vegetariani sani, privi cioè dei maledetti fitofarmaci. Ma io non sono un agricoltore e quindi lascio questo argomento a chi se ne intende. Ho smesso di mangiare carne, per inconsapevole disgusto, nel 1981. Ho quasi sessanta anni e..... sono ancora vivo! In anni successivi mi sono informato sul perchè provassi disgusto nel mangiare carne, grazie anche all'aiuto della oggi ex-moglie che già era informata all'epoca sui vari perchè. Ancora oggi risulta un pò complicato essere vegetariani o quasi(il pesce lo mangio volentieri). In molte situazioni mi trovo ad essere l'unico vegetariano presente; poi quando gli altri commensali vedono arrivare i piatti a me destinati (verdure, formaggi, ecc) trovo sempre chi mi chiede un assaggio. Vi sarebbero molte altre cose da dire, ma mi limito a salutarVi.
GIOVANNI GREGORETTI, 06-04-2011 05:06
Anch'io mi unisco ai complimenti a questa bella iniziativa. Come spiegato, spero sia stato tutto presentato con tatto per non urtare la sensibilità dei giovani, i quali devono subire le abitudini e gli insegnamenti dei genitori. Mia figlia sedicenne è molto interessata e sensibile all'argomento. Io sono vegetariana, lei ancora non del tutto, ma sta molto attenta. Vorrei quindi sottolineare che sono i genitori che devono essere sensibilizzati, magari con il sostegno dei figli. Proporrei di fare un incontro con i genitori che certo verrebbero spinti dai figli a partecipare, capire e imparare che vivere senza carne si può, anzi si deve!
Marta, 07-04-2011 03:07
ONORE a Paola Paolicchi! La sua è stata una iniziativa più unica che rara. Spero proprio che alla sua iniziativa ne seguano tantissime altre. Bisogna intervenire sui giovanissini non per irretirli, ma per informarli nella direzione giusta. Personalmente sto dando ampia diffusione della notizia su Facebook. Grazie.
Federico Bartolozzi, 10-04-2011 01:10
grande ammirazione per paola! quanto mi piacerebbe che nelle scuole superiori queste cose si facessero qualche volta! bisogna essere capaci di parlare di queste cose in modo tranquillo ma incisivo e non tutti sono in grado! brava ancora
isabella innocenzi, 29-04-2011 06:29
Grandissima Paola!!! Tutta la mia ammirazione per quello che hai fatto! Sono sicura non solo abbia lasciato il segno, ma che produrrà risultati positivi, espandendosi grazie ai ragazzi.
Nora, 12-01-2012 10:12
E' facile plagiare i bambini. Oltretutto sono immersi in questo mondo pieno di merendine e aggressività e spreco e morte... Il problema finirà solo quando finirà la razza umana... Come dicono in una pubblicità, l'uomo è cacciatore, gli piace far del male e portare morte intorno a se. E' il parassita, è uscito molto tempo fa dal ciclo naturale della vita.
Andrea, 14-01-2012 03:14

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.