In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

In cattività

Delitti animali. Sentenza storica: sanzionabili senza distinzione di specie

La Corte di Cassazione, con una sentenza storica, ha stabilito l'applicabilità degli articoli 544 bis e ter del codice penale non solo alle specie d’affezione: i delitti contro gli 'altri' animali sono dunque sanzionabili senza distinzione di specie.

di ENPA - 29 Marzo 2012

diritti animali
La Cassazione sancisce definitivamente l’applicabilità degli articoli 544 bis e ter del codice penale non solo alle specie d’affezione

Con una storica sentenza la Cassazione sancisce definitivamente l’applicabilità degli articoli 544 bis e ter del codice penale non solo alle specie d’affezione. “Il pronunciamento della nostra Suprema Corte, che - lo ricordiamo - assicura l'esatta osservanza e l'uniforme interpretazione della legge, chiarisce che i delitti di maltrattamento e uccisione sono sempre applicabili a qualunque specie animale, anche in presenza di leggi speciali (ad esempio: circhi, sperimentazione, allevamento)”, spiega l’Enpa che prosegue: “Questo conferma dunque che la legge 189/2004 'Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate' non tutela soltanto cani e gatti”.


Il tacchino termostatico. Un etologo e i suoi animali
Se si ha talento non è necessario, per diventare buoni etologi, precipitarsi con tanto di equipaggiamento alle isole Galapagos: è sufficiente avere una famiglia disposta a convivere con...continua

“Ciò significa che alcune categorie, come quelle dei cacciatori, circensi, vivisettori, pescatori o degli allevatori, nel caso in cui si rendano responsabili di delitti contro gli animali, non potranno più nascondersi dietro un dito e invocare una vera e propria immunità, connessa alla natura dell’attività che essi svolgono – aggiunge l’Enpa -. Auspichiamo quindi che anche magistrati e forze dell’ordine prendano in considerazione questa importante sentenza per garantire la corretta applicazione della legge e il rispetto del sentire collettivo nei confronti degli animali”.

Con il suo pronunciamento la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso della Procura di Pistoia, la quale – a sua volta – aveva impugnato il provvedimento di assoluzione emesso dal Tribunale di Pistoia a favore di un circense. Il procedimento contro l’uomo, imputato di avere causato con le sue condotte omissive lesioni agli animali detenuti nella propria struttura, era stato promosso dalla Lega Anti-Vivisezione (Lav). L’imputato era stato assolto perché, secondo il Tribunale di Pistoia, l’544 ter non si sarebbe dovuto applicare a “quelle attività umane che hanno un rilievo sia di carattere commerciale che ludico, ovvero un risvolto di carattere economico”. La Cassazione, invece, è stata di altro avviso, fissando nel nostro ordinamento giuridico un principio importantissimo.

PAEA CONSIGLIA
Amare gli Animali Conoscere Se Stessi
Autore: Stefano Cattinelli
Casa editrice: Stefano Cattinelli
Leggi la scheda...
4 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
30 Marzo 2012 20:59, Roby1747 ha scritto:
Non mi reputo vegetariano, ma non apprezzo, in genere la carne (o pesce, che dir si voglia): vi sono però popoli che non hanno vegetali a disposizione, ne per propria alimentazione,ne per quella di animali "da latte"(e quindi formaggi)(es.: Gli Esquimesi)Reputo pertanto che la Legge della Natura imponga la soppressione di alcune specie, per la sopravvivenza di altre; questo concetto è valido per NECESSITA', ma non a scopo ludico: i Cacciatori "sparatori" possono sfogarsi su piattelli e/o comunque bersagli inanimati; i Sigg. pesactori " per hobby" provino una volta ad appendersi per le labbra ad un amo, e lasciarsi morire per soffocamento.... Non aggiungo altro!
29 Marzo 2012 21:06, LUMA ha scritto:
..in un prossimo futuro, forse saranno sanzionati anche chi ordina l'ucciosione dei nostri fratelli animali per il puro godimento del loro palato !! " In verità, io vi dico,che sono venuto nel mondo per abolire tutti i sacrifici di sangue e il cibarsi della carne degli animali e degli uccelli che vengono macellati dall' uomo. " Il Vangelo di Gesu', cap.75,9 Rottweil 1986
29 Marzo 2012 19:01, Adespoto ha scritto:
QUINDI possiamo denunciare TUTTI i cacciatori e TUTTI i proprietari e gestori di allevamenti? Perchè mi pare evidente che OGNUNO di questi, senza nessuna eccezione, si macchi di tale delitto! O forse sparare ad un tordo non significa maltrattarlo? E allevare galline come abbiamo visto proprio su questo sito? Per non parlare dei mattatoi o di quello che fanno ai tonni... Sarebbe un enorme segnale di civiltà che andrebbe contro la legge economica tanto in voga del profitto a tutti i costi, per cui... sarà la solita buffonata!
29 Marzo 2012 12:19, Carlo Carlucci ha scritto:
Era ora. Adesso sta a noi, pur nel marasma che stiamo vivendo, difendere i diritti dei nostri poveri ' fratelli più piccoli' come il poeta russo chiamava gli animali.
 
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico