In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

NEWS » Crisi

Corrado Clini, ministro per l'Ambiente pro nucleare e inceneritori

di Andrea Degl'Innocenti - 17 Novembre 2011

Corrado Clini
Corrado Clini, neo monistro dell'ambiente favorevole agli inceneritori e all'energia nucleare

Il giorno dopo l'entrata in carica del nuovo governo, è il momento di andare a sbirciare fra le pedine schierate da Monti nella sua personale formazione. Ieri abbiamo visto come le banche assumano un ruolo rilevante nell'esecutivo, oggi vogliamo concentrarci su una figura particolarmente importante per il futuro del paese: il ministro dell'Ambiente.

Chi è dunque Corrado Clini, nuovo ministro dell'Ambiente? A chi abbia seguito le vicende del gabinetto negli ultimi vent'anni, il nome non suonerà affatto nuovo. Clini ha avuto il ruolo di direttore generale del ministero dell'Ambiente fin dal 1990, e nel corso degli anni ha navigato nelle alterne fortune e nelle varie vicende che hanno coinvolto il dicastero.

Già nell'89, ancor prima di iniziare la sua carriera dirigenziale, Clini assumeva un ruolo di rilievo nella vicenda dei rifiuti pericolosi italiani sversati in Libano dalle aziende lombarde e quindi riportati in Italia dalla nave Jolly Rosso. In quell'occasione fu il primo a rassicurare gli italiani sull'innocuità dell'operazione, sostenendo che bruciare due copertoni avrebbe causato maggior inquinamento.

Per anni si è occupato della vicenda di Acna di Cengio, la zona nei pressi di Savona devastata dall'inquinamento causato da un'attività industriale sfrenata, che venne bonificata a partire dai primi anni Novanta e fu al centro di uno scandalo a causa dei rifiuti "magicamente spariti" dall'area, che in realtà erano stati sversati apertamente nei pressi del fiume Bormida.

Clini è stato anche indagato, fra il 1996 e il '97 per via dell'inquinamento prodotto da un inceneritore della società svizzera Thermoselect. Difeso dall'avvocato Taormina, riuscì a far trasferire il processo dalla procura di Verbania al Tribunale di Roma, dopo di che la sua posizione fu archiviata.

Proprio la posizione sull'incenerimento dei rifiuti è uno dei punti che convince meno nella figura del neo ministro dell'ambiente. Ecco cosa sosteneva sulle campagne anti-inceneritori in un'intervista rilasciata al sito dell'Agi Energia: “Queste polemiche sulla mancanza di sicurezza ambientale degli impianti di termovalorizzazione non hanno alcun fondamento. È un pregiudizio, non è una contestazione di merito”. E concludeva, sempre con riferimento agli inceneritori “In Campania ne servono, così come in Sicilia, in Puglia, nel Lazio, in Liguria: per essere chiari, dove non ci sono servono”.

Altro punto dolente riguarda il nucleare. Clini è il curatore del rapporto Verso la strategia nucleare dell'Italia, datato settembre 2010. Vi si possono leggere affermazioni come le seguenti: “tra le energie pulite il nucleare, insieme all’efficienza energetica ed alle rinnovabili, ha un ruolo decisivo, perché è disponibile, è efficace, è la tecnologia avanzata di riferimento per le economie che si stanno muovendo con maggiore velocità verso la nuova green economy”; oppure “il nucleare contribuisce in modo significativo alla sicurezza energetica dell’Europa”; o infine “in questo contesto la ripresa del nucleare in Italia […] può dare una scossa a tutta l’Europa”.

Clini ha suscitato scalpore anche per alcune affermazioni, contestate fortemente dal leader dei Verdi Angelo Bonelli. “La scelta di Corrado Clini per il ministero dell'Ambiente è una scelta che non convince. Non si può che essere perplessi e preoccupati se al ministero dell'Ambiente è stato nominato chi ha dichiarato, da direttore generale dello stesso ministero, che la lotta ai cambiamenti climatici costa troppo e ha manifestato, in un convegno del 2010, la propria avversità a rinnovare l’accordo internazionale di Kyoto oltre la scadenza del 2012”.

Ma Clini è in buona compagnia. Il suo collega Corrado Passera, neo ministro dello Sviluppo, dichiarava in un'intervista a Panorama: “i termovalorizzatori vanno fatti. Basta con il falso ecologismo, smettiamola con i pregiudizi ideologici, con il luddismo antitecnologico, con la paura per tutto ciò che sa di scientifico. Ogni provincia dovrebbe avere impianti di smaltimento suoi propri. In Lombardia ce ne sono 15 e quello di Brescia è da tanti anni un modello internazionale. È una vergogna intollerabile che la Campania non ne abbia ancora di funzionanti e che l’emergenza sia istituzionalizzata da 14 anni!”. E sul Tav, sempre Passera aveva a dire: “Ma è possibile impiegare decenni per fare un’autostrada o per completare la TAV o per rinnovare le reti idriche?”

Ecco invece cosa pensa il vice di Monti, il nuovo Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, sui referendum per la ripubblicizzazione del servizio idrico: “il referendum sulla privatizzazione del servizio idrico ha portato via con sé anche la liberalizzazione degli altri servizi pubblici locali, l'unica riforma pro mercato della legislatura. Ciò non può interpretarsi come una legittimazione del potere politico locale a occupare definitivamente con le aziende municipalizzate tutte le aree economiche: i principi di buon andamento ed efficacia dell'azione amministrativa non sono stati messi in discussione”. Per concludere: “In caso di inefficienze e sprechi la via obbligata resta il ricorso al mercato e vigono ancora le norme del Trattato europeo sulle gare per la scelta del miglior affidatario”.

Se tali sono le premesse e tali le pedine schierate dal nuovo governo, si prospetta un inverno molto caldo. Già oggi gli studenti sono scesi in piazza in tutta Italia per manifestare assieme ai Cobas per il diritto allo studio. Non stentiamo a credere che seguiranno altre giornate di rivolta della società civile.

A.D.

PAEA CONSIGLIA
6 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
4 Agosto 2012 18:46, fraxx ha scritto:
Vale, sarai pure ingegnere... Ma di vita ne capisci poco.. Il problema non è la tecnologia che ,sulla carta, funziona sempre e perfettamente. E' l'applicazione tecnica e soprattutto il suo mantenimento nel tempo che sono decisamente preoccupanti. Hanno costi elevati, ed in una economia precaria come quella odierna, non c'è garanzia che venga fatta. Quindi un inceneritore ( o se preferisci termovalorizzatore, ovvero spazzino oppure operatore ecologico) appena realizzato , forse, potrebbe anche non inquinare.. Ma nel tempo, breve, assolutamente no. ( Se vuoi ti spiego gli elettrofiltri, i carboni attivi etc che non credo tu abbia mai visto nella pratica in funzione)
18 Novembre 2011 19:11, pilla ha scritto:
di fronte a tanti sdilinquimenti sulla sobrietà e competenza della nuova squadra di governo vanno sottolineate le perplessità per la scelta a dicasteri di prinaria importanza come quello dell'ambiente di personaggi di preoccupante passato e convincimenti. Le dichiarazioni di Clini riguardo al nucleare, dopo il pronunciamento del referendum, debbono essere un campanello d'allarme. Tutti quelli a cui sta a cuore il nostro paese farebbero bene a controllare le mosse successive. AVVISATI SIAMO MEZZI SALVATI!!
17 Novembre 2011 22:30, Fab ha scritto:
Vale, non è questione di paura della scienza e della tecnologia è piuttosto il contrario. Scienza e tecnologia mettono a disposizione da anni metodi alternativi al nucleare per produrre energia. Per quanto riguarda i termovalorizzatori beh ... ci sono tanti e tanti studi ed esperienze dirette che mettono in correlazione inceneritori, nanoparticelle e cancro ... Credo solo che se si possono evitare sarebbe meglio farlo. In tutti i casi questo pseudo governo dovrebbe provare a risollevare l'economia in circa un anno ... non altro .. il resto non è richiesto da nessuno, tantomeno dagli italiani.
17 Novembre 2011 19:21, Mario ha scritto:
L'articolo contribuisce a farmi apprezzare alcuni dei neo-ministri di cui sapevo ben poco. Finalmente gente con idee chiare e voglia di dare pane al pane.
Capisco anche che il governo avrà vita dura: i disfattisti stanno rialzando la testa, preparando il terreno per la rivincita di Berlusconi che, se queste sono le premesse, purtroppo avverrà a breve e senza troppe difficoltà.
Fino a che la sinistra resterà prigioniera della logica dell'inseguimento a tutti i malpancisti non c'è altro destino per l'Italia, purtroppo.
17 Novembre 2011 18:21, Franco ha scritto:
Non c'è certo da stare allegri nè distratti con il neo-nato governo italiano (purtroppo la passata esperienza consiglia ai cittadini di non usare più l'aggettivo possessivo "nostro").
Possiamo però dire che davanti all'incalzare della crisi di sistema sono scese finalmente in campo tutte le vere forze, senza cioè l'opaco filtro di mediatori asseritamente progressisti o di faccendieri spudoratamente servili.
Il sospiro di sollievo per la liberazione da questi ultimi e per l'emancipazione dalla tutela dei primi deve però tramutarsi in un profondo respiro di ritempramento e preparazione ad una prova ben più dura e mirata perchè il cambiamento desiderato dovrà scontrarsi direttamente, sia in senso culturale che in senso tecnico progettuale e propositivo, con le forze vere finalmente emerse e costrette a giustificare la loro presenza e i loro assunti.
E' una lotta a cui non ci si potrà sottrarre ma è finalmente una lotta aperta. Non perdiamo l'ultima, irripetibile occasione perchè da cittadini di un Paese possiamo essere e valere cittadini del mondo.
17 Novembre 2011 16:27, Vale ha scritto:
La mia passione per l'ambiente mi ha portato a intraprendere gli studi di ingegneria ambientale, anni fa. Nonostante i miei ideali siano fermamente rivolti ad un consumo più consapevole delle risorse a nostra disposizione, non trovo più di tanto scandalose le dichiarazioni riportate in questo articolo. Non sono a favore del nucleare, è vero, ma ritengo che anche i nuclearisti abbiano le loro ragioni, non per forza antiambientali. Condivido tra l'altro appieno il parere di Passera sui termovalorizzatori, trovo anch'io negative le prese di posizione "a priori" su questi argomenti tecnici. Spesso, chi si oppone a queste tecnologie, non ha la minima conoscenza delle grandezze o delle tecnologie in gioco, ma è solo male informata da chi vive di slogan. Nono sono invece d'accordo col parere di Catricalà sulla privatizzazione dei servizi pubblici: il "veto" alla privatizzazione dell'acqua ha un significato del tutto a sé stante: l'acqua è un diritto primario (senza non si puà vivere), a differenza degli altri servizi. Altrimenti il referendum sarebbe stato indetto su tutti i servizi pubblici...
 

Economie

Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico