SPECIALE » Il Giappone, Fukushima e il nucleare

Rubbia, il nucleare e il Giappone: facciamo il punto

Jacopo Fo, nella sua newsletter, ha rilanciato un'intervista realizzata da Bianca Berlinguer, giornalista di Rai Tre, al premio Nobel Carlo Rubbia sugli incidenti nucleari giapponesi. Le risposte non sono rassicuranti...

di Redazione - 20 Marzo 2011

Carlo Rubbia

Quanto è grave la situazione in Giappone? Possiamo fidarci delle informazioni di quel governo o non ci stanno dicendo la verità?

Direi che la situazione non è molto chiara  a questo punto, le informazioni che riceviamo sono piuttosto limitate, non abbiamo ancora un’idea molto chiara di quello che sta davanti a noi. Dobbiamo renderci conto che si tratta di un rischio considerevole. Nella scala dei valori si parla oggi di grado 6 quando Chernobyl era grado 7. Non sappiamo esattamente quali sono le situazioni in cui quelle persone stanno lavorando. Però dobbiamo essere riconoscenti a operatori che stanno sopravvivendo in quella situazione inaspettata e invivibile.

Francia dice oggi che l’impatto di questo disastro potrebbe essere superiore al grado 7 di Chernobyl.Lei che dice è troppo presto per previsioni?

Si tratta di un fenomeno diverso da Chernobyl: quello è stato un fenomeno di esplosione. Qui il combustibile, pur essendo spento, produce calore e questo provoca un riscaldamento che diventa incontrollabile. Si sa che la quantità di radiazioni che uno riceve si misura in Sievert. Persone che hanno 2.5 Sievert hanno probabilità del 50%  di morire. Ora sappiamo che di questi reattori la quantità di radiazione è dell’ordine di 10 miliardi di Sievert. Quindi c’è un quantitativo immenso di radioattività dentro questo contenitore.

Il problema è sapere quanto di queste radiazioni può sfuggire al controllo. Quindi c’è un problema di grande incertezza.

La fusione anche parziale del nucleo potrebbe essere già iniziata o no?

Sappiamo che l’oggetto è andato completamente fuori controllo e le temperature sono elevatissime, si sono prodotte grandi quantità di ossigeno e idrogeno. I quali si scompongono naturalmente dall’acqua del reattore quando le temperature superano migliaia di gradi, quindi ci troviamo con una miscela esplosiva di idrogeno e ossigeno all’interno del reattore stesso. Al fine di liberare questa pressione si è fatta uscire una quantità di radiazioni assieme a idrogeno e ossigeno che è una miscela esplosiva e l’esplosione è stata determinata dal fatto che durante l’espulsione delle sostanze radioattive c’è stata anche l’accensione dell’idrogeno con la corrispondente distruzione del sistema esterno di protezione.

Con le centrali di terza generazione che non conosciamo perché non sono state ancora costruite, i danni sarebbero stati limitati?

Noi ci troviamo davanti ad una grande sorpresa, perché i giapponesi sono stati i migliori tecnologi mondialmente sul nucleare, hanno costruito un gran numero di centrali a condizioni assolutamente impeccabili. Il fatto che ci troviamo davanti ad una sorpresa da gente così preparata, ci dice che c’è qualcosa che non ha funzionato, quindi oggi dobbiamo fermarci e cercare di riflettere con attenzione, e d’altra parte è anche quello che dicono i francesi, per capire quali sono le misure per evitare situazione di questo genere. Ci troviamo davanti ad una situazione che ha probabilità piccolissime di avvenire ma quando avviene produce un disastro che potrebbe essere anche sostanziale e considerevole. E questo insieme è qualcosa che dev’essere compreso da tutta la comunità del nucleare, anche da quella francese.

Quindi lei dice “fermiamoci, non andiamo avanti”.

Stiamo parlando del nucleare che nel migliore dei casi funzionerà tra dieci anni, vent’anni, quindi abbiamo il tempo per riflettere, perché è importante che si faccia una seria riflessione sull’effetto sorpresa poiché ora la situazione è fuori controllo e non accettabile nel caso del nucleare.

Certamente sarà una decisione del governo, della gente, su cosa fare sulle energie nucleari e altro, però a me sembra che oggi dovremmo anche considerare che le energie rinnovabili sono un’alternativa che va utilizzata, quindi io credo che dovremmo cercare di aprire la strada a più di una possibilità. Sicuramente non c’è a disposizione più uranio di quanto c’è carbone o petrolio, mentre il solare è qualche cosa che tra l’altro ci appartiene ed è per sempre. Quindi io credo che nella riflessione dovremmo anche tener conto se abbiamo messo abbastanza soldi e supporto anche sulle rinnovabili.

4 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
30 Marzo 2011 17:41, Brontolo2009 ha scritto:
Le centrali nucleari come tutto ciò che l'uomo costruisce sono soggette agli eventi naturali(terremoti) e all'errore umano(sempre presente purtroppo). A tutto ciò si aggiunge:
1° l'assenza conoscitiva sulla neutralizzazione delle scorie radioattive
2° l'impossibilità di effettuare operazioni manutentive in caso di incidente senza prima rinunciare alla propria vita.
A tutto ciò aggiungiamo anche un possibile attacco terroristico.
Pensate se il nord-Africa aveva le centrali nucleari che abbiamo noi in Europa.
Chiedo allora a tutti i nuclearisti che antepongono il valore del denaro a quello della vita che prima della costruzione di una cosa che attualmente non siamo in grado di gestire che pensino con maggiore spirito costruttivo
alle fonti rinnovabili.
21 Marzo 2011 13:13, luisangela vita ha scritto:
Io sono daccordo per l'utilizzo dell'energia solare, proprio perche' e' l'unica fonte inesauribile, percio'la ricerca dovrebbe essere indirizzata in questo senso.
20 Marzo 2011 23:59, Balconi Rita ha scritto:
finalmente una persona influente che ragiona,io penso che chi continua a parlare con superficialità del nucleare e a proporlo come ottima risorsa di energia non usa la testa,usano parole dettate da interessi finanziari a quanto pare giganteschi ma che porterebbero alla distruzione accellerata dell'umanità e del pianeta.
20 Marzo 2011 16:42, ciccio ha scritto:
Rubbia è un signore.
AZIONI
stampa invia SCRIVI ALL'AUTORE commenta 4 commenti
CONDIVIDI
Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

PAROLE CHIAVE
nucleare  giappone  rubbia 
ARTICOLI CORRELATI
 
Ufficio di Scollocamento
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico