In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

SPECIALE » Referendum: si vota (!) su Acqua e Nucleare

Germania, mai più nucleare, avanti con le rinnovabili

di Andrea Degl'Innocenti - 30 Maggio 2011


La Germania spegnerà tutte le sue centrali nucleari entro il 2022

Lo sguardo sicuro, l'espressione astuta, la rinomata caparbia. Non lo si direbbe, a vederla così, che persino Angela Merkel sia di quella categoria che – a detta del nostro presidente del consiglio – prende decisioni sull'onda delle emozioni. Eppure dev'essere così se è vero che a poco più di due mesi dalla catastrofe di Fukushima la Germania è da questa mattina la prima potenza europea a rinunciare del tutto al nucleare.

La notizia è arrivata alle prime ore dell'alba. Dopo un lungo vertice con la coalizione di governo e una serie di consulti con l'opposizione e rappresentanti della chiesa, delle associazioni e della società civile è giunta infine la decisione, annunciata dal ministro dell'ambiente Norbert Roettgen: tutti i reattori tedeschi saranno disattivati in via definitiva entro il 2022.

La Germania conta ad oggi 17 reattori. Di questi, gli otto più vecchi sono già stati scollegati dalla rete di produzione dell'energia elettrica e non verranno riattivati. Altri sei saranno disattivati entro il 2021, gli ultimi tre nell'anno successivo, il 2022 appunto. Poi niente più energia atomica in Germania. Un solo reattore sarà tenuto in stand-by, ma solo nel caso di emergenze e black-out. I costi di riconversione, stimati in 40 miliardi di euro, saranno aiutati dal mantenimento della tassa sulla produzione di energia atomica.

E per il fabbisogno energetico? Il nucleare tedesco produceva fino al 1998 circa il 33 per cento dell'energia. Poi, il cosiddetto 'addio dolce all'atomo' voluto in quell'anno da Gerard Schroeder portò la percentuale in una decina d'anni al di sotto del 20 per cento. Al cambio di mandato la nuova cancelliera Angela Merkel si mostrò al principio piuttosto favorevole al nucleare – fu accusata da molti di subire eccessivamente l'influenza delle lobby dell'atomo – riportando la produzione nucleare a circa il 22 per cento del totale. Ma il disastro di Fukushima, e l'ascesa inarrestabile del partito antinuclearista dei Verdi (ormai stabilmente il primo partito di opposizione, secondo alcune statistiche il primo partito in assoluto) deve averle scrollato di dosso – emotivamente, s'intende – persino ogni profonda convinzione.

Il piano prevede che siano le energie rinnovabili a prendere il posto delle centrali. Già adesso la Germania, il paese più industrializzato d'Europa, copre il 23 per cento del proprio fabbisogno energetico grazie a fotovoltaico, eolico, biomasse e simili. Fra il 2020 e il 2030 le rinnovabili arriveranno al 70-80 per cento.

La svolta della Germania fa esultare il comitato referendario 'Vota sì per fermare il nucleare'. Quella tedesca, si legge in una nota, è una “lezione magistrale per chi continua a sostenere, anche di fronte alla sciagura di Fukushima, l’ineluttabilità dell’atomo. [...] Il futuro – conclude il comitato – è altrove: nelle energie pulite, nell’efficienza. Parole che il governo in Italia conosce poco e frequenta ancor meno”.

Già, perché bando alle emozioni e in controtendenza rispetto al mondo intero l'esecutivo italiano è ben deciso a proseguire sulla strada atomica appena intrapresa. Venerdì il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani ha ribadito all'assemblea annuale di Confindustria la convinzione del governo che “la scelta nucleare sia la più corretta per un Paese industrializzato come il nostro”.

Poco importa se ancora oggi in Italia si debbano fare i conti con le scorie prodotte in quel ventennio che è durata la nostra avventura nucleare. A questo proposito consiglio a tutti di guardare attentamente il video qui sotto. È un intervento di Ulderico Pesce, attore teatrale lucano da sempre impegnatoi in battaglie contro il nucleare, presso il presidio di qualche giorno fa organizzato dai comitati referendari sotto Montecitorio, in occasione dell'approvazione del decreto Omnibus.

Video a cura di Massimiliano Petrucci del comitato '2 Sì per l'Acqua Bene Comune'.

Il decreto Omnibus, approvato la scorsa settimana dalla Camera e firmato da Napolitano, è nelle mani della Corte di Cassazione, che dovrà decidere se la norma sostituisce, e dunque annulla, il quesito referendario sul nucleare. Il responso, da cui dipende il futuro del nucleare in Italia (o forse il futuro e basta?) è atteso per mercoledì.

A.D.

PAEA CONSIGLIA
Un lettore ha commentato questo articolo commenta commenta
30 Maggio 2011 23:08, Franco ha scritto:
Il messaggio che viene dalla più grande e...storica potenza industriale europea deve mettere gli italiani davanti alle loro precise e personali responsabilità di paese civile capace di progredire in senso umano e genuino, traendo forza e impegno dalla propria creatività e ingegno senza cioè accodarsi a processi energetici adottati da altri paesi tanto più proprio quando quegli stessi paesi hanno dimostrato i limiti e le pericolosità di quei processi. L'opposizione personale e individuale di fronte anche a scelte governative, che possono essere dettate da interessi oligarchici di comodo, rappresenta il valore e l'essenza di una democrazia protagonista di contro ad una cieca sudditanza o ad una interessata cortigianeria.
AZIONI
stampa invia SCRIVI ALL'AUTORE commenta 1 commento
CONDIVIDI
Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

PAROLE CHIAVE
nucleare  germania  referendum 
ARTICOLI CORRELATI
EVENTI CORRELATI
 
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

TRE - Tecnici Risparmio Energetico