In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Moneta

JAK Italia, il modello di banca senza interessi

Jak Italia è il primo progetto italiano di finanza libera da interessi. L'obiettivo è quello di promuovere il risparmio e la creazione di una economia solidale. Per saperne di più sulla creazione di questo nuovo modello bancario, ne abbiamo parlato con Enrico Longo, presidente del comitato promotore della Banca Popolare Jak Italia.

di Dario Lo Scalzo - 25 Gennaio 2013

euro
Il progetto JAK nasce dalla volontà del comitato promotore di cambiare il modo di fare banca ed erogare prestiti nel nostro Paese, con un’idea di business sociale 'no profit'

Nonostante quello che vogliono farci credere, il Paese non è spento. Esiste un‘Italia che si muove per cambiare, che ha deciso di mettersi in gioco in prima persona per provare a modificare i comportamenti individuali e collettivi, per abbattere i pilastri perdenti del sistema esistente e che prova a creare un nuovo benessere; quello che mira a porre al centro la cultura del valore, quello che tende al vero progresso dell’umanità che risiede nella centralità della persona, nell’esaltazione della sua dignità, della sua diversità e nel suo rispetto.


Il vicolo cieco dell'economia
È inutile "mettere la freccia a sinistra", se non si può sorpassare. E il sorpasso del capitalismo, anche da sinistra, è impossibile se se ne condivide...continua

Spesso il cambiamento nasce dalla semplicità e giunge anche riproducendo le esperienze di successo di altri luoghi che, ahimè, molto spesso non vengono veicolate né raccontate alle masse, probabilmente perché attraenti, scomode e rivoluzionarie. Nell’Italia che cambia abbiamo incontrato Enrico Longo, presidente del comitato promotore della Banca Popolare Jak Italia per saperne di più sulla loro idea di creazione di un nuovo modello bancario.

Chi siete e cosa proponete?

Attualmente esistono l’Associazione culturale Jak Bank Italia ed il comitato promotore per la costituzione della Banca Popolare Jak Italia. La prima si occupa di fare sensibilizzazione e formazione sul tema dell’economia interest-free, organizzazione di eventi promozionali ed aggregare quante più persone possibili attorno al progetto. Il secondo è, invece, lo 'strumento tecnico' che sta portando avanti l’iter di costituzione del soggetto bancario.

Il progetto JAK nasce dalla volontà del comitato promotore di cambiare il modo di fare banca ed erogare prestiti nel nostro Paese, con un’idea di business sociale 'no profit' in cui l’obiettivo sia la sostenibilità economico-finanziaria, non la massimizzazione del profitto. La peculiarità della futura Banca Popolare Jak Italia sarà, infatti, l’assenza di applicazione di interessi sui prestiti e sulla giacenza. Sarà, inoltre, un modello di reciprocità, in cui i soci, e non i clienti come nel tradizionale sistema bancario, potranno condividere i loro risparmi con gli altri soci, a basso costo.

jak italia
La peculiarità della futura Banca Popolare Jak Italia sarà l’assenza di applicazione di interessi sui prestiti e sulla giacenza

Alla base dei valori del progetto c’è, dunque, l’esigenza, fortemente sentita oggi dalle aziende come dai privati, di modificare radicalmente l’attuale sistema economico-finanziario, giungendo ad un nuovo paradigma in cui i valori, la cultura e gli individui occupino un ruolo di primo piano: una banca che dia credito esclusivamente all’economia reale e locale consentendo lo sviluppo di una nuova sostenibilità e coscienza ambientale anche in campo economico e finanziario.

La futura Banca inoltre si vuole porre come centro di sviluppo di un’economia dei beni comuni e intende focalizzare la propria attività attraverso: l’educazione finanziaria, la promozione del risparmio, il credito consapevole, la creazione di reti di supporto tra soci, di sostegno a istruzione e cultura, di supporto ad attività ecosostenibili, di promozione dell’accesso al credito e dell’autonomia degli individui, di creazione di solidi rapporti con imprese, lavoratori e professionisti, con particolare riguardo alle realtà innovative e orientate verso una maggiore eco sostenibilità, realizzazione di prodotti e condizioni operative che agevolino iniziative solidali per i soggetti che operano nel terzo settore.

Come funziona il sistema di risparmio e prestiti Jak?

Il meccanismo denominato “sistema di risparmio e prestito bilanciato”, su cui il nuovo soggetto bancario poggerà le proprie basi, può essere sintetizzato come un sistema in cui a garantire i finanziamenti sono le riserve di risparmio dei soci. I capitali prestati sono garantiti dalle somme in deposito. Il bilanciamento consiste nell’equiparare, attraverso un indicatore denominato “punti-risparmio”, le somme in entrata ed in uscita dal sistema.

A garantire la liquidità e la sostenibilità del sistema è, dunque, il meccanismo dei “punti-risparmio”: punti che si accumulano nei periodi in cui il socio effettua depositi e si decrementano nei periodi in cui si accede al finanziamento. Il “punto risparmio” è l’unità di misura monetaria moltiplicata per il tempo di giacenza o ammortamento. Affinché il sistema sia sostenibile, è necessaria dunque l’uguaglianza tra i “punti-risparmio guadagnati” e i “punti-risparmio spesi”.

Al momento dell’accensione del prestito, se i punti accumulati non sono sufficienti a compensare quelli che il prestito consumerà, il socio si obbliga a effettuare un deposito aggiuntivo sul proprio conto, attuando così il meccanismo del “post-risparmio” durante il periodo di rimborso, mantenendo in equilibrio il sistema. La somma accumulata con il “post-risparmio” è di proprietà del socio e sarà disponibile al termine del piano di ammortamento. Il sistema Jak opererà dunque attraverso tre diverse tipologie contabili di conto: conti di “pre-risparmio” (i tradizionali conti correnti o depositi), conti di “post-risparmio” e conti “prestito”.

Chi sono i proprietari di Jak?

I proprietari di Jak sono i soci, tutti con lo stesso “peso” secondo il principio capitario “una testa, un voto”, indipendentemente dalla quota di capitale sottoscritta. Solamente i soci potranno usufruire dei servizi di Jak. In sostanza, gli “azionisti” sono i soci ed i “dividendi” sono rappresentati dalla possibilità di avere finanziamenti a bassissimo costo. Nel modello che proponiamo, oltre a quanto detto sopra, ogni socio potrà detenere al massimo lo 0,5% del capitale sociale.

scritta banca
Quello proposto da JAK è un nuovo modello bancario

Dove ha funzionato e dove funziona il sistema di banca senza interesse?

Jak ha le proprie origini in Danimarca. Durante la Grande Depressione del 1930, molte aziende agricole fallirono a causa della stretta creditizia e dell’alto costo del denaro. Alcune di esse si riunirono sotto la guida di Kristian Kristiansen che, nel 1931, fondò la società cooperativa Jord Arbejde Kapital (Terra, Lavoro, Capitale – i tre pilastri dell’economia reale), il cui acronimo è “JAK”. JAK considerava, e considera, la struttura degli interessi come la causa principale dell’instabilità economica, e le principali conseguenze ne sono l’inflazione e l’alta disoccupazione.

Da quel momento ad oggi è trascorso tanto tempo e via via si sono susseguiti differenti esperimenti di sistemi di risparmio e prestito senza interessi. Già durante gli anni ‘50 e i primi anni 60 l’idea ed il successo di JAK in Danimarca attirò un certo interesse in Svezia. Nel 1965, dopo diversi anni di studio e di incontri con gli esponenti del progetto danese, la Jord Arbete Kapital svedese prese vita come organizzazione senza fini di lucro. L’associazione crebbe molto lentamente e, solo verso la fine degli anni ’80, il sistema decollò, fino al raggiungimento dello status di banca, con il nome di Jak Medlemsbank nel 1997.

Dal 1997, i membri sono aumentati con una crescita di 1000 per anno e i depositi di circa il 10% l’anno. Oggi, Jak Medlemsbank, con un capitale sociale di circa 7 milioni di euro, una raccolta di circa 121 milioni di euro, a fronte della quale riesce ad impiegare presso i soci circa 100 milioni di euro, ha oltre 38.000 soci che beneficiano delle prestazioni delle banche tradizionali, senza però il ricarico degli interessi sui prestiti, impiega 30 dipendenti ed è supportata da circa 500 volontari.

Negli ultimi anni, il “modello JAK”, grazie soprattutto all’esperimento svedese, ha attirato l’attenzione in molti Paesi e non solo d’Europa. Regno Unito, Finlandia, Belgio, Germania, Canada, Olanda, Spagna e Italia. Attualmente, sebbene alcune delle citate realtà siano già operative sotto forma di cooperative, il progetto maggiormente vicino a replicare il modello bancario svedese è proprio quello italiano.

A che punto siete con Jak Italia e quali sono i prossimi step? Quando prevedete di iniziare con l’operatività?

Stiamo terminando la stesura della documentazione da depositare presso la Consob: il prospetto informativo e tutti gli allegati previsti. Il business plan, uno di essi, è stato terminato, approvato dall’assemblea dei soci del comitato promotore ed è in fase di revisione da parte della società di revisione che dovrà redigere la relazione di asseverazione da allegare al prospetto informativo. Terminata tutta la documentazione depositeremo tutto presso la Consob e quando avremo terminato la raccolta del capitale sociale necessario, faremo richiesta di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria a banca d’Italia.

Le tempistiche sono ancora lunghe, il progetto è complesso ed il percorso ricco di difficoltà. Il nostro obiettivo è quello di potere presentare la documentazione alla Consob entro qualche mese. A quel punto, fatte salve richieste di modifica e/o integrazione, entro due o tre mesi la Consob stessa si esprimerà. Da questo punto in avanti dipenderà dalla volontà delle persone e dal buon lavoro del comitato promotore: se impiegheremo sei mesi o due anni per raccogliere il capitale sociale.

jak
Negli ultimi anni, il 'modello JAK', grazie soprattutto all’esperimento svedese, ha attirato l’attenzione in molti Paesi

In questa epoca di crisi economico-finanziaria nata essenzialmente dalla finanza speculativa, può l’idea JAK prendere piede e rappresentare una reale alternativa di medio-lungo periodo al consolidato sistema bancario tradizionale?

Più che un’alternativa, noi ci proponiamo come latori di un modello 'integrativo', complementare all’attuale modo di fare banca. Non saremo in diretta concorrenza con gli altri istituti di credito, almeno nei primi anni, vista la peculiarità dell’operatività proposta. Riteniamo che l’unico futuro possibile sia il ritorno ad una economia 'sana', caratterizzata da una dimensione umana, una economia reale e locale. Proseguire sull’attuale strada porterebbe inevitabilmente verso un baratro (cui, peraltro, siamo molto vicini).

È sufficiente osservare le dinamiche socio-economiche per comprendere ciò. La sperequazione (i poveri divengono sempre più poveri, i ricchi sempre più ricchi, ed in minor numero), l’utilizzo della “finanza speculativa” come fondamenta dell’economia reale, la distrazione dei grandi capitali dall’economia reale e dalle esigenze delle persone, ecc… non hanno futuro, indipendentemente dalla nascita della Banca Popolare Jak Italia.

Da molte parti, in moltissimi settori della società, sorgono ormai da anni proposte di cambiamento radicale dei paradigmi (quasi dogmatici) sui cui l’economia “è stata basata” per anni e per secoli. Sempre più spesso le persone cominciano ad organizzarsi dal basso, creando nuovi modelli di riferimento, nuovi strumenti.

A nostro avviso l’esigenza di un modello bancario come quello proposto da Jak, sia per le persone che per le imprese, è fortissima. Ora si tratta di vedere se all’esigenza si accompagnerà la volontà di agire.

PAEA CONSIGLIA
La Banca la Moneta e l'usura
Autore: Bruno Tarquini
Casa editrice: Controcorrente
Leggi la scheda...
11 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
20 Marzo 2013 12:13, Carlos Huerta ha scritto:
Proprio stamattina ho letto questo:
http://holos.unigov.org/holosbank.com/unigov/Letter%2019-3-13.htm - Chi può dargli torto?
20 Marzo 2013 12:02, Carlos Huerta ha scritto:
Per conoscere Rodolfo Marusi Guareschi, più vero (nei fatti) di Google è forse questo: www.marusi.org/pit.htm
20 Marzo 2013 11:14, Ansko ha scritto:
Ekabank è un'idea di Rodolfo Marusi Guareschi... in passato aveva creato Dhana... guardate su Google e troverete molte info...
29 Gennaio 2013 20:40, freakqnc ha scritto:
Grazie alla Alessandra Valle che si é gentilmente unita a rafforzare la richiesta di ulteriori e dettagliate info. Caro Carlos Huertas, grazie per i suggerimenti riguardo l'ekababk, ma credo che l'approccio promozionale con chi ha dubbi sia contro producente, come provato dal commento del lo schiettamente scettico (magari senza alcuna ragione d'esserlo). Purtroppo quando si propongono idee alternative e per spiegare quelle idee ci sono info che esortano alla lettura di delucidazioni provenienti da una fonte che mira a reclutare membri dando loro spiegazioni insufficienti ad illustrare in modo convincente, chiaro e conciso, non si hanno dei risultati comunicativi efficaci e d'impatto. Personalmente suggerirei spendere un attimino di tempo producendo una video animazione più approfondita di quella della JAK, dando risposte alle domande poste (ed altre che non ho citato) per dare una visione esauriente a chi nutre dubbi sul funzionamento e la fattibilità di un tale sistema. Grazie mille anticipatamente per le informazioni che seguiranno in futuro. :)
29 Gennaio 2013 12:28, Alessandra Valle ha scritto:
Condivido (e ringrazio) pienamente il post di freaknc e spero che abbia risposte esaurienti.
29 Gennaio 2013 09:21, Carlos Huerta ha scritto:
Il sistema IAK sostituisce gli interessi bancari con i punti. EkaBank elimina gli interessi.
29 Gennaio 2013 01:10, freakqnc ha scritto:
Mi piacerebbe sapere più dettagli sul principio dietro la JAK. Ci sono sicuramente spese amministrative connesse al sistema JAK come ce ne saranno sempre in qualunque sistema che amministra fondi. Fossero anche solo gestite da volontari non pagati, ci sono comunque spese gestionali che non si possono evitare in quanto vi saranno comunque vari requisiti legali che richiederanno spese d'ufficio, e pagamento di tasse e tariffe che qualunque business deve pagare. Se un sistema amministrativo non crea plusvalore o facendo pagare delle quote minime, siano esse per servizio o per essere membri del sistema di gestione finanziaria come vengono coperte tali spese? Se non ci sono proventi su cui poter contare visto che non si parla di interessi, quali fondi vengono usati per pagare tasse di esercizio, e costi di infrastruttura? Il concetto espresso sia in articolo che nel video presentato, sono sicuramente validi, ma al momento mi mancano informazioni chiave in cui so possa chiarire meglio come il principio possa venire applicato nelle società odienre. La fiducia va anche bene ma come si farebbe fronte al caso in cui malgrado tutta la buona volontà una persona che é stata recipiente di un prestito, poi non per sua colpa o dolo, fallisce creando un buco finanziario che ne assicurazioni, ne interessi o beni possono coprire? Mi piacerebbe veder pubblicato un articolo (o anche commenti costruttivi) in cui si spieghi in modo chiaro, conciso ma approfondito come il concetto alla base di JAK funzioni. Il fatto di non chiedere interessi mi sta bene, ma l'esempio del familiare che presta i soldi non ad interesse (nel video) mentre é certamente illustrativo della base di fiducia, non é un buon esempio. Intanto il familiare ha messo a rischio fondi che ha lavorato per guadagnare, e potrebbe mettere a frutto tali fondi in una attività propria, o altra iniziativa. Se non ha nessun ritorno allora é un aiuto al suo buon cuore... e va tutto bene e sono tutti contenti se ogni cosa andrà a buon fine... ma nello sventurato caso che per qualunque motivo le cose non vadano a buon fine... non per malignità ma per cause imprevedibili e non intenzionali, allora che succederebbe? Il familiare si accolla la perdita del capitale prestato a interesse 0% per intero? Oppure il familiare che ha ricevuto il prestito paga a vuoto per coprire il proprio debito e restituire il capitale? E in tutto ciò non sembra esserci nessun accordo in cui si sia legati in modo ufficiale a parte il legame di sangue o promessa verbale tra amici... Insomma mi farebbe piacere che si facesse chiarezza sui tanti dubbi, magari lasciando le speculazioni da parte ed evitando di trasformare i commenti in una baruffa chiazzotta nata da malintesi o incomprensini :) Grazie di nuoveo per l'interessante articolo ed i commenti. PS: @Alessandra si in effetti é un principio dell'economia Islamica in cui prestiti per guadagno di interessi non é consentito per principi religiosi (come sanciti dalla sharia) in quanto tali interessi vengono considerati usura. Lo stesso é applicabile riguardo a investimenti in business in cui un investimento per ricevere servizi o prestazioni in cambio é considerato altrettanto contrario ai principi religiosi e commissione di peccato... oggi non credo sia la forma economica praticata comunque in quanto le economie Islamiche oggi funzionane come le non Islamiche a livello internazionale e non importa come la si voglia girare, non soddisfano le condizioni stabilite dalla sharia comunque la si metta poiché cambiano le terminologie a livello semantico ma la sostanza per la maggior parte (e per quel che ne so finora... e si incoraggiano correzioni) funziona in modo praticamente uguale ai sistemi dell'economia non Islamica. https://en.wikipedia.org/wiki/Islamic_banking
28 Gennaio 2013 10:48, Carlos Huerta ha scritto:
A parte le offese, Germano ed Alessandra Valle non hanno letto bene il sito e/o non conoscono il credito: i nomi dei maggiori responsabili di EkaBank, fra cui il sottoscritto, sono indicati in basso a sinistra; EkaBank non contiene né artifici né raggiri e nemmeno ingiusto profitto, quindi non può essere truffa; EkaBank non ha nulla a che vedere con la finanza islamica; è solo l'applicazione delle regole sul credito nell'interesse della larga maggioranza della popolazione invece che a favore di pochi.
26 Gennaio 2013 22:46, Germano ha scritto:
Ekabank mi sembra una vera truffa.
Non ha forma giuridica e non si trova un nome di un responsabile in tutto il sito.
26 Gennaio 2013 18:59, Alessandra Valle ha scritto:
Mi sembra che assomigli molto al sistema di credito in uso nei paesi di religione mussulmana.O sbaglio?
25 Gennaio 2013 12:47, Carlos Huerta ha scritto:
www.ekabank.org - Credito sulla fiducia, senza garanzie, interessi e spese.
 

Economie

Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico