Stili di Vita

Condividere il cibo: nasce in Italia “I food share”

Sulla scia di esperienze positive a livello internazionale, nasce in Italia “I food share”, un'iniziativa di condivisione del cibo o food-sharing. Condividere il cibo significa aiutare chi è in difficoltà, impedire alle eccedenze alimentari di diventare rifiuti e favorire comportamenti virtuosi di sostenibilità ambientale.

di Laura Pavesi - 17 Aprile 2013

staff i food share
'I food share' è un'associazione no profit fondata da quatto giovani catanesi (nella foto da sinistra a destra Francesco, Elisabetta, Daniele Scivoli, e Daniela)

Sull'esempio di numerose e positive esperienze, a livello internazionale, di condivisione del cibo con chi ne ha bisogno, nasce anche in Italia un'iniziativa di food-sharing. Il principio che sta alla base del food-sharing è spingere le persone a spartirsi gli alimenti in eccesso e ancora perfettamente commestibili, anziché gettarli nella spazzatura.

Il cibo, come l'acqua, non è una merce al pari delle altre: condividere i nostri surplus alimentari significa aiutare chi ha bisogno, evitare lo spreco di risorse per produrre nuovo cibo e impedire l'accumulo di rifiuti nelle discariche. Un'idea semplice, ma di grande buon senso.

Cucinare Senza Sprechi - Libro
Autore: Andrea Segrè
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Leggi la scheda...

L'esperienza italiana si chiama “I Food Share” e nasce in Sicilia, precisamente a Caltagirone (Catania). È un'associazione no profit, fondata da quatto giovani catanesi, che ha lanciato una piattaforma web sulla quale privati cittadini, ma anche a produttori e rivenditori, possono offrire - liberamente e gratuitamente - i prodotti alimentari eccedenti.

È Daniele Scivoli, Presidente e ideatore di “I Share Food”, a raccontarci com'è nato il progetto: “Vista la mia vicinanza all’ambiente pastorale, quindi alle persone che soffrono e vivono in condizioni di disagio, l’idea è nata spontaneamente. Si è trattato, soprattutto, di coniugare la volontà di donare il cibo e fare del bene a chi ne ha bisogno, con l’aiuto che, invece, può offrire la tecnologia. Oltre a me, ci sono altri tre amici e soci fondatori, Francesco, Elisabetta e Daniela”.

I Food Share è un’associazione che ha come mission la condivisione online di cibo. Il progetto parte da uno studio della FAO pubblicato nel 2011 su perdite e sprechi di cibo a livello mondiale: circa un terzo del cibo prodotto ogni anno per il consumo umano - grosso modo 1,3 miliardi di tonnellate - va perduto o sprecato”.

spreco cibo spazzatura
Circa un terzo del cibo prodotto ogni anno per il consumo umano va perduto o sprecato

“Il sito web””, continua Daniele, “è stato reso disponibile alla comunità virtuale il 26/02/2013. Anzitutto, ci si deve registrare gratuitamente come privato cittadino, poi si può iniziare a donare la cesta del prodotto. Ogni persona che si registra ha un suo profilo, con l’elenco dei prodotti che offre. Da qui, liberi cittadini oppure anche associazioni, come la Caritas, per esempio, possono richiedere il prodotto. Ogni volta che viene scelto un prodotto da chi ne ha bisogno, il prodotto si cancella automaticamente, così da evitare accavallamenti di prenotazioni”.

La piattaforma è molto simile ad altre piattaforme straniere - ad esempio, quella tedesca . ”Sì”, ci conferma Daniele, “l’idea viene dalla Germania, ma solo come spunto iniziale. Il nostro sito vuole essere diverso rispetto a quello tedesco. Da esso trae solo ispirazione, infatti si sviluppa in modo autonomo”.

E prosegue: “Il nostro è il primo sistema web in Italia di condivisione online di cibo a scopi umanitari. La piattaforma web può essere utilizzata da singoli donatori, cittadini, associazioni, ong, parrocchie ed enti sociali in genere che vogliono condividere o recuperare risorse alimentari per le fasce in difficoltà della popolazione. La novità è il web, la piattaforma permette, tramite registrazione degli utenti, la pubblicazione diretta del cibo offerto e la sua localizzazione a livello territoriale, qualsiasi donatore può offrire qualcosa inserendo la località di riferimento e l’ente/cittadino può prenotare e donare la cesta alimentare e gestire autonomamente la consegna/ritiro”.

i food share
I food share è il primo sistema web in Italia di condivisione online di cibo a scopi umanitari

Obiettivi del progetto sono favorire la condivisione del surplus giornaliero di cibo prodotto, acquistato o invenduto e dei prodotti agroalimentari di produzione locale, nonché incentivare comportamenti virtuosi di sostenibilità ambientale e valorizzazione del cibo che, altrimenti, diventerebbe rifiuto urbano. Ma, soprattutto, a sviluppare la cultura della solidarietà, che si fonda sullo scambio di uno dei beni primari per lo sviluppo umano: il cibo. Come il diritto all'acqua, il diritto all’alimentazione è un diritto universale ed inviolabile di ogni essere umano.

I Food Share”, conclude Daniele, “è un’associazione non a scopo di lucro. Il sistema permette di coniugare la richiesta di prodotti agroalimentari per scopi umanitari, con il recupero e la messa a disposizione del cibo a partire dal comune cittadino fino alla grande e piccola distribuzione e alle aziende agricole che vorranno offrire il loro surplus a scopi solidali. I Food Share è condivisione, è partecipazione solidale nel settore dell’alimentazione umana”.

Come si legge sul sito di I Food Share, solo in Italia “ogni anno vengono buttati via 12,3 miliardi di euro di cibo”, ma, grazie ad iniziative come questa, che ci auguriamo possa diffondersi in tutta Italia, ognuno di noi può fare qualcosa di utile e concreto per impedire lo perdita di alimenti commestibili, perché “condividere il cibo è un atto d'amore”.

PAEA CONSIGLIA
4 lettori hanno commentato questo articolo commenta commenta
17 Giugno 2014 14:30, Roberto ha scritto:
Fate girare la notizia attraverso i social network, prima o poi funzionerà alla grande, le nuove generazioni si muovono e si muoveranno solo attraverso la rete. Bravi bella iniziativa, non scoraggiatevi ci vuole tempo.
17 Aprile 2013 23:21, clotilde ha scritto:
ho condiviso perchè è una bella idea, ma personalmente non saprei come partecipare. abito a Torino e vorrei capire cosa posso fare per collaborare. Sono pensionata e non ho attività. Cosa potrei mettere a disposizione, e come potrei farlo avere e a chi? Grazie.Forse sono un po' lenta a capire questo meccanismo ma credo che le spiegazioni richieste possano servire anche ad altri privati cittadini.
17 Aprile 2013 21:08, franca fronte ha scritto:
ma braviiii!!! : )
17 Aprile 2013 13:02, Attilio ha scritto:
Ottima iniziativa, peccato il nome in lingua imperialista.
 
Vuoi passare
dal virtuale al reale?

VAI ALL'AREA INCONTRI!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E-Commerce PAEA
TRE - Tecnici Risparmio Energetico