Ipcc, il nuovo rapporto smaschera le vane promesse dei governi

L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc), "Climate change 2021: the physical science basis", parla di "un cambio climatico senza precedenti e in accelerazione". E le promesse e gli impegni dei summit e dei big che fine hanno fatto?

Ipcc, il nuovo rapporto smaschera le vane promesse dei governi

Che non ci sia margine per tergiversare ulteriormente lo ha dichiarato anche il segretario generale dell'Organizzazione mondiale dei meteorologi, Omm (World Meteorological Organization, Wom) Petteri Taalas, che ha commentato l'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) dal titolo 'Climate change 2021: the physical science basis', che avverte di "un cambio climatico senza precedenti e in accelerazione".
"La dura realtà del cambiamento climatico si sta manifestando in tempo reale davanti ai nostri occhi", ha continuato Taalas, avvertendo che si tratta di "un assaggio di ciò che dovranno affrontare le generazioni future. Alcuni dei cambiamenti negativi sono già cristallizzati nel sistema climatico, ma altri possono ancora essere affrontati se ora riduciamo in modo forte, rapido e duraturo le emissioni. Tuttavia, le concentrazioni di gas serra, in particolare di anidride carbonica, rimangono a livelli record".
L'Ipcc è stato istituito nel 1988 dalla Wmo e dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente e nel suo ultimo lavoro, a cui hanno partecipato decine di scienziati, prevede che nei prossimi decenni i cambiamenti climatici aumenteranno in tutte le regioni.
Con l'aumento dell'1,5°C della temperatura globale, il report avverte: "ci saranno ondate di calore crescenti, stagioni calde più lunghe e stagioni fredde più brevi, nonché cambiamenti nei modelli di precipitazioni che influenzeranno inondazioni e siccità. A 2°C di riscaldamento globale, gli estremi di calore raggiungerebbero più spesso soglie di tolleranza critiche per l'agricoltura e la salute".

Taalas ha commentato: "Il caldo estremo a cui abbiamo assistito nel 2021 porta tutti i segni distintivi del cambiamento climatico indotto dall'uomo. La Columbia Britannica in Canada ha registrato un'incredibile temperatura di 49,6°C - battendo tutti i record precedenti - come parte di un'ondata di caldo intensa ed estesa nel Nord America".
L'esperto ha ricordato quindi gli incendi in Nord America "alimentati dal caldo e dalla siccità", e poi i roghi in Turchia e in Grecia avvenuti "nel bel mezzo di un'ondata di caldo intenso e di lunga durata nel Mediterraneo. La Siberia- ha osservato Taalas- una regione caratterizzata dal permafrost, ha visto ancora una volta enormi incendi dopo ondate di calore eccezionali".
Lo studio denuncia poi che l'Artico si sta riscaldando a una velocità doppia rispetto alla media globale, e un ulteriore riscaldamento amplificherà lo scongelamento del permafrost e la perdita della copertura nevosa stagionale, lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali e la perdita del ghiaccio marino artico estivo.
Gli scienziati evidenziano inoltre come il cambiamento climatico stia intensificando il ciclo dell'acqua. Ciò comporta precipitazioni più intense e relative inondazioni, nonché siccità più intense in molte regioni: "Molti Paesi quest'anno lo hanno già dimostrato" ha detto ancora Taalas. "Ad esempio, nel solo mese di luglio, in Germania sono caduti in due giorni l'equivalente di due mesi di pioggia, mentre in alcune zone della provincia cinese dell'Henan hanno ricevuto più precipitazioni nell'arco di quattro giorni rispetto alla media annuale. Ciò ha provocato centinaia di vittime e molti milioni di dollari di perdite economiche".

Julia e la SequoiaVoto medio su 1 recensioni: Da non perdere
La Ragazza sull'AlberoVoto medio su 4 recensioni: Da non perdere
Insieme per Salvare il Mondo
Antartide - Come Cambia il Clima
Faceva Molto Caldo
Le Nuove Guerre del Clima

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.