La settimana del non acquisto

Avete mai pensato come sarebbe la vostra vita se da un giorno all'altro non poteste più spendere soldi? Quanto riuscireste a campare? Come vi barcamenereste nelle questioni quotidiane? Ce la fareste?

La settimana del non acquisto

Per chi volesse provare a mettersi alla prova (e che prova!) ecco un evento davvero curioso: la settimana del non acquisto. L'idea arriva da Stefania Rossini, la famosissima blogger esperta di autoproduzione, che ha voluto lanciare una sfida a tutti i suoi lettori: "una sfida contro noi stesse, una sfida pacifica e benefica, oltre che divertente - si legge sul suo blog naturalmentestefy.it - una sfida che consiste semplicemente nel non acquistare nulla da lunedì a domenica".

Perché farlo? Secondo Stefania i motivi sono tantissimi: "Non spendere permette di comprendere nel profondo molte alchimie che forse fino a oggi non abbiamo - spiega Stefania - per esempio quanto siamo dipendenti ai negozi e ai supermercati; quanto spendiamo settimanalmente senza nemmeno accorgercene; quanto abbiamo perso il fare da sé e la fantasia nell’inventare piatti con quello che si ha a disposizione; quanto cibo abbiamo stoccato in congelatore, frigorifero, dispensa e dentro ogni mobiletto; quanto potremmo risparmiare se ogni mese facessimo questo esperimento e quante ore in media potremmo lavorare di meno se utilizzassimo questo stratagemma; quanta spazzatura in meno potremmo fare e, infine, quanto soddisfazione potremmo provare nel riuscirci”.

Insomma i motivi non mancano e la determinazione neppure. Tante persone si sono già unite all’esperimento di Stefania e stanno contribuendo con consigli pratici al successo dell’evento. Leggendo i commenti pare proprio sia fattibile, del resto, come dice Stefania “se riesco a farlo io con un marito e tre figli possono farlo tutti!”.

Volete provare, dunque? Ebbene, rimboccatevi le maniche o forse sarebbe meglio dire...riponete il portafogli e date il via alla sfida. Vi accorgerete presto di quante cose si può fare a meno e quante cose possono essere autoprodotte. Ovviamente non si tratta di vivere così tutto l'anno, ma un inizio come questo potrebbe essere una sorta di "prima lezione" da tenere a mente per consumare in manoera più critica.

Raccontateci le vostre esperienze, i vostri tentativi, le vostre sfide. Scrivete a redazione@ilcambiamento.it

 

Commenti

Essendo una mamma single ad ISEE ZERO, è un esercizio che faccio molto spesso.Non conosco tuttavia i meccanismi dei gruppi GAS o dove acquistare a filiera zero, non avendo neppure un mezzo rpoprio per spostarmi non possoandare nelle fattorie in campagna..Vivere è difficoltoso senza soldi ma finora sono riusita a barcamerami .. mi piacerebbe poter fare di meglio, però!
Anna Lisa, 27-10-2016 06:27

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.