Vandana Shiva: “i brevetti sui semi minacciano la libertà”

Sottoporre anche i semi alla logica industriale è un pericolo per l’umanità. È quanto afferma la fisica e ambientalista indiana Vandana Shiva, sostenitrice del “manifesto per il futuro delle sementi” che ha come primo caposaldo la tutela della biodiversità.

Vandana Shiva: “i brevetti sui semi minacciano la libertà”
“Vendete agli amici le sementi del pomodoro giallo salentino, che nessuno coltiva più da due secoli? Ronzate su Internet alla ricerca dell’introvabile seme di pera veneta rinascimentale per abbellire il vostro orto? Ebbene, siete da oggi tutti fuorilegge. Come i pirati che scaricano film coperti da copyright, come i ragazzini che trafficano con i Cd copiati dalla Rete”. Così Debora Billi, all’indomani di una sentenza della Corte Europea che già nel 2012 prevedeva il divieto di vendere sementi non iscritte allo specifico albo certificato dell’Unione Europea, prima ancora che – nel 2013 – venisse formalmente proposto il “riordino” della materia, attraverso l’Agenzia delle Varietà Vegetali Europee, cui anche i piccoli produttori dovrebbero sottoporsi, per poter commercializzare i prodotti del loro orto. Super-burocrazia per scoraggiare le piccole coltivazioni? Di questo passo, avvertono l’inglese Ben Gabel del “Real Seed Catalogue” e lo scrittore Mike Adams, i divieti potrebbero insidiare persino gli orticoltori amatoriali. “Un’altra bella norma liberista che va a favore della libertà di impresa e di libero scambio, ne siamo certi”, ironizzava Debora Billi un anno fa, segnalando i sospetti avanzati da “Net1News”: “Perchè non esiste un registro ufficiale dei bulloni e delle viti? Forse perchè non c’è una Monsanto della minuteria metallica”. Perché mai regolamentare la produzione di ortaggi e vietare il libero commercio dei semi? “Sottomettere le sementi ad una procedura del genere, che esiste ed è giustificata per i medicinali e i pesticidi, ha evidentemente il solo scopo di eliminare alla lunga le varietà di dominio pubblico, e quindi liberamente riproducibili, per lasciare in campo solo quelle brevettabili”. O forse, conclude la Billi, è solo un altro favore alle compagnie sementiere, “le uniche a godere delle norme protezioniste liberiste”, su cui vigila il Wto. “Pensavate che tale libertà fosse, ancora, a vostro vantaggio?”. Attenti: sottoporre anche i semi alla logica industriale è un pericolo per l’umanità. Lo afferma la fisica e ambientalista indiana Vandana Shiva, che a partire dalla storica conferenza mondiale sul clima svoltasi a Nairobi nel 2007 si è spesa per sostenere il “manifesto per il futuro delle sementi”. Primo caposaldo, la biodiversità: è la nostra più grande sicurezza, sostiene il Manifesto. “La diversificazione è stata la strategia di innovazione agricola più diffusa e di successo negli ultimi 10.000 anni”. Vantaggi evidenti: “Aumenta la scelta tra diverse opzioni e le probabilità di adattarsi con successo ai cambiamenti ambientali ed ai bisogni umani”. Perciò, in contrasto con l’attuale tendenza verso la monocultura e l’erosione genetica, proprio la diversità “deve tornare ad essere la strategia di punta per lo sviluppo futuro delle sementi”. Si tratta di preservare la diversità di semi, di sistemi agricoli, di culture e di innovazioni, ricorda Marco Pagani su “Ecoalfabeta”, analizzando il “manifesto” di Vandana Shiva. Diversità e, naturalmente, libertà dei semi: “Le sementi sono un dono della  natura e delle diverse culture, non un’invenzione industriale. Trasferire questa antica eredità di generazione in generazione è un dovere ed una responsabilità. Le sementi sono una risorsa di proprietà comune, da condividere per il benessere di tutti e da conservare per il benessere delle generazioni future e per questo non possono essere privatizzate o brevettate”, checché ne pensino il Wto e l’Unione Europea. In gioco, sottolinea Pagani, è quindi “la libertà dei contadini di conservare le sementi, di scambiarle e commerciarle, di sviluppare nuove  varietà e di difendersi dalla privatizzazione, dalla biopirateria e dalle contaminazioni genetiche degli Ogm”. Servono semi per il futuro, liberi da vincoli, per dare cibo alle comunità locali. Agricoltura pulita, riduzione dei gas serra: “Le sementi non devono richiedere input energetici esterni (attraverso i fertilizzanti, i pesticidi e il combustibile) oltre lo stretto necessario”. E niente veleni: “Eliminazione di agenti chimici tossici nello sviluppo delle sementi”. Il che significa salute, oltre che qualità del cibo, cioè sapore e valore nutrizionale. Vandana Shiva riconosce il protagonismo femminile nell’agricoltura libera: “Le donne rappresentano la maggioranza della forza lavoro agricola e sono le tradizionali custodi della sicurezza, diversità e qualità dei semi: il loro ruolo centrale nella protezione della biodiversità deve essere sostenuto”. Insomma, le sementi non sono una faccenda tecnica per esperti agronomi, ma devono interessare tutti, perché ne va del futuro della nostra sovranità alimentare. “Democratizzare l’uso delle sementi – conclude Pagani – è uno dei pilastri per la difesa futura della democrazia sulla terra”. Contro le lobby che dettano legge, imponendo sempre nuove dipendenze, fino a far 'privatizzare', con tanto di brevetto, anche i semi di pomodoro. Articolo tratto da LIBRE

Commenti

non ho letto tutto l'articolo! Non è necessario per capire che siamo ridotti molto male! Il capitalismo selvaggio e criminale ci sta portando al baratro. Ma i capitalisti poi dove andranno ad abitare?
GIOVANNI GREGORETTI, 24-05-2013 04:24

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.