Diventare agricoltori? Ecco come. La guida di Coldiretti per i 'giovani'

Un'analisi elaborata dalla Coldiretti Giovani Impresa, in occasione del G20 dei ministri del Lavoro in corso in Messico, rivela che in Italia, malgrado la crisi, sono quasi diecimila le imprese agricole nate nel primo trimestre del 2012, e che l'agricoltura è l'unico settore che non ha visto diminuire la percentuale di giovani imprenditori under 30. Dall'associazione, 10 mosse per realizzare il sogno di aprire un'azienda agricola.

Diventare agricoltori? Ecco come. La guida di Coldiretti per i 'giovani'

Sono quasi diecimila (9.170) le nuove imprese agricole nate nonostante la crisi nel primo trimestre 2012, con l’agricoltura che è l’unico settore che non ha visto diminuire la presenza percentuale di giovani imprenditori under 30. È quanto è emerso da una analisi di Coldiretti Giovani Impresa resa nota in occasione dell’Assemblea in riferimento al rapporto sul mercato del lavoro dell' Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro) e l'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) per il G20 dei ministri del Lavoro in Messico. Nel tempo della crisi il ricambio generazionale in agricoltura è più alto che in altri settori con la presenza di giovani agricoltori che - sottolinea la Coldiretti - è rimasta percentualmente stabile, mentre nell’attività manifatturiera si è più che dimezzata negli ultimi 30 anni. Oggi in un caso su dieci i giovani imprenditori scelgono proprio il settore agricolo per avviare una attività. Il 33 per cento dei giovani agricoltori italiani si trova in fase di espansione aziendale, al Nord come al Sud, contro il 10 per cento della media nazionale. Gli under 30 sono particolarmente attivi nell’export, con il 13 per cento dei giovani che vende oltre confine, contro una media nazionale dell’8 per cento. Il 40 per cento dichiara inoltre di aver aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno, secondo un sondaggio Coldiretti/Swg. Per trasformare il desiderio di diventare agricoltore in realtà la Coldiretti ha presentato il vademecum su Come aprire una azienda agricola per rispondere alla domanda di campagna delle giovani generazioni. Un sogno più facile da realizzare anche grazie alle opportunità offerte dal decreto sulle liberalizzazioni in cui si prevede - sottolinea la Coldiretti - la possibilità di affitto, oltre alla vendita, dei terreni agricoli demaniali, con prelazione a favore proprio dei giovani agricoltori. “Una opportunità fortemente voluta dalla Coldiretti che potrebbe riguardare fino a 338mila ettari di terreni agricoli pubblici, dai quali potrebbero nascere fino a 43mila nuove imprese agricole condotte da giovani”, ha affermato il delegato nazionale di Giovani Impresa Coldiretti Vittorio Sangiorgio. Il fatto che il settore agricolo sia il terzo settore che attrae maggiormente i giovani che vogliono investire in impresa in Italia, dopo commercio e costruzioni, è - ha precisato Sangiorgio - un dato incoraggiante che ci fa essere consapevolmente ottimisti e che permette, ad esempio, a un giovane siciliano di non abbandonare il Sud, sviluppare le potenzialità del suo territorio e contribuire allo sviluppo della comunità locale. Per far nascere una impresa è prima di tutto prioritario - ha sottolineato Coldiretti Giovani Impresa - avere un''idea' d’impresa intorno alla quale sviluppare un progetto senza fermarsi alla semplice visione bucolica. Non accontentarsi delle ipotesi più tradizionali, ma considerare l’ampio spettro di opportunità offerte dal settore  che ha esteso le sue competenze dalla produzione alla trasformazione e vendita di prodotti alimentari. E ancora - ha precisato la Coldiretti - dalle agroenergie fino all’offerta di servizi alle scuole come le fattorie didattiche, ma anche alle pubbliche amministrazioni per la cura del verde. Confrontarsi con chi ha già fatto esperienze analoghe o simili, visitando direttamente le aziende in Italia e in Europa, contribuisce a focalizzare l’idea e ad individuare le migliori soluzioni. Dopo aver verificato la tenuta dell’idea e averla trasferita in un progetto concreto con la collaborazione di esperti, vanno individuate le opportunità concrete che ci sono sul mercato in termini - ha sottolineato la Coldiretti - di località, aziende e professionalità. Non è raro trovare occasioni di acquisto soprattutto nelle aree interne o di montagna dove l’attività di coltivazione e di allevamento è più difficile, ma si possono cogliere opportunità per il turismo rurale. Inoltre occorre verificare le alternative dell’acquisto, dell’affitto o della semplice gestione aziendale considerato che sono molti gli agricoltori anziani che non hanno alcuna intenzione di cedere la propria azienda, ma sarebbero disponibili a collaborazioni. Verificare le eventuali ipotesi di dismissioni di terreni pubblici da parte delle autorità pubbliche. Individuato il fabbisogno finanziario complessivo, soprattutto per i giovani sotto i 40 anni di età, occorre - ha sostenuto la Coldiretti - verificare l’esistenza di agevolazioni per lo specifico progetto considerato. Le agevolazioni per la maggioranza sono di natura comunitaria e vengono erogate attraverso le regioni con la consulenza dei centri Caa avviati anche dalla Coldiretti. “Per l’acquisto della terra - ha continuato Coldiretti Giovani Impresa - occorre verificare la possibilità di un mutuo presso Ismea nell’ambito dei finanziamenti della piccola proprietà contadina, mentre molte banche offrono condizioni specifiche anche grazie ad accordi con il Consorzio fidi Creditagri Italia, promosso dalla Coldiretti per la ricerca delle migliori condizioni di accesso al credito e che ha già garantito 100 milioni di euro di investimenti proprio a favore dei giovani agricoltori. Dal punto di vista burocratico sono tre i passaggi fondamentali: apertura di una Partita Iva presso l’Agenzia delle Entrate, iscrizione al Registro delle imprese, sezione speciale Agricoltura, presso la competente Camera di Commercio e iscrizione e dichiarazione presso l’Inps. Una formazione di base in campo agricolo è importante, ma non decisiva anche perché - ha concluso la Coldiretti - sono numerosi i corsi di formazione professionale organizzati a livello regionale per acquisire competenze e avere la qualifica di  imprenditore agricolo dal punto di vista fiscale. Ecco come diventare agricoltori in dieci mosse 1. Avere un’'idea' d’impresa intorno alla quale sviluppare un progetto di sviluppo. Avere un’idea di impresa agricola significa individuare che tipo di 'imprenditore agricolo' si vuole essere o diventare: imprenditore agricolo più 'tradizionale' (produzione in un specifico comparto) o più 'innovativo' e 'diversificato' sfruttando, a 10 anni (18 maggio 2001/2011) dalla sua introduzione, le opportunità offerte dalla legge di orientamento in agricoltura. Inoltre, avere un’idea di impresa significa valutare quali leve strategiche si intendono attivare: innovazione, vendita diretta, reti, territorio, qualità, agroenergie, agriturismo, fattoria didattica. 2. Analisi delle caratteristiche e delle potenzialità aziendali tramite l’osservazione del territorio, del mercato, dei concorrenti e delle normative vigenti. Significa analizzare, servendosi di appositi consulenti le componenti di base per avviare l’impresa agricola, una volta esplicitata l’idea.   3. Confrontarsi con gli altri che hanno già fatto esperienze simili in Italia o in Europa per cogliere le sfumature e focalizzare al meglio le idee.  4. Trasformare l’”idea” in un progetto di sviluppo imprenditoriale. Si tratta di determinare gli obiettivi generali del progetto, quelli specifici, i risultati attesi e le azioni e le risorse necessarie per raggiungerli. Si tratta di farsi redigere da adeguati specialisti e professionisti un business plan economico finanziario accurato e in grado di reggere al mercato e alle richieste di finanziamento pubblico e privato.  5. Ricercare la fonte di finanziamento. Sulla base dell’idea progettuale valutare la possibile fonte di finanziamento nell’ambito delle politiche di sviluppo rurale (insediamento giovani, investimenti, qualità, pacchetto giovani). Per l’acquisto di terra verificare la possibilità di un mutuo presso Ismea nel ambito dei finanziamenti della piccola proprietà contadina.    6. Presentare il progetto per il finanziamento pubblico. Si tratta di fare la domanda per l’accesso al finanziamento unitamente alla presentazione del Business Plan. Necessaria l’assistenza di un centro Caa e la consulenza di un professionista per la parte tecnica. Oggi questo è il punto su cui si incaglia il meccanismo di avvio di un’impresa agricola. Infatti le procedure per accedere alle risorse dei Piani di Sviluppo Rurali (Psr) specificatamente dedicate ai giovani prevedono in media 275 giorni tra l’approvazione del programma e l’uscita del bando; 248 giorni tra la fine della raccolta delle domande e i decreto di concessione del contributo (istruttoria); tra i 18 e i 24 mesi per l’erogazione del contributo.    7. Presentare il progetto per il finanziamento privato. Numerose banche offrono condizioni vantaggiose per i giovani anche grazie ad accordi con Creditagri Italia, il primo consorzio fidi nazionale, per la ricerca delle migliorie condizioni di accesso al credito e del prodotto finanziario più adatto. Particolare attenzione va riposta nella concessione della garanzie. Si tratta di un assaggio fondamentale per “non giocarsi” il capitale fisico appena costituito o i 'risparmi' di papà.   8. Una formazione di base in campo agricolo è importante, ma non decisiva anche perché sono numerosi i corsi di formazione professionale organizzati a livello regionale per acquisire competenze e avere la qualifica di  imprenditore agricolo dal punto di vista fiscale. Frequentarli è un modo per apprendere, ma anche per tessere una rete di rapporti con altri colleghi.   9. Per avviare un impresa agricola non sono molti gli adempimenti necessari né i relativi costi dal punto di vista burocratico. Infatti  tre sono i passaggi fondamentali: -  Apertura di una Partita Iva presso l’Agenzia delle Entrate. -  Iscrizione al Registro delle imprese, sezione speciale Agricoltura, presso la competente Camera di Commercio se si prevede di realizzare un fatturato superiore ai 7000 euro/anno. -  Iscrizione e  dichiarazione presso l’Inps.  10. La burocrazia è un peso non solo nell’avvio, ma anche nell’esercizio dell’attività imprenditoriale. Il settore agricolo è ancora pieno di una pletora di adempimenti  quotidiani (che si allungano ad elastico a seconda della branca di attività) che tolgono all'impresa agricola 2 giorni di lavoro a settimana da distrarre dall’attività di impresa vera e propria: 100 giorni l’anno.

Commenti

Utile e molto chiaro!!
Alessia, 14-09-2012 05:14
ma un'idea di cosa consiste 'la burocrazia' nel campo agricolo da portar via addirittura 2 giorni a settimana ?!? mi sembra veramente una cosa spropositata !
Stefano, 15-09-2012 11:15
Caro Stefano... I due giorni di burocrazia ci sono eccome! Basti citare: contabilità e registrazione delle fatture e ddt, adempimenti trimestrali IVA, registro dei medicinali/agrofarmaci, domanda UMA carburanti, controlli ASL e relativi adempimenti, domanda PAC (richiesta, accettazione etc.), registro delle operazioni agronomiche (annot. sfalcio, irrigazione, etc.), rapporti consorzi di bonifica fondiaria, procedura in caso di infortunio... Devo continuare? La burocrazia è giusta e civile, ma negli ultimi anni è lievitata a dismisura: per esempio, se trasferisco un bovino da un capannone mio ad un altro sempre mio, ci saltano 2 mattinate all'USL (burocrazia: nulla osta e consegna M4) e per giunta altre 2 per controlli sanitari a mio carico (prelievo e esamina dei referti), dato che il trasloco viene considerato passaggio ad altro allevamento! E poi le fatture USL sono spesso sbagliate e a pure qui si perde tempo (è da Maggio che sono in ballo ! Ha più burocrazia un agricoltore di un artigiano (p.e. fabbro, falegname, arrotino).
Mr.WELL, 07-10-2012 06:07
grazie @Mr.Well per la risposta, pensa che io volevo iniziare un'attivita' in tal senso, ma solo come vendita diretta di orticole e pesce, dovro' andare ad informarmi alla confagricoltura per vedere cosa mi prospettano... Speravo di poter iniziare gradatamente e poi piano piano, se funziona, ingrandirmi poco alla volta, non ho idea se in agricoltura esistano gli studi di settore che ti impongono un guadagno, mi dovro' informare.
Stefano, 08-10-2012 11:08
Prego =). Non opero nel settore delle orticole, ma so che Coldiretti promuove da anni un network di aziende agricole per la vendita dei prodotti direttamente al consumatore, chiamato CAMPAGNA AMICA. Esiste anche un sito ufficiale facilmente reperibile con google, forse può interessarti.
Mr.WELL, 09-10-2012 09:09
caspita ,parlate solo di burocrazia, possibile che non ci sia una scuola per avere una base culturale e pratica per svolgere questo messtiere ?un ragazzo un giovane ma anche un adulto dove deve rivolgersi prima di chiedere un prestito per iniziare un'attività di questo tipo in sardegna ? grazie silvia
silvia, 04-12-2012 06:04
volevo diventare un piccolo imprenditore agricolo,e visto le poche opportunità a disposizione dei giovani mettere in mezzo i miei tre figli maschi e dare a loro una opportunità di lavoro futuro,penso anche che l'agricoltura sia una bellissima cosa,ma leggendo tutta la pagina mi è passata la voglia,da quanto ho capito non ti danno prestiti,e se te li danno passano due anni,alla faccia degli aiuti per i giovani
gianni, 04-12-2012 03:04
Se il tempo della burocrazia è di due giorni a settimana vuol dire che ci sono opportunità di lavoro come "specialista burocrazia agraria": ...interessante e da approfondire... Grazie mille,
Burocrazia = lavoro, 05-12-2012 07:05
si può fare qualcosa con 365 are a pezzature separate? i terreni sono abbandonati da molto e soo allo stato brado, hanno vecchi parenti intestatari ma io vorrei farci qualcosa di costruttivo. i terreni si trovano tra i 500 e i 700 metri sul livello del mare
enrico, 27-12-2012 07:27
Salve, io non sono giovanissima, sono una donna che ha vissuto la campagna fino ai 20 anni, poi ho lavorato come dirigente in un importante azienda ...ospedaliera. So di budget e di far quadrare i conti, amo in modo viscerale il lavoro in campagna , mia madre mi portava con se, quando andava a pulire le piante di grano o a diradare le piante di barbabietole, ad ogni stagione ricordo ancora che tipo di lavoro prevede ed esoge la terra, amo la terra ,la calpesto con rispetto, perche' ci mantiene e ci conserva in vita ed in salute se la sappiamo rispettare. VORREI MOLTO ESSERE ASSUNTA IN UNA AZIENDA AGRICOLA! DAREI IL MASSIMO! Poi mica solo i giovani possono/ devono lavorare! Spero in una risposta, sono di Bologna, ma sono nata nella campagna Ferrarese!!!
Rosetta Perelli, 20-01-2013 10:20
SALVE vorrei fare un impianto di nocciole in alta langa chi puo darmi consigli ? GRAZIE
LAURA, 28-01-2013 06:28
Ma non si puo collaborare per la creazione di comuta'??? ecovillaggi??? io sono interessato a crearne uno. Pero qui solo contano sulla formazione di aziende e non di cooperative o comunita' che svolgerebbero un lavoro altrettanto importante anche se in principio non volta al profitto.. Qualcuno conosce quanche opportunita' di finanziamento o cessione delle terre ecc?¿?
iacopo, 06-03-2013 08:06
Ho 23 anni, non ho esperienza nel settore ma amo la natura più di ogni altra cosa. Desidero con tutto il cuore diventare contadina o comunque vivere a contatto con la natura. Sono disposta a tutto, lavori e ritmi pesanti MA NON A LAVORARE SULLO SFRUTTAMENTO DEGLI ANIMALI. Sono vegana infatti. Vorrei intraprendere questa strada insieme al mio fidanzato, due anni più grande di me. Abito in Sardegna ma potrei trasferirmi. VI PREGO! doloresdelcastillo@hotmail.it
Martina, 08-03-2013 10:08
Cara Martina, prima di tutto è bene documentarsi in rete su cosa potrebbe interessarti di preciso (orticoltura, idroponica, funghicoltura, elicicoltura, permacoltura...), ma soprattutto e poi vedere e, se possibile, provare cosa si fa concretamente in un'Azienda Agricola. L'Agricoltura è ormai un settore in cui non basta la volontà, ci vuole una capacità di organizzazione molto superiore al passato. Non perdere l'entusiasmo, è una virtù preziosa e lodevole :)
Mr.WELL, 08-03-2013 10:08
Ciao. Io ho comprato un casale con 1 ettaro di terra vicino Roma, ho tanti animali e amo la natura, tanto che vorrei vivere solo dei prodotti della terra e dei miei animali...Il mio sogno è aprire un'azienda agricola, ma sono sola per ora e il lavoro è tanto. Se trovassi soci seri, sarei felicissima di fare questo passo.Che ne dite?
Carmen, 15-03-2013 12:15
Con un ettaro di terra si fa davvero poco. L'unica ipotesi che dia un certo reddito sono le orticole (v. campagnamica.it) o lo zafferano. Sconsiglio l'allevamento di animali, servirebbe più terreno. Prova a domandare alle Associazioni di Categoria della tua zona (Coldiretti, CIA, ConfAgricoltura...), qualcuno pronto a fare società c'è sempre. In bocca al lupo!
Mr.WELL, 16-03-2013 10:16
Carmen, bella iniziativa la tua. Vivere la natura e a contatto con gli animali è una cosa straordinaria. Io l'ho fatto per un bel po' di tempo in modo part time, e ti posso dire che è stata un'esperienza fantastica, mi volevo creare un alternativa alla monotonia del mio lavoro. Poi sono stato costretto a riprendere la mia attività di" contabile full time " perché nessuno ha creduto in me, e nella scelta di vita che stavo iniziando a fare - in primis la mia famiglia. Vai avanti così ............anche solo con le tue forze.
Alessandro, 17-03-2013 04:17
Ciao Carmen, ci scambiamo l'indirizzo email? Che bella gente ha scritto qui! Noi siamo vegani e vogliamo trasferirci dal logorio del milanese a qualsiasi, in verità il Salento è il nostro sogno, per coltivare frutta e verdure bio e aprire un'oasi per gli animali scampati al macello! Parliamone! Anche l'idea della comune sarebbe meravigliosa...
Alexandra, 18-03-2013 07:18
Ho26anni e il mio fidanzato è prossimo ai30,cittadini tutti e due, abbiamo comprato un piccolo rudere con un pò di terra e in un anno e mezzo l'abbiamo sistemato ( o-). Il nostro intento ora è quello di creare un orto/giardino con permacultura e farlo diventare poi un percorso didattico per scuole. Vorremmo dimostrare che è possibile vivere e coltivare rimanendo in perfetta sintonia con la natura, senza sfruttarla troppo. Punto a nostro sfavore è la Regione nella quale (viviamo)abbiamo scelto di intraprendere questo cammino: LIGURIA purtroppo qui non sono argomenti conosciuti (sia pratici che burocratici),anche per reperire macchinari e attrezzature è stato ed è davvero una faticaccia. Cerchiamo consigli, libri e siti utili. La rete offre tante informazioni ma a volte è difficile capire e mettere in pratica! GRAZIE.
Erika, 22-03-2013 02:22
Ciao Carmen, anche io ho un'intenzione molto simile alla tua e dispongo anche io di terreno e casa. Sentiamoci che ho anche un progetto imprenditoriale in mente. contattami all'email aokmanga[at]gmail[punto]com
Simone, 23-03-2013 03:23
Mi chiamo Andrea, 30 anni, vegano, sardo ma vivo nell'appennino modenese. Mi sono innamorato di questo territorio e mi piacerebbe dare il via a un'azienda agricola per riprendere il contatto con la terra, le nostre radici. Sono particolarmente interessato alla permacultura e alla coltivazione "sinergica". Dal punto di vista sociale credo molto nel cohousing e nel concetto di comunità. Se qualcuno fosse interessato lasci un commento, mi piacerebbe conoscere persone con interessi simili ai miei. Sto vagliando la zona dell'Appennino Modenese e la zona dei Colli Euganei in Veneto. Andrea
Andrea, 23-03-2013 04:23
leggo i vostri commenti e mi ritrovo un pò in tutti....dal giovane entusiasmo alla voglia di fare,dalla signora che sogna il ritorno alla terra alla vegana!mq quanti siamo a sognare le stesse cose!!!bellissimo
chiara, 29-03-2013 12:29
Ciao, mi chiamo Ludovica e sono una studentessa universitaria di appena 20 anni. Tutti i miei coetanei hanno interessi diversi dai miei; Sognano il successo (senza far nulla), mirano al divertimento 24ore su 24 in discoteche pub ecc. Un pò mi fanno tristezza perchè non sanno cosa si perdono e anche perchè sono stata costretta ad "adattarmi" a tutto ciò. Il mio grande sogno è quello di vivere a contatto con la natura e soprattutto con gli animali. Da piccolina sono cresciuta nel maneggio con i cavalli; Per 9 anni ho praticato il salto ostacoli agonistico finchè una brutta caduta mi ha costretto ad abbandonare, ma il ricordo degli odori della campagna, dei terreni appena arati, della stalla, il respiro degli animali e i colori che si vedono nelle varie stagioni mi sono rimasti dentro. Abito nella provincia di Forlì-Cesena e appena finirò l'università il mio obbiettivo sarà quello di aprire un'azienda agricola. Chiunque voglia una mano nella sua fattoria rimango a disposizione!
Ludovica, 29-03-2013 12:29
Ciao Ludovica! io sono di forlì! scrivimi se ti va:) valentinaveg90@gmail.com
Valentina, 29-03-2013 01:29
Ciao! Sono anche io cittadino, 25enne, alla ricerca di cambiamento. Navigavo nel web cercando la risposta a una domanda che mi gira in testa da mesi: "Ha senso sentire la necessità di tornare alla terra? Esiste la possibilità di mettere alla prova questo desiderio?" Sono incappato in questo articolo, e nei tanti commenti (entusiasti!) che lo corredano. Rivolgo allora qui la stessa domanda (con la benefica impressione di rivolgermi a persone, e non ai circuiti di un motore di ricerca). Ho esperienza prossima allo zero, ma vorrei provare a lavorare in un'azienda agricola (orticoltura, permacultura...), per imparare e conoscere come primo obiettivo (e chissà, magari un giorno pensare più in grande aderendo a un progetto di comunità). Qualcuno sa darmi qualche dritta? lapis1800 at gmail dot com Grazie!
Federico, 08-04-2013 08:08
io l'ho fatto! ho abbandonato Roma da 3 anni adesso vivo nella bellissima maremma laziale in campagna ma vicino al mare. ho i miei adorati cani un orto che mi fornisce tutto quello di cui ho bisogno sia in estate che in inverno. la nostra vita è veramente cambiata. auguro a tutti voi di esaudire i vostri desideri.
stefania, 11-04-2013 03:11
Ciao a tutti, sono un ragazzo di 29 anni appassionato di campagna e prodotti tipici, sono interessato nel creare un negozio legato al mio territorio.. se volete possiamo metterci in contatto via mail per confrontarci e analizzare le nostre idee e progetti... magari da cosa nasce cosa... contattatemi ggabriele83@live.com
Gabriele, 12-04-2013 04:12
Stefania, è possibile aver la tua mail per discutere di come sei riuscita a pasare all avita in campagna. Grazie mille. Paolo
Burocrazia = lavoro, 12-04-2013 12:12
Dimenticavo il mio indirizzo email: paolof @ freee FR
Burocrazia = lavoro, 12-04-2013 03:12
correggo scusate: paolof @ free.fr
Burocrazia = lavoro, 12-04-2013 04:12
Ciao ragazzi, anche io come molti di voi ho una vera passione per la campagna e per il lavoro della terra, anche se il mio lavoro, e il mio sogno, è quello di aprire un azienda con un "orto di prossimità", nella provincia di Viterbo dove vivo. Mi servirebbe di sapere piu' che altro che tipo di normativa segue, o "seguirebbe" questo tipo di idea, se si deve fare un' unica azienda ( con orto e ristorante) oppure possono anche essere due aziende separate dove il ristorante si rifornisce direttamente da quella precisa azienda agricola. lascio la mia mail daniloronko@yahoo.it a chi fosse cosi' gentile da darmi una risposta. Ciao e buona serata. viva la terra
Danilo, 12-04-2013 05:12
Ciao a tutti....consigli e informazioni per avviare un allevamento di asini????
anna, 12-04-2013 05:12
Salve a tutti. Io Sono una ragazza di 24 anni che sta vivendo un esperianza in australia. La mia famiglia ha da generazioni una piccola azienda agricola, io sto seriamente pensando di mettermi a continuare questa attivita`, poiche le possibilita` lavorative sembrano essere piu` sicure a confronto di altri posti e perche incomincio a credere fortemente che l`agricoltura stia tornando ad essere il nostro vero punto di forza.Vivo in Calabria e sarei felice di scambiare qualche parola con chi la pensa come me e` ha intenzione di addentrarsi in questo settore. Grazie a presto La mia email e` Santacarbone@gmail.com
santa, 14-04-2013 12:14
Considerato l'entusiasmo e l'interesse che ognuno di voi lascia a commento di questo articolo, mi pare d'aiuto consigliarvi questo link: http://www.forumdiagraria.org/ Potrete confrontarvi con agricoltori giovani e con altri esperti, chiedere di tutto. E' un forum molto vivace.
Mr.WELL, 15-04-2013 11:15
vorrei capire una cosa ma a chi ci dobbiamo rivolgere per fare una richiesta di tutto ciò che si progetta con la possibilità che venga accoltaaa????....qlc mi sa aiutare???
PAOLO, 27-04-2013 11:27
@Paolo: Il progetto può essere rivolto a Ismea, Provincia o Regione (vedere bandi). Poiché non si tratta di una procedura semplice ma alquanto complessa, è bene appoggiarsi a un'associazione sindacale, che guidi passo per passo, forte di quella dimestichezza e di quella praticità con la burocrazia preziose e indispensabili anche in Agricoltura.
Mr.WELL, 29-04-2013 04:29
Ma quanto rende mediamente un ettaro di terra ?
Alessandro1972, 29-04-2013 07:29
@Alessandro: dipende da cosa si coltiva. Un ettaro di frumento rende dai 600 ai 1200%u20AC. Un ettaro di erba medica può arrivare a rendere anche 2000 %u20AC. Un ettaro di vigna può rendere al massimo dai 5000 agli 8500%u20AC. Ci sono molte variabili da considerare, non è semplice preventivare esattamente le rese, molto contando la qualità del terreno e la meteorologia dell'anno.
Mr.WELL, 30-04-2013 06:30
Ciao ragazzi, ma non c'e' nessuno che ama la Puglia ? Ho acquistato del terreno e mi piacerebbe condividere con qualcuno che come me ha in testa di cambiar vita un progetto imprenditoriale basato su olio, vino e altri prodotti della terra pugliese. Chiunque fosse interessato mi scriva! Scirocco2004@libero.it
Rinaldo, 01-05-2013 11:01
PRECISAZIONE: Nel mio ultimo messaggio il carattere simbolo dell' "euro", è risultato pubblicato con una sigla incomprensibile che non ha nessun significato speciale.
Mr.WELL, 02-05-2013 11:02
Grazie Mr. Well..beh direi che le rendite non sono malaccio..
ALESSANDRO, 02-05-2013 06:02
Prego Alessandro. Sì, le rendite sono discrete. Anche gratificanti, se c'è un minimo di vocazione per l'agricoltura. Molto dipende dal prezzo del terreno. Comunque sono dell'idea che investire in terra convenga veramente solo a un agricoltore, puntando su appezzamenti irrigabili e molto ben lontani da quartieri abitati.
Mr.WELL, 04-05-2013 11:04
Ciao, ma 10 pertiche di pomodori cuori di bue, peperoni e melanzane quanto possono rendere? Grazie
Elisabetta, 08-05-2013 04:08
Ciao a tutti, ho letto che molti come me sono pronti a cambiare vita per iniziare un'attività in campagna. Sono un piccolo imprenditore che si occupa di etichettatura per la tracciabilità dei prodotti e purtroppo non ho esperienza di come si possa mettere su un'azienda agricola. Sto cercando qualche opportunità in giro e magari qualcuno con un pò d'esperienza per mettere su una nuova attività. freddy05@fastwebnet.it
Carlo, 10-05-2013 02:10
Salve, sono Alex dalla campania Architetto 36 anni voglio cambiar vita e diventare agricoltore (ho già esperienza nella conduzione dei vigneti di famiglia) c'è qualcuno nelle mie zona che può darmi qualche informazione sulle colture o allevamenti più convenienti? grazie
Alex, 18-05-2013 11:18
Bello, bello, bello.. Mi piacerebbe tantissimo lavorare a contatto con la natura e sfruttare tutte le potenzialità che la terra può offrire. Abito nella zona del Monferrato, terra ricca e generosa, fulcro della viticoltura piemontese. C'è qualcuno di questa zona che sarebbe interessato a sviluppare un progetto in tal senso?
Paola, 20-05-2013 03:20
Buongiorno,appena alzato inizio la mia giornata con un buon caffè,ho 28 anni, da 14 ho studiato e lavorato in vari settori.Ho capito che la meritocrazia non conta nulla,ma umilmente sono riuscito ad imparare alcuni mestieri. HO avuto un grande richiamo e rispetto delle mie origini artigianali e agricole ma per cause di forze maggiori ho dovuto abbandonare.Confrontandomi,ho avuto tante risposte,ma quello che ha me dispiace è che tutti se ne vogliono andare all'estaro ,ed ogni fine settimana c è una cena di saluto. Perchè abbandonare una terra ricca di valori e tradizioni per desiderare uno stipendio maggiore!!!!Ieri abbiamo fondato una nuova azienda agricola che rispetti le tradizione,i valori e tuteli il nostro territori.
EROS, 25-05-2013 05:25
@Eros Alle volte è più facile (o possibile soltanto) abbandonare l'Italia. Gettarsi in agricoltura, secondo me, ha senso se e in quanto si ha un background familiare agricolo o perlomeno una robusta conoscenza (meglio se esperienza) nel settore. La voglia di fare, da sola, è insufficiente.
Mr.WELL, 27-05-2013 10:27
Buongiorno, Vedo che un po' tutti siamo alla ricerca di una via d'uscita. Da una parte stanchi di essere disoccupati, dall'altra il ritorno alla terra che -al contrario di quello che è stato il mito degli anni '80 '90 - tanto schifo non fa, anzi! Sono un lavoratore e faccio tutt'altro nella vita, ma più volte all'anno mi trovo a fare lo stesso tipo di pensiero: "preferirei mollare tutto e vivere di agricoltura e di allevamento". So perfettamente che la dimensione del sogno può sembrare quella di chi il lavoro in campagna non lo conosce, però mi sono trovato più volte, certo sporadicamente, a vivere la vita da contadino/allevatore e mi fa sentire bene e in pace con me stesso nonostante il corpo a pezzi. Arrivo al punto... esistono corsi di formazione per l'imprenditoria agricola organizzati da coldiretti? Oppure sapete darmi qualche buon consiglio per incominciare ad avvicinarmi? Esistono colture da recuperare o animali da allevare per i quali vengono erogati fondi? Vi ringrazio e saluto!!!
MarcS, 27-05-2013 01:27
Salve anche io vorrei aprire una piccola azienda agricola, ho 23 anni e vorrei avere qualche notizia in più su come avviarsi, sugli incentivi dello stato ecc. Lascio la mia mail, sono delle Marche simo.el @ hotmail . it
Simo, 27-05-2013 03:27
salve a tutti. credo di avere avuto una bellissima idea?vorrei aprire un agriturismo,molto particolare ma non so essattamente a chi propore la mia idea ,anche per che non dispongo di fondi, vorrei essere il primo a creala, e poi far sapere a tutti cosa mi consigliate per realizzare questo mio sogno.a chi posso rivolgere
bruno, 30-05-2013 09:30
Ciao Carmen, sono di Roma anch'io e sto valutando di fare la tua stessa scelta spinta dall'amore per la natura e l'insofferenza verso la vita in città.Però da soli è un po' difficile. Se ti va contattami mi piacerebbe conoscere persone con cui collaborare.
Donatella, 04-06-2013 02:04
Avrà più burocrazia un imprenditore agricolo rispetto ad un artigiano o un arrotino, ma ha anche più contributi e agevolazioni fiscali e agevolazioni varie es. gasolio agricolo a basso costo, IMU bassa o nulla, possibilità di dichiarare sotto i 5000 euro di reddito, 1% di tasse su acquisto terreni e altro, inoltre i prodotti sono tutelati con marchi DOP DOCG ecc....mentre artigiani e arrotini NON sono tutelati nè agevolati per niente, nè contributi nè agevolazioni fiscali, nè tutela dei prodotti (vedi import. cinesi) niente incentivi per i giovani....niente di niente! la solite tipiche ingiustizie corporative italiane, sicuramente per interessi di voto!
Viola, 14-06-2013 08:14
e comunque provate a fare gli artigiani e poi lo vedete se c'è meno burocrazia e giornate di lavore perse negli uffici, nonchè spese per mettersi a norma e senza contributi statali e europei, senza agevolazioni fiscali, nè gasolio agricolo a basso costo......! se non fosse che bisogna essere ricchi o possedere tanti terreni, converrebbe mettersi tutti a fare gli agricoltori, così poi quando c'è troppo prodotto dovranno buttarlo per far risalire i prezzi! Il Governo dovrebbe agevolare tutte le categorie professionali NON solo alcune!
Viola, 14-06-2013 08:14
dice:"malgrado la crisi sono quasi diecimila le imprese agricole nate nel primo trimestre del 2012"...ah ah chissà come mai! facile fare i latifondisti quando si ha un sacco di soldi e un sacco di contributi statali! chissà come mai tutte le altre attività chiudono, forse perchè uccise dallo Stato?
Andrea, 14-06-2013 08:14
peccato che gli ultimi post abbiano virato la discussione su altri fronti in ogni caso ritornerei all'articolo. sono nel savonese da 4 mesi sono laureata in agraria ed ho lavorato in diversi campi agricoli ed agroalimentari. in 4 mesi non sono riuscita a trovare un impiego in campo agricolo e sto seriamente pensando di mettermi in proprio, per esempio nella zona del monferrato dove i costi di terra e strutture sono molto bassi. C'è qualcuno del posto interessato a confrontare le porprie ideee, qualcuno con le stesse mie esigenze? creare una piccola società è più pacile che fare tutto da soli! contattatemi a fatole@libero.it
Dottorfiore, 14-06-2013 09:14
Quanta avversione e quanto pressapochismo. I contributi a fondo perduto esistono anche per le imprese artigiane e le attività industriali. Per non parlare degli incentivi; basti considerare chi ha beneficiato del 3o e 4o conto energia e chi sta beneficiando del conto termico adesso. Inoltre non occorre essere né latifondisti né straricchi. Un ettaro sui colli emiliani costa 4.500 euro, con un ritorno economico al 100% il primo anno, facendo legna. Basta lavorare 18 ore al giorno e i conti tornano. Come in tutti i settori è richiesto un piccolo investimento iniziale.
Mr.WELL, 14-06-2013 09:14
@Andrea Nel 2012 sono nate circa 374.000 imprese non agricole! Nonostante la crisi. E comunque anche l'agricoltura risente del peso del fisco, tant'è che nel 2012 è più che raddoppiata la sofferenza dei mutui agricoli e le aste giudiziarie si sono riempite di poderi immensi. Inoltre mentre il reddito dei contadini tedeschi aumenta, quello dei contadini italiani si flette. Ma noi si continua a lavorare la terra, perché amiamo la terra e questo Paese di originalotti.
Mr.WELL, 14-06-2013 10:14
benissimo! allora...tutti a fare gli agricoltori, tanto siamo a casa a non far niente perchè non c'è lavoro! e i lavori sono tutti duri, specie in acciaieria! No, contributi agli artigiani non ce ne sono, si paga l'IMU pieno e si deve essere in regola con tutte le normative x la sicurezza, senza alcun contributo, anzi subiamo gli studi di settore, anche gli agricoltori? inoltre i prodotti non vengono tutelati, vedi importazioni a basso costo! cmq hai ragione questo non frega niente, voglio vedere fino a dove si arriva con queste politiche di settore! Domani vado alla CIA ad informarmi per fare l'agricoltore, si sente un pò che "requisiti" ci vogliono!
Viola, 14-06-2013 11:14
un ettaro 4500 euro? ma dove? in Toscana un ettaro (seminativo) costa 50.000 euro e di terreno paludoso! 4500 euro! voglio proprio andare a vedere in Emilia Romagna! comunque son contento che almeno si possa tutti andare a far qualcosa in agricoltura, diventare imprenditore, aprire agriturismi, vedo attorno a me che effettivamente molti imprenditori stanno bene, costruiscono, hanno belle macchine, i figli fanno sport, deve esser vero che rende! sperimao che i contributi e gli incentivi di stato per l'agricoltura, si rivolgano anche ai disoccupati sopra i 40 anni che siamo una marea ormai e qualcosa dobbiamo fare, oltre che andare a togliere il lavoro di raccolta pomodori agli immigrati, che questo è un altro tipo di lavoro agricolo rispetto all'impresa agricola! ora la propaganda è questa "ritornare alla Terra" come se fosse la risoluzione dei mali, mi domando ce n'è a sufficienza per tutti in Italia?
Andrea, 14-06-2013 11:14
...tornando all'articolo che (E' MEGLIO!) il libro lo compro senza dubbio, prezzo permettendo!
Andrea, 14-06-2013 11:14
...prezzo ottimo, ce la posso fare!
Viola, 14-06-2013 11:14
@Viola. Le norme di sicurezza si osservano anche in agricoltura, dalle piastrelle nelle sale mungitura, ai sedili dei trattori, alla patente per usare gli agrofarmaci. Non ci sono gli studi di settore, ma cosa analoga: le imposte su base catastale: incassi o no, paghi in base a le estensioni dei terreni e i valori dei fabbricati strumentali. IMU? Con estensioni di terra decenti paghiamo nel complesso tanto quanto l'artigiano sul capannoncino. Tutela dei prodotti? Con tutto il formaggio grana ungherese smerciato fra Reggio e Parma, culla del Parmigiano, direi che la tutela è su carta. Ma noi amiamo la terra, perché ci piace.
Mr.WELL, 14-06-2013 04:14
@Andrea Per esempio a Castellarano (RE), oppure a Borgotaro (PR).
Mr.WELL, 14-06-2013 04:14
Io credo che si dovrebbe riflettere sulla reintroduzione della mezzadria. Decenni fa, una giovane coppia senza un soldo e senza niente di niente, ma con tanta voglia di futuro, diventava mezzadra; col tempo passava al contratto di affitto e dopo vent'anni di esperienza accedeva a un mutuo per acquistare un poderino e lasciare qualcosa alla prole. Tutti noi agricoltori abbiamo un antenato mezzadro. Pensiamoci bene su.
Mr.WELL, 14-06-2013 07:14
Ciao a tutti,ho 46 anni,sono un operaio edile specializzato rimasto senza lavoro intenzionato a ritornare alle mie origini di contadino.Se qualcuno magari ha le mie stesse intenzioni a partir da 0 soltanto con il sudore e il coraggio disponibili può anche contattarmi,sono della provincia di Napoli ciao.
Luigi, 17-06-2013 01:17
ç Dottorfiore. Io vivo nel Monferrato. I prezzi non sono così bassi, però ci sono varie opportunità, cascine in vendita e possibilità, luoghi da ristrutturare e ripensare anche a livello di agriturismo. Per che ha voglia di fare, idee da sviluppare e soldi da investire (ma quelli vediamo di farceli dare) il Monferrato è oro puro. Sono interessata ad un'opportunità del genere, non ho paura di lavorare e il ritorno alla terra è un pensiero che ho da qualche anno. La mia mail è paoletta969@hotmail.com. Se vuoi contattami, Ne parliamo.
Paola, 17-06-2013 02:17
Seguite il mio ragionamento: qui in provincia di Rovigo un ettaro costa 35.000 euro. Se ti va bene coltivando mais guadagni circa 2500 euro lordi all'ettaro. Le spese superano il 50%, quindi ti rimangono 1000 euro netti circa. Mettiamo di voler guadagnare netti all'anno 20.000 euro (stipendio di un operaio)quindi dovrei acquistare 20 ettari di terreno giusto? 20 ettari di terreno sono 350.000 euro. Come faccio a pagare il mutuo che mi permetterà di acquistare i miei 20 ettari??? Conclusione: facendo l'agricoltore si muore di fame...
Paolo, 04-07-2013 03:04
Ho capito Paolo ma pure tu ti metti a coltivare il mais... L'approccio è proprio sbagliato... Coltivare per vendere all'ingrosso è svantaggioso perchè i prezzi sono manipolati al ribasso grazie a sussidi. L'agricoltura non campa infatti della semplice vendita di ciò che produce. Prendiamo un altro caso. 5000mq (un pezzo "piccolo") Creazione di una CSA (Community supported agriculture) Tramite tecniche intensive puoi riservare 16mq orticoli ad ogni membro del csa che paga una quota annualmente od ogni 6 mesi per una fornitura di frutta e verdura fresca a casa. La quota di solito si aggira sui 200-400 euro l'anno per avere tra i 3 ed i 6kg di frutta e verdura settimanalmente. facciamo 2 conti: 5000mq/16mq sono 300 lotti (arrotondando per difetto) 300*200 euro l'anno= 60000%u20AC So benissimo che si tratta comunque di trovare 300 persone interessate, e non è facile... Si tratta di lavorare 5000mq di orto e non è facile... ma anche se riduciamo di 1/3 arriviamo ad un guadagno lordo di 20000%u20AC.
Simone, 05-07-2013 11:05
@Paolo. Il tuo ragionamento non fa una piega. Peraltro e tuttavia chi vuole iniziare da zero o trova terreni in affitto (se economico) o punta su terreni collinari boschivi per fare legna, con un ritorno monetario proporzionato all'investimento.
Mr.WELL, 05-07-2013 12:05
Guarda Paolo che il terreno lo affiti all'inizio, ti rivolgi a persone anziane che non possono più fare la campagna...studia il terreno e vedi cosa puoi piantare...inizi...il primo anno se andrà bene avrai un piccolo guadagno, il secondo sarà maggiore perchè inserirai più piante sarai diventato anche più bravo...e così via.. si parte dal piccolo... chi troppo vuole nulla stringe
Simo, 05-07-2013 03:05
L'idea di una CSA è molto affascinate. Mi pare tuttavia impraticabile da parte di chi deve incunearsi nel settore agricolo come prima esperienza, salvo famiglia alle spalle. Secondo me, i novellini dovrebbero puntare su produzioni facilmente collocabili (medica da seme, sorgo) e male che vada non deperibili (legna); magari recuperando i terreni pedemontani a pendenza moderata, economici e meravigliosi.
Mr.WELL, 06-07-2013 01:06
Va bene. In questi due anni che ho passato alla ricerca di un nuovo contatto con la terra, sempre come volontario e wwooffer (chissà come si scrive poi) (ora sono in un ecovillaggio sul monte amiata in toscana), sempre in perdita di tasca mia, sempre sforzandomi per trovare qualcosa di reale e non di finto nel contatto con la natura, ho visto che sparse per il territorio italiano ci sono molte persone che amerebbero vivere di nuovo come contadini, indipendenti da sistema, società e roba bella. Scrivo a voi, che siete alcune delle persone di cui ho trovato i contatti nella vita quotidiana o virtuale, per fare un appello importante. La nostra debolezza è che da soli, con la grandezza della terra e del sistema, possiamo fare poco. Ma unendoci, e già facendo due conti solo con le persone da me convocate, saremmo una ventina di persone, potremmo avere una forza tale da poter creare veramente un piccolo villaggio fondato sull'agricoltura. È chiaro che qualcuno potrà portare più o meno soldi, più o meno esperienza, più o meno conoscenza teorica, ma in ogni caso certamente abbiamo i requisiti per diventare una forza inarrestabile, se veramente decidiamo di impegnarci in un progetto di una grande realtà (io spero biodinamica) tutti insieme. L'alternativa è faticare una vita col rischio di non riuscire a farcela. Se trovassimo o avessimo a disposizione almeno una 20ina di ettari di terra, o anche meno, per cominciare, potremmo mettere in piedi una realtà agricola indipendente ed arrivare facilmente all'auto-sussistenza e all'autarchia. Possiamo cercare dappertutto, una terra a basso costo (Sicilia, Sardegna, estero?) e comprarcela. Se coinvolgiamo anche i nostri conoscenti, certamente il nostro numero e la nostra forza potrebbe anche aumentare a dismisura. Per ora ciò che posso fare è fare un appello per l'unione delle nostre forze. Se siete interessati contattatemi ( seth@movimentognostico.org ) o rispondete qui, vi darò più dettagli sul "piano" in privato.
Francesco Seth, 07-07-2013 11:07
LeoXam io non sono per niente d'accordo con te... Io ho 23 anni e voglio aprire una piccola azienda agricola e sono alla prima esperienza..mi sono messo a studiare, e spesso vado da nonna per consili su come piantare determinate cose.. NON SI NASCE IMPARATI... poi a ottobre quando avrò piantato ti farò sapere.. e ti faccio un piccolo esempio.. mio zio alla prima esperienza nell'agricoltura ha ottenuto un successo incredibile, stando ogni giorno dietro il suo terreno.. quindi non dare consigli del cavolo, BASTA SOLO LA BUONA VOLONTA' E TANTA VOGLIA DI LAVORARE..
Simo, 08-07-2013 11:08
SALVE,VIVO IN PUGLIA E DA 2 ANNI INSIEME A MIO FRATELLO(LUI 29,IO 32 ANNI)SIAMO ALLA RICERCA DI UN INSERIMENTO NEL SETTORE AGRICOLO.LUI HA ESPERIENZA NEL SETTORE ORTOFRURTTICOLO (IMPORT EXPORT UVA DA TAVOLA,BIANCA INSOMMA),IO X UNA VITA HO RINCORSO UNA LAUREA IN SCIENZE POLTICHE,MI MANCANO POCHISSIMI ESAMI MA VICISSITUDINI FAMILIARI(IMPORTANTI),NON M'HOANNO ANCORA XMMESSO DI OTTENERLA(AHIME'). ABBIAMO UN DESIDERIO,UNA MASSERIA TUTTA NOSTRA,MA CONSAPEVOLI CHE BISOGNA INIZIARE DAL PICCOLO,ANCHE XKE' NON ABBIAMO TANTO CAPITALE DA INVESTIRE.ABBIAMO LE IDEE CHIARE CHIARE SUL DOVE,VALLE D'ITRIA E SIAM DISPOSTI A VIAGGIARE A CAMBIARE RESIDENZA,FAR SACRIFICI(SIANO LIBERI DI FARLO,ORA),MA VORREMMO TROVARE UN FINANZIATIRE,UN IMPRENDITORE,QLCUNO CHE CI SOVVENZIONI O CHE CI DIA L'OPPORTUNITA' DI INSERIRCI NEL SUO ORGANICO:..MIO FRATELLO PUNTEREBBE SUL PRENDERE IN AFFITTO DEI TERRENI O SUL GESTIRE UNA MASSERIA.il settore biologico lo troviamo interessante e secondo noi e' il futuro!comntattetici,siamo in 2,siamo ricchi di conoscenze,agganci,contattateci! dimenticavo,un in bocca al lupo a tutti!!!
LUISIANA, 08-07-2013 01:08
@Simo, la mia era solo un'opinione che, giustamente, può non essere condivisa. Chi possiede buona volontà, è in grado di superare le difficoltà iniziali e magari ottenere pure successo, sono d'accordo. Non era mio proposito schernire i progetti tuoi o quelli altrui: anzi, ogni manifestazione di buona volontà va lodata e incoraggiata. Insomma, pur restando della mia stramba opinione, ti manifesto la mia stima.
Mr.WELL, 09-07-2013 11:09
Ciao mi chiamo Daniele ho 37 anni e sono di Forli ho un'azienda agricola dove coltivo viti ed allevo suini, mi piacerebbe conoscere persone della mia zona e non per confrontarci sui temi dell'agricoltura. Non si trovano in giro molte persone amanti dell'agricoltura. Se ce qualcuno delle mie parti magari si puo uscire a bere qualcosa insieme e parlare di campagna. Per chi è distante potremmo continuare ad utilizzare queto bellissimo sito internet. La mia mail è daniele.garoia@gmail.com
daniele garoia, 17-07-2013 02:17
X Luisiana..... Come ti contattano se nn lasci recapito?
Giuseppe, 17-07-2013 07:17
Ciao a tutti ho solamente 15 anni eppure posso dirvi che la campagna è una di quelle poche cose che mi piacciono. Sono di Scordia "la città delle arance rosse" e appena diplomato a 18 anni incomincerò ad incrementarmi sul mio territorio, ma non per il guadagno ma per pubblicizzare il nostro prodotto: L'ARANCIA ROSSA ma non di sicilia ma solamente della provincia di Catania. Spero che per noi giovani il governo ci dia una piccola possibilità ciao a tutti.
Marko97, 20-07-2013 10:20
Salve, Ho un pensiero che mi gira per la testa: Scondo voi, quale capitale minimo sarebbe necessario avere per avviare un'attività agricola di tipo biologico di dimensioni tali da garantire la sopravvivenza diciamo di 4 famiglie composte da 3 persone? Supponiamo che di queste 12 persone 7 lavorino a tempo pieno per l'attività, dedicandosi agli animali e alla terra. Non ho nessuna idea in particolare ma penso ad agricoltura e un minimo di allevamento tipo pollaio e qualche altro animale. Le persone vivrebbero tutte nella azienda agricola. Sarebbe necessario acquistare sia terreno con abitazione o costruire l'abitazione per le famiglie organizzata in maniera intelligente: non servono 4 case ma una cucina o due in comune, due stanze per ogni famiglia con bagno. Parlo del nord italia, tipo lombardia, liguria, emilia.
Lucky, 22-07-2013 08:22
@Lucky E' una domanda cui si può rispondere nella maniera più svariata. Direi che il minimo sia 350K, considerando 250.000 di acquisto del poderino (9 ettari collinari, casolare, barchessa)e 100.000 fra macchinari, bestie, sementi. E' chiaro che se si considerano terreni irrigui e macchine nuove la cifra decuplica. Al di là delle teorie, il tuo forte è la manodopera: 7 lavoranti. Consiglio: dài un occhio alle aste giudiziarie; esempio: in quella di Parma c'è un podere splendido a 500 mt. slm; sul sito dell'IVG trovi molti poderi all'asta con tanto di stima e perizia giurata, giusto per farti un'idea del valore di un fondo da zona a zona.
Mr.WELL, 23-07-2013 12:23
Ciao ragazzi io scrivo da forlí m8 chiamo andrea e ho 30 anni, lavoro tutt'ora in metalmeccanica ma credo fermamente che il futuro sia nell' agricoltura ha mé appassiona molto ma non ho esperienza al riguardo potete darmi qualche consiglio per cominciare da qualche parte grazie molte.
andrea, 23-07-2013 02:23
Forse sono stato un po troppo catastrofista mi scuso con tutti ma la realtà nelle mie zone è questa. Da noi si coltiva a livello estensivo solo mais mais mais e a volte frumento, soia e colza. Non vedo altre colture in giro ed è questo che mi spaventa: è possibile che non ci sia nessuno che innova in agricoltura? Se qualcuno ha qualche idea ed è vicino alla mia provincia ne possiamo parlare assieme.
Paolo, 25-07-2013 04:25
A Paolo: secondo me nella tua zona se è possibile ti consiglierei di affittarti un bel appezzamento di terreno di circa 30 ettari, e se trovi un buon accordo con il proprietario e con i conti che hai fatto tu in passato avrai un ricavo che pian piano lo investirai in terreni tutti tuoi, oppure devi cambiare tipo di coltura però non so cosa coltivate li dalle tue parti, comunque se tutti la pensassero come te l' agricoltura sarebbe già da tempo morta ma non smettere mai di sperare. Ciao!!!
Marko97, 26-07-2013 04:26
Leggo tanti che hanno molta voglia ma poca esperienza e conoscenze. Crescendo tra agricoltori devo dire che le conoscenze agricole si fanno soprattutto sul campo, sporcandosi le mani ed i piedi, sudando e faticando. Ho partecipato ed ho molti amici che hanno partecipato, al progetto woofer... utilissimo per andare nelle vere aziende agricole a vedere e toccare con mano i prodotti della terra. Si può fare esperienza sia in italia che all'estero: http://www.wwoof.it/it/
mir, 06-08-2013 12:06
Buongiorno a tutti. Trovo interessante ogni Vostra argomentazione, sintomo di concreto fermento. Offro disponibilità collaborativa, valuto gestione e collaborazione attiva con condivisione degli eventuali utili. Non ho esperienza ma desidero farne. Metto sul piatto lavoro fisico con annesse esperienze in materia di brand identity, sviluppo commerciale, ecc.. Invio immediata email a chi esprimesse interesse per un colloquio conoscitivo. Grazie per l'eventuale attenzione.
Giuseppe, 13-08-2013 10:13
Non tutti sono stati fortunati ad avere avuto un'azienda agricola, una fattoria o anche solo un piccolo orto! La verità è che con lo sviluppo economico attuale sono sempre meno le persone disposte ad insegnare un mestiere; adesso è tutta una serie di corsi che non ti portano da nessuna parte e poca esperienza sul campo anche quando desideri farla. Io lavoro in un settore completamente diverso e mi sto per licenziare perché sono davvero stanca. Purtroppo non posso più permettermi di fare un eventuale mutuo per mettermi in proprio, in qualunque settore, e vorrei soltanto lavorare o collaborare nell'ambito ambientale (tra l'altro ho una laurea in materia ma in Italia è inutile e ormai è troppo vecchia per essere utilizzata), ma oggi come oggi la semplicità della vita è diventata più difficile della ricerca di qualcosa di "particolare". Ho scoperto il wwof e spero di riuscire così a fare esperienza ma il problema non cambia: difficilmente troverò qualcuno disposto ad assumere una persona che non abbia alcuna esperienza materiale nel settore (non credo che il wwof ti rilasci qualche carta utilizzabile...). Non so, se avete idee, suggerimenti, offerte di lavoro sarò felicissima di ascoltarle, qualsiasi cosa basta che mi faccia tornare alla terra!
Katia, 15-08-2013 06:15
Buon giorno a tutti, qualcuno mi puo' aiutare x favore? a me piacerebbe aprire un'azienda agricola x allevare pesci tropicali d'acqua dolce e d'acqua fredda, ma non so di quanto spazio in ettari , servirebbe x risultare azienda agricola,c'e' chi dice 2 ettari,chi mi dice 3 ettari. grazie anticipatamente.
Andrea, 16-08-2013 10:16
vorrei avere un'informazione per presentare un progetto ho bisogno di un diploma o un attestato? grazie in anticipo
marcello, 23-08-2013 11:23
@Andrea Occorre rispettare le tabelle ettaro coltura, solitamente disponibili dal sito della propria regione (D. Lgs. n. 99/04). Esempio, in ER una tonnellata di carpe dà 35 giornate e 100.000 capi di specie ornamentali danno 40 giornate: occorre superare le 112,5 giornate (salvo zone svantaggiate). Una volta a)consultata la tabella della TUA regione b)compiuti i calcoli per sapere quanto pesce occorre per rispettare i parametri, allora potrai calcolare anche lo spazio (in base alla normativa vigente)necessario a ospitare quel tot di pesci.
Mr.WELL, 26-08-2013 12:26
x Rachele grazie mille !!!!!!!!!!!!!! finalmente !!!!!!!!!!! adesso e' tutto chiaro
Andrea, 27-08-2013 01:27
Ciao a tutti. Ho 40 anni e vorrei realizzare il mio sogno, aprire un'azienda agricola che produce vino. Mi potere dare qualche dritta? Grazie
Mana, 27-08-2013 02:27
@Sergio I terreni regolarmente posseduti a titolo di comodato d'uso non solo rientrano nel computo delle giornate ma possono altresì beneficiare dei premi PAC e PSR. Occorre semplicemente copia del contratto di stipula registrato. Viene fatta salva l'eccezione di un comodato d'uso con limitazioni: p.e. comodato d'uso stipulato a fini meri e pretti dello scarico liquami (v. Direttiva Nitrati).
Mr.WELL, 16-09-2013 03:16
Avete bisogno di un prestito? Sei stato alla ricerca, dove per ottenere un prestito? Avete cercato di ottenere qualsiasi tipo di prestito? quindi applicare subito? (rodrigoluliloanfirm@yahoo.com), se si desidera ottenere un prestito conveniente. Prestito è offerto qui a un bassissimo tasso di interesse del 3%. Contattaci subito se siete interessati.
Rodrigo Luli, 11-09-2013 09:11
Salve, ho 24 anni e sto per laurearmi in filosofia. La mia famiglia ha un podere (cascina 10 ettari) sulle colline vicini a Rimini. Casa e campi sono abbandonati da anni e mi piacerebbe farci qualcosa, ma cosa? C'è nessuno che puó indirizzarmi a qualcuno che sia esperto e con cui io possa parlare per farmi un'idea di cosa significhi essere un agricoltore? Della serie: 10ettari di vigna o di uliveto bastano a mantenere una persona e una casa? Non ne so proprio nulla, quindi perdonate la maldestria con cui pongo le mie domande.
Emmanuele, 13-09-2013 05:13
Buongiorno, volevo sapere se hai fini del calcolo delle giornate per la costituzione di un'azienda agricola oltre ai terreni di proprietà e quelli affittati vi rientrano anche quelli annessi con comodato d'uso gratuito regolarmente registrato. Grazie
Sergio, 13-09-2013 03:13
Ciao Emanuele. Un terreno collinare può essere adatto per vigna, per oliveto e per talune colture di cereali come frumento tenero e sorgo da granella. Considerata l'estensione, la scelta più redditizia è quella del vitigno, che rende mediamente 100 quintali ad ettaro. La quotazione oscilla a seconda della varietà di uva che le cantine sociali dei paraggi ritirano e trasformano (da 25 a 50 euro al quintale), perciò ti consiglio di darti un'occhiata all'ultimo bollettino della Camera di Commercio di Rimini. Notando che tu non hai né esperienza né conoscenza di settore, ti esorterei ad essere molto ponderante in una scelta assai impegnativa. Se vuoi vivere di agricoltura ti attende un bel percorso in salita, magari cominciando da operaio vendemmiatore, indi affittuario poi imprenditore nel tuo podere.
Mr.WELL, 13-09-2013 05:13
Salve a tuttti, sono un ragazzo di 21 anni dalla periferia di trento,ho perso il lavoro e mi piacerebbe aprire un azienda agricola. Nel territorio è molto sviluppato il settore dei piccoli frutti fin troppo, pensavo di cominciare con della produzione di verdure vendendole a privati o aziende. Potrebbe funzionare ?
manuel, 19-09-2013 10:19
@Manuel Se non hai né esperienza né chi in famiglia o amici possa seguirti, sarebbe meglio cominciare da operaio agricolo anche solo per un breve periodo di 12 mesi. Fondamentale è altresì assicurarsi che ci sia mercato di quello che produci, di modo che, bene o male, il tuo prodotto sia sempre vendibile e venduto.
Mr.WELL, 20-09-2013 09:20
Ciao a tutti sono Fabrizio ho 39 anni, e vivo a Milano da 20 anni, io purtroppo come molti di voi immagino ho dovuto sempre e per forza di cose adattarmi ai vari lavori che mi venivano offerti anche se non soddisfacevano le mie idee che erano ben altre, però si sa quando lasci la famiglia e la tua città d'origine, per andare alla ricerca della tanto attesa fortuna e alla fine non la trovi, e intanto gli anni passano, e la famiglia soprattutto cresce, decidi che in fondo oggi come oggi bisogna o per forza ci si deve rimboccare le maniche e comunque andare avanti, almeno per riuscire si spera un giorno a dare un futuro in parte sicuro ai propri figli (4)per ora. Andrei avanti a parlare ancora ma non voglio annoiarvi, chiedo solamente se qualcuno di voi in passato si è mosso su Milano alla ricerca di domande utili per poter avviare una azienda agricola, o un allevamento di bestiame. Grazie a tutti per l'attenzione, e in bocca al lupo.
Fabrizio, 21-09-2013 02:21
salve a tutti,io fortunatamente un lavoro ce l'ho ancora in fabbrica ma mi piacerebbe nel tempo libero (lavoro a turni x cui ho sempre 1/2 giornata libera) o magari in un futuro anche full-time dedicarmi alla viticoltura. Possiedo già grazie a mio nonno e a mio padre circa 2000 mt di vigneto ma x diventare imprend. agricolo non bastano. Se sapete darmi qualche dritta x la parte burocratica sarei contentissimo di ascoltarla.
simo 71, 01-10-2013 10:01
Buongiorno a tutti! abito in liguria di ponente e vorrei chiedere se è possibile diventare imprenditore agricolo allevando solo conigli, galline e api (con tutto quello che ne consegue: miele, vendita conigli, uova ecc..) o bisogna sempre essere in possesso di tot metri di terra?? grazie per chi saprà aiutarmi!
Gina, 10-10-2013 04:10
salve, mi chiamo Giammarco ho 20 anni e abito in sicilia ,sn un appassionato di animali e mi piace coltivare e avevo in mente di aprire un agriturismo con prodotti tipici siciliani e un allevamento di galline e conigli con tutto quello che ne consegue dopo...sapreste rispondermi grazie in anticipo!!!
giammarco, 14-10-2013 04:14
Salve, sono una ragazza di 20 anni, della campania. Da un pó mi sto dedicando alla coltivazione di un'orto ma ad uso personale, solo che vorrei creare un'attivitá per questa mia passione, magari avviando un agriturismo solo con prpdotti tipici. Potreste aiutarmi damdomi qualche informazione sul come poteriniziare, a che rivolgersi. Nessuno riesce ad indirizzarmi. Grazie in anticipo.
Teresa, 17-10-2013 12:17
Ciao, sono Enzo e ho 30 anni.io grazie a mio nonno ho ereditato dei bellissimi ampi uliveti nella zona di giffoni sei casali prov.di Salerno . Ho il desiderio di produrre olio e coltivare per bene, ma in famiglia tutti sono presi da altro.dovrei cominciare con il ripulire il terreno, abbastanza pieno di erbacce e spine.qualcuno sa consigliarmi da dove cominciare e come, non avendo molte braccia a disposizione? Grazie
Enzo, 29-10-2013 04:29
Salve,sono della prov. di rc,sono proprietario di 5 ha di terreno agricolo devo comprarne altri, per trasformarli in kiwi/melograno/agrumi selezionati.interessava sapere su contributi agevolati/mutuo agrario per realizzare una mini az.ag.grazie.
Pacifico, 30-10-2013 05:30
salve sono un ragazzo di cesena con la passione per l'agricoltura, sto cercando un altro ragazzo giovane o più ragazzzi per avviare un attività agricola per contatti ragnievisigoti@libero.it
nic, 31-10-2013 11:31
salve sono marianna una ragazza che sta decidendo di diventare imprenditrice agricola! siccome ho un vigneto ed un uliveto di proprietà di famiglia vorrei trasformare in qualcosa di più! volevo avere info su come diventare imprenditrice e se ci sono dei prestiti a fondo perduto per creare un azienda dove vendere olio e vino! aspetto notizie grazie
marianna, 31-10-2013 10:31
mia madre ha un terreno di 2000 mq di proprietà sua a metà coltivato zafferano. ma lei non può più ad occuparsene per motivi di salute. me mie domande: vorrei cominciare ad occuparneme io - come faccio a subentrare burocraticamente anche per costituire azienda agricola (mia madre non ce l'ha) ed avere aggevolazioni, per es. luce (possibile?)
Alessandro, 03-11-2013 11:03
Ciao a tutti il mio sogno nel mio cassetto avere una grande fattoria .dove fare nascere molti animali .dove avere una coltivazione di alberi d ulivo .adesso non misento realizzato sono disoccupato ho due figlie ho quasi 40 anni è vorrei strascorrere la mia vita in campagnia stare insieme a tutti gli animali che mi fanno stare bene .spero che dio mi aiuti.
Giuseppe da paceco, 05-11-2013 06:05
Ciao sono davide ho 24 anni ..faccio il giardiniere da 10 anni sono specializzato in tutto ... volevo qualche informazione su un un prestito per aprire una mia ditta ci sto pensando da molto però mancano fondi...
davide, 08-11-2013 05:08
Salve a tutti vedo che questo sito è pieno di persone che vorrebbero avere la possibilità di fare esperienze in agricoltura..Sono Biologa e dopo corsi di agricoltura posso capire ora però possiedo terreni in Sardegna che non possiamo perche per lavoro non ci risiedo gestire è anche una zona adatta sia alla' eolico che al solare chiedo chi ha interesse a collaborare e a cofinanziare progetti di vita c'è anche possibilità di edificare
Fiore, 10-11-2013 10:10
Ciao volevo sapere ma per diventere agricoltore io ho tanti terreni ma non tutti nello stesso paese è un problema?
Gianluca, 22-11-2013 07:22
Io vorrei aprire una fungaia.ho fatto già la prova con le ballate comprate e vengono. chiedo sono dei consigli grazie.
viorica, 13-11-2013 02:13
ciao a tutti............io sono figlio di agricoltori ma purtroppo abbiamo dovuto chiudere l' azienda.... il mio sogno sarebbe tornare alla vita agricola, anche part time (ho gia un lavoro)... quello che mi basta è il contatto con la natura, lavorare in stalla, ecc... zona brescia e provincia.. grazie Roberto
roberto, 01-01-2014 11:01
Ho visto tante belle idee e domande, ma le risposte?
Sabino, 25-12-2013 12:25
Risposta al commento di Fiore del 10/11/2013. Salve Fiore, mi chiamo Stefania,abito in Sardegna, laureata in Economia e sarei interessata alla tua proposta, ossia ad avviare un'attività nel settore agricolo, e mi piacerebbe farlo con un'altra persona, anche per via degli ingenti capitali. Ciao. Stefania
Stefania, 03-01-2014 02:03
ho letto l'articolo e i sogni che condivido di chi ha commentato prima di me; non voglio dissacrare le aspettative di ogni uno, ma sono nato in azienda agricola ora ho 44 anni cerco di portarla avanti con passione e progetti concreti. mi sono reso conto che alla fine dell'anno (se non ci sono rotture di attrezzature o calamità naturali ecc.) si chiude in pareggio (intendiamoci pareggio vuoi dire non avere lo stipendio per mantenere la famiglia). i finanziamenti: (vanno poi resi con interessi, e senza garanzie non vengono erogati) I terreni hanno raggiunto nelle nostre zone BRIANZA prezzi spropositati sia in accquito che in affitto a causa fra le altre cose del tanto auspicato ritorno all'agricoltura. Il gasolio agricolo costa caro. Il mercato della vendita a km zero comincia ad essere saturo (lo stanno facendo tutti per sussistere) e ora la merce marcisce in azienda ( non c'è una visione di insieme tutti producono e vendono le stesse cose). Noi continuiamo perchè siamo spinti dalla passione e dall'amore per la terra (ci siamo nati e non sappiamo farne a meno). Però non me la sento di stimolare nuovi imprenditori ad avviare un azienda agricola di coltivazione e allevamento (che è la pura agricoltura) come la mia. State attenti al vostro progetto che sia ben calcolato. Credo che tutte queste proposte di ritorno alla terra siano più adatte al commercio o all'imprenditoria (giardinieri, tontroterzisti)che alla pura coltivazione. Un saluto a tutti e buona fortuna.
Lorenzo, 05-01-2014 12:05
Risposta ai commenti di Stefania e di Fiore: io ho 30 anni e abito in Sardegna, e anche io vorrei a breve avviare un'attività agricola. Pensavo di farlo anche da solo, ma preferirei enormemente farlo con un gruppo di persone. Abito a Cagliari. Perché non ci sentiamo via mail magari? Se mi volete contattare koyaanisqatsify[chiocciola]gmail.com
koyaaniswazzy, 10-01-2014 03:10
salve a tutti nonostante abbia un lavoro mi piacerebbe cambiare anche cooperando o semplicemente con società agricola coltivazione di luppolo intendo in italia ci sono i presupposti per farlo basta poco per iniziare anche solo un ettaro di terreno ci dovrebbero essere dei fondi cerco socioa mi piacerebbe cambiare vita saluti a tutti p.s non cerco affaristi a caccia di businnes ma persone serie anche con altre alternative tipo vigna ecc
james, 12-01-2014 06:12
Ciao Lorenzo! scusa se mi intrometto, ma mi piacerebbe informarti che una soluzione c'è ed è alle porte. Hai mai pensato di coltivare canapa? Se sei agricoltore di famiglia, è sicuro che i tuoi nonni l'abbiano già coltivata. Poi, negli anni 30, per via di un conflitto di interessi con le multinazionali che producevano petrolio, venne bandita e demonizzata in tutto il pianeta, assistendo al disastro ecologico che stiamo vivendo oggi. Finalmente, l'era del proibizionismo sta per finire, dando quindi la possibilità alla canapa di risorgere. In italia ci sono già diverse associazioni attive che promuovono questa coltivazione che darebbe sicuramente il turbo all'economia italiana. Se desiderassi approfondire l'argomento ti scrivo il mio indirizzo mail, anche perchè io sarei seriamente intenzionato a buttarmi nel campo della coltivazione della canapa e tutte le sue applicazioni. la mia mail è la seguente: mariorossi061@gmail.com. buona serata
Marco, 14-01-2014 12:14
Ciao a tutti, anche io come molti di voi mi sono spostata dalla città alla campagna perchè alla fine ho seguito le orme della mia famiglia che hanno sempre lavorato nell'agricoltura. Se volete chiedere qualche informazione potete usufruire del form che trovate in questo sito http://giovanimpresa.coldiretti.it/
Maria, 22-01-2014 09:22
Ciao a tutti! Ho una zia che è proprietaria di un terreno agricolo di più di 1 ettaro e vorrebbe rivendermelo perchè sono da sempre interessato ad avere un mio orticello da coltivare, e fare giardinaggio in particolare. Ho 28 anni e svolgo un'altra professione. Ho letto che per acquistare il terreno agricolo, da parte di chi non è imprenditore agricolo, è necessario aspettare i vicini confinanti che, se declinano la proposta di vendita (che rispetterà le stesse identiche cifre che verranno poi scritte nel contratto definitivo)danno il via libera all'acquisto. Esistono dei modi per "aggirare" tale norma. Volendo mia zia potrebbe donarmi il terreno e ricevere dei soldi da parte mia... ma se me la revoca? Come posso fare? Grazie a tutti per eventuali risposte. Carlo
Carlo, 23-01-2014 06:23
Cerco esseri umani che vogliano mangiare il cibo che coltivino, che vogliano suonare musica per se stessi e per gli altri senza nulla in cambio, che sappiano costruire una sedia per se stessi e per gli altri senza aspettarsi nulla in cambio se non il passare del tempo insieme per capire realmente il perché ci sia bisogno di costruire sedie, che non siano convinti che la terra sia piatta o sferica, ma che percepiscano che ci sia altro in alto ed in basso e l'ultimo problema è dargli un nome, che si rendano conto che la moneta è un mezzo non lo scopo ed l'unico modo per svegliarsi e vivere, e semplicemente svegliarsi e vivere, ma possibilmente con il proposito di una rivoluzione e non seguire la semplice evoluzione. La penisola Italica è stata marturiata, smembrata e resa infertile per decenni ormai...uno sguardo alle nuove immagini di Google Maps 2014 dovrebbero chiarire a tutti le idee sull'accaduto. Ci sono alcuni punti verdi che nel giro di qualche anno andranno perduti in mobili, legna da ardere, o confezioni per alimenti...e fino a che nessuno più magari, ricorderà come si costruisce una sedia. Cercasi luoghi in difficoltà o inutilizzati da ripristinare ed eventualmente gestire ed organizzare, ed eventualmente altri esseri umani con cui parlare di qualcosa di cui valga parlare.
Luca, 24-01-2014 05:24
Messaggio per Fiore e Koyakoyaanisqatsify Salve Fiore e Koyaa.., come ho già ribadito anch'io sarei interessata ad avviare un'attività nel settore agricolo. Ho 30 anni, abito a Cagliari. Se siete ancora interessati, ci sentiamo tramite e-mail a: stefy.pipi@hotmail.it
Stefania, 27-01-2014 12:27
per Stefania: ti ho scritto una mail l'8 febbraio, fatti sentire se vuoi.
Koyaaniswazzy, 14-02-2014 12:14
Salve,sono un ragazzo di 30 anni disoccupato, la mia famiglia possiede un terreno di quasi 1 ettaro nella Sila cosentina,vorrei avviare una piccola azienda agricola,e volevo sapere a chi devo rivolgermi per sapere se esistono fondi e se possiedo i requisiti minimi per accedere a tali fondi..
Marco, 15-02-2014 09:15
Messaggio per James. Ciao sono Fabrizio di Cuneo. ottima la tua idea di produrre luppolo ma hai esperienza? ci vorrebbe qualcuno con il Know per produrre Malto Ciao
Fabrizio, 28-02-2014 06:28
Ciao LUCA,mi chiamo Marika mi piacerebbe sapere come posso fare per mettermi in contatto con te? ti lascio la mia mail marikay@live.it grazie,a presto!!
Marika, 28-02-2014 04:28
CIAO LUA DEL 24 GENNAIO ORE 17.42. Condivido pienamente le tue idee. Mi piacerebbe approfondire l'argomento che hai trattato. S vuoi scrivermi ... sono meri.roversi@alice.it
A Luca del 24 gennaio 2014, 06-03-2014 10:06
salve,chiedo a chi ha già intrapreso questa strada o meglio ancora a chi l'ha già completato, come funziona in maniera pratica?in poche parole va. ho letto un centinaio di siti ma parlano in maniera molto confusionale, cerco un sito o qualcuno che mi spieghi cosa si deve fare, a chi si deve rivolgere,e come. grazie mille.
salvatore, 17-03-2014 08:17
Salve, ho un terreno di 3 ettari di cui 1 a pinetina e 2 a ficheto sia bianco e sia rosso. Il terreno è confinate con ss 378 a 800 mt. da Calendano. C'è l'acqua e il palo della luce. Cerco qualche buona idea, socio o soci per poterlo valorizzare. Mi hanno parlato di incentivi per le mandorle e per le olive. In realtà mi piacerebbe un B&B oppure ditemi voi cosa fareste. Purtroppo la nota dolente è l'aspetto finanziario. Non ho soldi da investire e ho superato i 40 anni per cui non posso accedere al primo insediamento. Attendo fiducioso ogni vostro consiglio o proposta
Nicola, 27-03-2014 08:27
ho dimenticato di lasciare la mia e-mail. inputdc@libero.it
Nicola, 27-03-2014 02:27
buonasera vorrei sapere se esistono finanziamenti a fondo perduto per aprire azienda agricola, che requisiti bisogna avere? io possiedo un terreno però non essendo l'unico proprietario perché e anche dei miei parenti volevo sapere se potevo usufruire dei finanziamenti o cose simili. aspettando delle risposte vi saluto arrivederci.
simone, 27-03-2014 07:27
Buongiorno, io non ho mai svolto attività agricola, tuttavia, da quando mi sono trasferito in una zona collinare dove si svolge prevalentemente questa attività, mi incuriosisce la cosa. Mi chiedevo se esistono corsi per imparare a lavroare la terra e gestire animali da cortile. (non per macellazione perchè sono un animalista). Se qualcuno può darmi qualche consigli, mi darebbe un bel contributo. Grazie B.
Bruno, 31-03-2014 11:31
CIAO LUCA, interessante quello che pensi. Come sta andando la tua ricerca? Hai realizzato qualcosa? Stefania
Per LUCA del 24 gennaio, 08-04-2014 06:08
Buongiorno, ho una azienda agricola di 20 campi vicentini, biologica non certificata sui Colli Berici nella provincia di Vicenza. In azienda c'è già un progetto di Bed & Breakfast, seminari, turismo equestre, orticole da completare. Sono interessata ad affittarla a giovani imprenditori agricoli per almeno 10 anni. Barbara Ceschi b.ceschi@yahoo.it
Barbara, 22-05-2014 03:22
Nonostante la crisi il settore regge ma sollo per le idee inoovative www.aprireazienda.com/diventare-apicoltore-come-avviare-un-apicoltura/
Alessandro, 05-06-2014 03:05
ex imprenditrice tessile, interessata a collaborazioni c/o Aziende di agriturismo vitivinicole Regione Marche vicinanze mare. Mi dovrei trasferire dal nord .. per iniziare valuterei vitto e alloggio. Questo Il mio sogno (da sempre).. abitare/lavorare in un Casale in collina attorniata da gatti, cani, .. orto.. e sentire il profumo della terra. Grazie anticipatamente a chi mi vorrà consigliare o proporre. Perla.
Perla., 06-06-2014 05:06
In tre amici abbiamo un terreno a 1 ora da Roma per fare un orto. Ci dedichiamo un paio di volte a settimana e nel week end. A chi a voglia di coltivare e stare in mezzo alla natura può darci una mano e divertirsi.
Roberto, 09-06-2014 12:09
Ciao Stefania, se volessi ancora sapere informazioni ti lascio la mail. mindplac3@gmail.com
Luca, 13-06-2014 12:13
Ho capito. Dopo aver letto molti commenti ed il servizio NON diventerò mai Agricoltore. Burocrazia, iscrizioni varie, agevolazioni come le forche caudine... nessun coordinamente sui prodotti da coltivare, associazioni inconsistenti.. lascio perdere. Coltiverò il mio terreno per svago. Ah! Sto coltivando un pò di galletti Americani, un pò di piante di goji, un pò di noci, un pò di ciliegi, meli, gelsi, peri, cachi, fichi ed altro. Tutto prettamente biologico. Il fieno non lo vuole nessuno, lo faccio marcire per poi concimare oppure lo brucio...:-(( Angelo Pierobon
Angelo, 12-06-2014 05:12
Ciao a tutti. Non credo che ci si debba far spaventare dalla burocrazia se si vuole cambiare il proprio stile di vita. Val la pena di provare. Condivido il mio progetto, per chi fosse interessato. Mi chiamo Andrea, 31 anni, abito nella Bassa Padovana. Sono vegano e sono una persona molto sensibile a temi ambientali, sento una forte attrazione per la natura e un forte richiamo nei confronti della nostra Madre Terra. Attualmente sto coltivando un grosso orto con il metodo biodinamico, con anche aiuole sinergiche. Ho tante idee (buone e) sostenibili e cerco persone con cui portarle avanti. Non è facile parlare con le persone e convincerle che l'agricoltura non ha bisogno di chimica e che non tutto quello che si fa sia fatto in funzione di avere più soldi possibili e una villa con piscina. Sono intenzionato ad aprire una azienda agricola biologica (con futuro agriturismo) non appena verranno fuori le nuove direttive europee in tema di agricoltura con cui le regioni, attraverso i Psr (piani di sviluppo regionale), finanzieranno l'agricoltura e soprattutto i nuovi insediamenti. Obiettivo: indipendenza energetica ed alimentare delle persone che vorranno condividere tempo e lavoro. Nel frattempo, sono consulente informatico e ho tante idee su come favorire l'ambiente con l'ausilio della tecnologia. Non sono convinto che per cambiare, bisogna rinchiudersi un eremo.. semmai dare il buon esempio al nostro prossimo. Per chiunque fosse interessato, lascio il mio contatto mail: andrea.lampis@gmail.com
Andrea, 06-07-2014 02:06
@Andrea! Peccato che sei a Padova! Condivido TUTTO quello che pensi e che fai. Noi viviamo in provincia di Milano ma siamo della provincia di Napoli, quindi mireremmo a scendere e mio marito è un PM in ambito informatico. Buona fortuna per tutto!
Alexandra, 15-07-2014 10:15
ciao a tutti, sono un 43 enne che da circa due anni sbatte la testa in improbabili colloqui o cintratti a termine di max 2 settimane...se potete darmi qualche indirizzamewnto su come diventare imprenditore agricolo,se ci sono finanziamenti a fondo perduto,tutti gli step da percorrere ve ne sarei grato anzi di piu'!!!abito a roma e vi lascio la mia mail per qualsiasi proposta,rigranziando anticipatamente per l'attenzione!!! un saluto a tutti pasqualedantonio7@gmail.com
pasquale, 11-07-2014 04:11
Buongiorno a tutti. Per vari motivi sto pensando di abbandonare il mio attuale lavoro e dedicarmi all'Agricoltura. ho 54 anni non ho famiglia a carico quindi devo solo provvedere unicamente al mio sostenimento. Sarebbe mia intenzione dedicarmi inizialmente ad attività ortofrutticolture e solo in un secondo momento ad allevamento da cortile. Le mie esperienze sono pari a zero, anche se negli ultimi anni ho coltivato un piccolo orticello e da bambino ero sempre nel podere dello zio. Volevo quindi chiedere dei consigli per quanto riguarda: A)Quanto terreno sarebbe necessario per avere una rendita fra i 15-20 mila Euro? B)Guardandomi in giro ho visto prezzi fra i 3 e i 40 Euro(solo terreno niente fabbricati)come viene calcolato il prezzo del terreno agricolo? C)A quanto ammonterebbe l'investimento iniziale naturalmente senza il terreno. D)Volendo essere completamente indipendente, quindi senza manodopera quanto terreno può coltivare una sola persona? Vi ringrazio ed in caso vogliate contattarmi direttamente la mia mail è: nino60fa@gmail.com
Nino, 24-07-2014 04:24
Prima di partire con un progetto fatevi l'autotest e imparate a stare bene di salute! Ci sono grandi progetti per l'agricoltura ;) http://www.metodorqi.com/amember/aff/go?r=631
Manuela, 29-07-2014 10:29
Gentili lettori, Mi chiamo Carlo, 32 anni di Taranto. Sono inoccupato. Chiedo gentilmente se, tra coloro che hanno attività agricole, di poter essere impiegato come operaio agricolo alle prime armi. Non ho esperienza in alcun settore dell'agricoltura, ma ho volontà di imparare. Ringrazio per l'attenzione. La mia email: oldgamexp@gmail.com
Carlo, 29-07-2014 02:29
Buongiorno amici, se avete una buona idea in campo agricolo vorrei condividerla..la cosa più importante però sono le qualità umane di chi avanzerà l'eventuale proposta, nel senso che deve trattarsi di persone serie, umili, amanti della terra e , perchè no, anche un pò sognatrici. Attendo vostre. Cordialità
SALVATORE, 25-08-2014 10:25
ciao a tutti, sono un ragazzo dell'aquila appassionato di agricoltura. ho già una piccola attività ma vorrei ampliarla. cerco qualche ragazzo, della zona, appassionato e serio che sia disposto a entrare in società perchè al giorno d'oggi da soli non si va più da nessuna parte. lascio la mia mail per chi fosse interessato: carlo.deangeli@alice.it
carlo, 03-09-2014 09:03
Ciao a tutti, cerco soci per sviluppare l'attività descrittà qui : http://www.onlymoso.it/ Ho un terreno di 3 ettari ma vorrei iniziare con 1 ettaro. Cerco soci finanziatori ma se fossero anche lavoratori non guesterebbe.
Nicola, 04-09-2014 12:04
come al solito dimenti sempre di lasciare il contatto: inputdc@libero.it oppure 3397958129
Nicola, 04-09-2014 03:04
Ciao Nicola, su quale territorio svilupperesti l'attività. Ciao Grazie
Perla., 04-09-2014 04:04
Ciao Perla, il terreno è vicinissimo a Calendano frazione di Ruvo di Puglia (BA).
Nicola, 05-09-2014 12:05
Buon giorno a tutti,sono Salvatore abito a Milano,sono un ex ristoratore e albergatore,ultimamente ho visitato una cascina molto bella nel lodigiano abbandonata a se stessa da anni e necessita di ristrutturazione totale,ma questo è un problema risolvibile,vorrei aprire un piccolo agriturismo con B&B ed allevare piccoli animali da cortile ed un piccolo orto in modo da somministrare ai miei ospiti la maggior parte di prodotti coltivati e allevati da me,mia moglie è una appassionata dei cavalli e vorremmo fare ippoterapia giovanile,la gestione sarà di tipo famigliare con i miei fratelli e le mie figlie, spero di poter realizzare questo mio sogno contando anche su sovvenzioni comunali e regionali,a voi chiedo consigli,ringraziandovi anticipatamente,saluti a tutti e buona giornata,Salvatore
salvatore, 06-09-2014 10:06
Ciao Nicola, ti sei già informato sull'ammontare del capitale iniziale necessario per poter avviare l'attività contattando qualcuno della Onlymoso? gaetdent@tiscali.it
Gaetano, 13-09-2014 04:13
Buonasera, cerco un lavoro per il fine settimana. Sono disponibile Sabato, Domenica, volendo Venerdì e un altro giorno infrasettimanale. Vorrei lavorare in un agriturismo/fattoria quindi occuparmi degli animali, coltivare la terra, piccoli lavori di manutenzione/ristrutturazione. Lavoro come custode per il week end. Non ho paura di sporcarmi le mani!!! Ho esperienza con i cavalli anche come guida per i trekking. Possesso del certificato d'idoneità conducenti e guardiani per il trasporto animali vivi. Zona di residenza provincia di Roma, zona di preferenza Viterbo e Rieti, Toscana zona maremma previo accordi spese. Sono un libero professionista di 33 anni, mi piace lavorare a contatto con la natura...sempre alla ricerca di migliorare...serio, responsabile e con tanta voglia di fare. Cerco lavoro retribuito o quantomeno un progetto serio finalizzato ad un obiettivo interessante. Offro e chiedo massima serietà!!! Grazie GME Contatti: Piero galop_pino@yahoo.it GME
GME, 22-09-2014 07:22
Ho chiesto per ampliare la mia scuderia di 8 box e farne un altra di dieci di iscrivermi come coltivatore diretto . Mi è stato risposto che per farlo dovrei averne già 21 di cavalli come allevamento !!! alla fine è un cane che si morde la coda belle parole ma la burocrazia ti fa passare la voglia e basta !!!!!!!!!!!!
bonatti diego, 04-11-2014 09:04
Ciao a tutti, sono Alessandro di Milano e sto aspettando con ansia il nuovo PSR liguria (2014-2020) visto che ho intenzione di spostarmi da quelle parti ed aprire una piccola azienda, Sono ormai più di 11 mesi che cerco di capire bene il funzionamento dei PSR, PAC etc ma ogni volta ho risposte, se riesco a darmele, diverse tra loro. Ismea, coldiretti, cia e altri sembrano non avere le idee molto chiare al riguardo. Conoscete qualcuno di onesto (furboni ne ho già incontrati a decine) che possa guidarmi in questo pratica? Enti o persona fisica che sia. Grazie mille!A.
Alessandro Del Grosso, 12-11-2014 11:12
Buongiorno a tutti ho 43 anni e sono disoccupato,sarei intenzionato ad aprire un'azienda agricola(magari con allevamento),secondo voi posso usufruire di qualche finanziamento non rientrando tra i giovani?sono di roma intenzionato a trasferirmi.o magari qualche lavoro in aziende gia' avviate.grazie a tutti la mia email: mannav71@gmail.com
vincenzo, 19-11-2014 11:19
Hey gente ho trovato questo sito molto interessante, dateci un'occhiata.... ditemi che ne pensate, io ho dato la mia disponibilita' per il Lazio, ma anche le regioni limitrofe potrebbero andar bene... http://www.gruppoacquistoterreni.it/ Fare agricoltura in Italia dovrebbe essere un obbligo di legge!!!!
Sandro, 23-11-2014 07:23
Ho un terreno in Puglia a Ostuni con un trullo saraceno da ristrutturare ed edificabile chi fosse interessato mi contatti il prezzo è un affare perché non abito più in Puglia ..è un posto con un energia positiva con alberi di ulivo e fichi d 'India ...contattatemi eugenia.russo64@gmail.com
Eugenia, 30-11-2014 10:30
Ciao a tutti, abito a roma e sto cercando un piccolo pezzetto di terra per fare un orto ad uso famigliare ed allevare qualche gallina. Mi basterebbero 200 m2, se ce nè un pò di più meglio! cerco in zona roma sud...qualcuno può aiutarmi? grazie mille
Francesco, 03-12-2014 02:03
Ciao a tutti. Avrei in mente un progetto da realizzare in puglia nel settore agro alimentare biologico e altre attività correlate tutte all'insegna della vita all'aperto. Attività di coltura prettamente bio, atttività ludiche, sportive. Cerco persone serie e motivate con cui sviluppare questo progetto. Potete contattarmi :castellaneta.filippo@libero Filippo
Filippo, 04-12-2014 04:04
ciao a tutti vista la mia eta' non piu' giovanissima vorrei intraprendere l'attivita' di allevare animali come galline , polli , tacchini , conigli ecc ecc e infine anche vitelli da ingrasso . chi mi puo' aiutare a capire la burocrazia, che aiuti posso avere da gli enti preposti a chi mi dovrei rivolgere? grazie a tutti
giovanni 49 anni, 10-01-2015 12:10
Vorrei conoscere quanti ettari dei terreno boschivo, occorrono per diventare imprenditore agricolo in Basilicata. Grazie.
GIULIO, 15-01-2015 07:15
Buonasera sono un giovane dalla Sardegna,possiedo un appezzamento di suolo agricolo di circa 3000 mq,vorrei avviare un'impresa agricola (una serra tipo tunnel a doppia campata,per la coltivazione di fragole) Vorrei sapere se ci sono contributi per questa attività e come devo fare per potermi iscrivere come imprenditore agricolo e quindi per la progettazione ecc
Maurizio, 02-02-2015 08:02
Buonasera a tutti, vorrei avviare l'attività di coltivatore di agrumi in Calabria quali limoni ed arance, ho un terreno agricolo di circa 2 ettari e vorrei sapere se ci sono finanziamenti a fondo perduto, i requisiti e dove potermi informare.
Francesco, 07-02-2015 03:07
Buongiorno, Vorrei avviare l'attività nell'agricola,possiedo 3000 mt di terreno agricolo nel lecchese e vorrei farne un uliveto,vorrei informazioni e requisiti richiesti,grazie cordiali saluti
pinoli iside, 14-02-2015 02:14
buongiorno sono diplomato all'istituto agrrio di genova e mi piacerebbe aprire una piccola azienda agraria in piemonte o zone limitrofe ma non so da dove iniziare mi aiutate? grazie
mattia ferioli, 27-02-2015 10:27
Buongiorno,ho a disposizione 12ht circa di terreno soltanto in piccola parte pianeggiante,a 4 km dal centro cittadino (Sassari) vorrei aviare un'attività agricola o di allevamento,ho 48anni,potete darmi qualche consiglio? Grazie ciao
Paride, 18-03-2015 09:18
buonasera parlano tutti di agricoltura e incentivi ma alla fine niente di concreto tempi lunghi e requisiti da avere vorrei avviare su 2 ettari di terra un allevamento allo stato brado bio di ovaiole e al momento non riesco ad avere informazioni sicure qualcuno mi potrebbe aiutare sono della provincia di bari grazie
michela, 07-05-2015 04:07
Amministro da IAP una azienda agricola, forestale, con forte vocazione agrituristica in quanto situata in area Naturalistica. Leggo di giovani ben intenzionati ma privi di risorse. Se oltre le intenzioni hanno anche competenze, volontà e idee chiare sul da farsi ma sopprattutto sui limiti che la vita in agricoltura impone vorrei dire loro che in agricoltura,zootecnia, silvicultura e attività connesse quali quelle agrituristiche non servono necessariamente finanziamenti, contributi ma terreni naturalmente , capire cosa si può fare su quel tipo di terreno in termini di economia primaria e di trasformazione secondaria, avere alleanze affidabili ( non essere soli ma poter condividere con amici la stessa idea, oppure col nucleo familiare o con parenti ) avere energie fisiche , attitudini operative multidisciplinari, conoscenze teoriche di base e tantissimo entusiasmo. Ho abbracciato questa attività a 6o anni, quasi per hobby e non volendo vivere da pensionato, dopo aver fatto tutt'altro nella vita. Pur disponendo di terreni , strumenti e di una articolata e compiuta potenzialità operativa , non riesco a trovare giovani, almeno 3, che vogliano , senza investire il loro danaro, studiare la situazione, individuare e valutare cosa potrebbero fare nei 102 ettari dell'entroterra della liguria di Levante qualora affidassi a loro, in comodato pressocchè gratuito, le risorse di cui dicono necessitare. Ciò purchè i loro progetti e il loro modo di porsi rispetto ai loro progetti risultasse affidabile e credibile. Nelle start up industriali si chiama project financing ; nella economia informatica e delle app ci stati centinaia di esempi, all'estero normalmente, di banche o finanziatori privati che , ascoltato il proponente, lo hanno finanziato facendolo uscire dal solito sottoscalo dove avevano immaginato facebook o twitter o google etc... Nelle start up agricole la spesa più grande è naturalmente il terreno, l'infrastruttura, l'acqua ma la risorsa più determinante è il lavoro, delle braccia e anche della mente, l'dea specifica su quel tipo di coltivazione,quell'allevamento o quel processo di trasformazione e sfruttamento del prodotto della terra. Vorrei incontrare e parlare perciò con qualcuno dei giovani che scrive di voler fare , ma non può per mancanza di risorse. Io potrei disporre delle risorse ma non sono più tanto giovane.... chissà!! Tirate perciò fuori le vostre capacità ,usate la testa e progettate il vostro futuro. Nessuna idea , anche la migliore, riesce a camminare senza gambe!! Auguri, walter bianchi
walter bianchi, 31-05-2015 04:31
Walter Bianchi come la posso contattare in privato?? io e la mia compagna abbiamo esperienza e passione nel settore agricolo e turistico saremmo disposti a uno scambio di idee di esperienze. Per una futura collaborazione. Saluti dal Piemonte cuneese. Il mio contatto Facebook o Twitter é Andrea Burdisso o burdissoandrea@yahoo.it
Andrea Burdisso, 03-06-2015 08:03
Anche io sono un giovane che vuole cimentarsi nell'avventura agricola. Per ora mi piacerebbe trovare alcune aziende disposte ad ospitarmi in cambio di manodopera, per imparare e capire. Per il Signor Walter Bianchi: sono disponibile ad aiutarla nel suo progetto. La mia mail è flavio.denardi@yahoo.it
Flavio De Nardi, 09-06-2015 11:09
Rispondo al sig. Walter Bianchi vorrei conoscerlo e poter parlare personalmente per capire come fare per il mio progetto in agricoltura Ho 26 anni e sono volenteroso e serio no perditempo come possiamo metterci in contatto abito a finale ligure il mio cell 3404100116
Samuele Zonca, 20-06-2015 09:20
Salve sono una hobbista di apicoltura, vorrei trasformare questo hobby in un piccolo reddito. Debbo diventare agricoltora? possedere un terreno? basta averlo in affitto?ci sono degli incentivi dalla regione (Emilia-Romagna)?Grazie cordialmente Cinzia
CINZIA, 24-06-2015 04:24
Ciao a tutti, Io sono un creditore privato, offro prestito al 2% si tratta di una società legittima con onore e la differenza siamo pronti ad aiutarvi in qualsiasi problema finanziario che siete offriamo tutti i tipi di prestito, quindi se siete interessati a questa offerta di prestito Vi preghiamo di contattarci al nostro e-mail: rllender@hotmail.com
RL LENDER, 03-09-2015 08:03
buon giorno a tutti sono marcello da napoli,lavoro da 20 anni ma è da tempo che vorrei cambiare lavoro,mi piacerebbe avere un agriturismo,mi piacerebbe avere della terra da lavorare,mi piacerebbe avere un orto animali ecc.purtroppo non conosco nessuno che puo aiutarmi o meglio ha le mie stesse idee e desideri.se c'è qualcuno di napoli o della campania che ha i miei stessi desideri mi contatti la mia email è pietrorossi1983@libero.it saluti marcello.....peccato che il signor walter non è campano......
marcello, 23-09-2015 01:23
Salve signor Walter, Mi presento sono Rosario di 33 anni e le scrivo dalla Sicilia, leggo il suo interessamento verso giovani che vorrebbero sfruttare l,idea di impresa agricola attraverso un valido progetto ma che sono sprovvisti di alcune risorse importanti per le start up, mi piacerebbe contattarla per parlarle di persona. Il mio indirizzo e-mail è rosix.82@hotmail.it
Rosario cardella, 27-09-2015 11:27
Sig. Walter Bianchi La prego di contattarmi. Sono interessato al suo progetto, ho competenze in campo agroalimentare, spirito innovativo, due piccoli appezzamenti di terreno e tanta voglia di impresa nel settore agricolo. Non ho nessun punto di partenza perchè sono indigente e non ho possibilità, mi piacerebbe discutere con Lei per scambiare opinioni stefano.innao@libero.it
Stefano, 01-11-2015 04:01
Nel caso qualcuno volesse contatto diretto può scrivere ad inputdc@libero.it oppure telefonare o SMS 3397958129. Nicola
Nicola, 02-11-2015 02:02
Il 31 maggio 2015 avevo cercato di dare su queste pagine un mio contributo di pensiero a coloro che pensano di volersi impegnare in agricoltura ma poi si fermano scoraggiati o intimiditi dai costi,dalla assenza o carenza di contributi,dalla burocrazia etc etc. Ho contattato perciò tutti coloro che avevano espresso curiosità e interesse a capire di più. Se , come suppongo, gli indirizzi erano ben esposti e se come mi auguro sono stato capace di editarli correttamente, debbo purtroppo rilevare che non c'è stato alcun seguito!! Stessa sorte ho registrato per l'80% dei contatti alle inserzioni per la ricerca di Operatori Outdoor in Agricoltura e Agriturismo che ho condotto sulla rete negli ultimi 3 mesi esprimendo analoghi messaggi e offrendo medesima disponibilità. Peggiore epilogo , con riscontro "zero" hanno avuto infine le offerte di "ospitalità" rivolte ai laureandi delle facoltà di Agraria di 4 atenei del Nord Ovest per il tramite dei loro servizi di placement o orientamento. In sostanza , sulla scorta della mia esperienza personale sul tema di cui si parla in questo forum che mi sembra essere " lavorare in agricoltura" debbo registrare una grande distanza tra l'idea dichiarata inizialmente e le azioni successive. Non intendo riferirmi al risultato finale, complesso e meritevole di ogni analisi preliminare, ma specificatamente alla assenza di azioni e comportamenti iniziali tesi alla conoscenza, all'approfondimento e alla valutazione. In una parola ci sarà probabilmente l'idea ma non capisco dove vada a finire e se esista la curiosità e la determinazione iniziale necessaria affinchè una idea così difficile da realizzare possa trasformarsi in pratica operativa. Se questo forum è riservato a coloro che intendono diventare protagonisti della Economia Verde vorrei nuovamente incoraggiarli a trasformare il loro sogno in realtà a partire da azioni normali, doverose verso se stessi e a bassissimo costo: conoscenza , studio e approfondimento delle reali possibilità, a partire dalla consapevolezza dei propri punti di forza e sulle proprie carenze, non lasciandosi sempre condizionare dalla paura di non farcela o rinunciando al diritto di capire di più, prima di rimettere il sogno in un cassetto. Nei 40 anni della precedente vita professionale facevo tutt'altro occupandomi in ogni caso sempre dell'individuo nel mondo del lavoro. Mi ero guadagnato il ruolo di Grillo Parlante quando la mia azione si riferiva alle giovani new entry nel mondo lavorativo , industriale principalmente. Sarà fastidioso ma un certo pungolo forse serve. Concludo segnalando ai lettori di questo forum che gli sforzi iniziali che debbono essere fatti dal giovane che vuole entrare nel mondo dell'Industria sono a mio giudizio un decimo rispetto a quelli che deve fare un giovane che voglia diventare "agricoltore" : una sorta di lavoratore ma soprattutto un imprenditore di se stesso con una grande passione e con tanta convinzione di gettarsi nella mischia,nelle incognite e nella incertezza di risultato. Coraggio perciò: non limitatevi a cercare un contatto. L'idea astratta che coltivate non si può accontentare di un "contatto" in più sulla rete o in un forum. Credo ci siano in italia centinaia di coltivatori diretti o imprenditori agricoli ma soprattutto tanta "terra" che accoglierebbe a braccia aperte chi, nei fatti, dimostrasse di volersi veramente mettere in gioco dopo aver dato prova di aver capito come sappiate muovervi disinvoltamente in un campo tanto duro!! Auguri a tutti walter bianchi
walter bianchi, 02-11-2015 10:02
salve sono un giovane palermitano di 22 anni volevo iniziare a coltivare fragole in tubi in p.v.c da 100 sovrapponendoli a 40 centimetri di distanza per poter sfruttare lo spazio l 100% calcolando le spese di tutto il materiale che serve per iniziare ammonta a circa 5 mila euro volevo sapere se ci sono delle sovvenzioni per poter iniziare un progetto del genere indirizzo email:marcovitrano82@gmail.com
Vincenzo Oliva, 09-11-2015 10:09
Ciao a tutti sono un ragazzo 23 enne di Cesena intenzionato a far domanda per il PSR nel 2016 per creare o rilevare un'azienda agricola nell'appennino romagnolo. Sono in cerca di chiunque voglia avvicinarsi e prender parte al mio progetto, ovvero eventuali soci, agricoltori in pensione o prossimi alla pensione che vogliano vendere il proprio podere o che cerchino una collaborazione per condurre l'azienda in cambio di vitto e alloggio ecc...Ho già esperienza in ambito agricolo, sono diplomato in agraria, al momento lavoro in un'agriturismo ma vorrei approfittare del bando europeo per aprire qualcosa di mio. Chiunque fosse interessato per qualunque cosa mi contatti!3429761746
nic, 24-11-2015 01:24
Buongiorno, mi chiamo Sara ed ho 28 anni, e da diversi anni sono fortemente interessata al mondo dell' agricoltura, in particolar modo mi piacerebbe aprire un agriturismo e diventare coltivatore diretto. Vorrei maggiori informazioni in merito, ho girato diversi agriturismi in toscana, in umbria e nel lazio per vedere sul posto di che realtà si tratta, oltre che fatto delle ricerche su dei casali con terreno in vendita. Chiunque volesse contattarmi puo' farlo all'indirizzo email sara.ambrogi@yahoo.it
Sara, 30-11-2015 11:30
Buongiorno Signor Walter, ho quasi 30 anni, 2 figli, e mi sono stufata di vivere una vita passiva e senza vere soddisfazioni personali, che non vadano oltre al mio ruolo di madre. La mia famiglia possiede svariati ettari di terreno, attualmente in affitto. Ho da un pò un progetto per cui sto studiando, visto che mi mancano le basi non avendo mai avuto esperienze in questo campo, e per cui nutro davvero molta fiducia. Lo scopo è dare modo alle imprese già esistenti di diversificare la loro produzione, di far conoscere metodi innovativi e prodotti differenti rispetto a quelli che fanno parte da sempre della loro zona di confort e di dare nuova vita alla terra ormai sfuttata fino all'osso. Quando il mio progetto sarà ultimato e passeremo alla realizzazione degli impianti avrò bisogno di circa 500 ettari di terreni da coltivare per far funzionare correttamente l'impianto, ma per arrivare a questo dovrò prima fare delle 'prove' per assicurarmi che la spesa per l'impianto sia giustificabile. non posso farlo sui miei terrenti perchè troppo distanti dall'impianto esistente, quindi potremmo cominciare sui suoi terreni e, se il gioco varrà la candela, potremo costruire l'impianto e aggingere gli ettari mancanti senza problemi. ginnipsico@yahoo.it
Virginia T., 12-12-2015 02:12
Salve a tutti.sono un ragazzo di 40 anni e volevo sapere se per me che non ho più 39 anni se posso accedere a qualche contributo per laa mia piccolo allevamento di capre.Grazie
raul, 24-01-2016 05:24
Buongiorno vorrei sapere se allevando 50 galline ovaiole (che ho gia') posso richiedere qualifica come coltivatore diretto o imprenditore agricolo e qual'e' la differenza fra l'uno e l'altro grazie
anna fiore, 07-04-2016 02:07
buongiorno vorrei cancellarmi. come posso fare?
Nino, 18-04-2016 09:18
buongiorno ho 45 anni e non avendo possibilità di accedere ai fondi cedo in affitto 10 ettaridi terreno agricolo (seminativo) in umbria con annessa struttura ricettiva ristrutturata. chi è interessato mi contatti la_selva@fastwebnet.it grazie
debora, 26-05-2016 07:26
Buon giorno,dopo tanto penare i miei sforzi e la mia santa pazienza sono arrivati i cosidetti aiuti........ Mi sono arrivati i contributi europei (che comunque sono uno specchio per allodole)mai sufficenti per completare un progetto di start up. Comunque ci sono e perchè non prenderli!!!! a caval donato....... Ora posso costruire il mio caseificio aziendale per trasformare il latte delle mie capre. C'è per caso una qualche ragazza disposta ad associarsi o saltare sul treno e iniziare con me questa avventura.......
massimo ferretti, 26-05-2016 09:26
Rispondo a Massimo del 26 maggio 2016: dove si trova la tua azienda agricola?
elisabetta, 27-05-2016 10:27
x elisabetta appennino reggiano
massimo ferretti, 29-05-2016 10:29
Massimo ciao,stia cercando ancora una collaborazione?,la mia mail è infinityjoy@libero.it
Vincenza, 01-07-2016 12:01
ciao a tutti sono marcello da napoli 47 anni vorrei chiedere un po di informazioni...insieme a degli amici vorrei aprire un agriturismo in toscana con esattezza vicino lucca ma siccome i soldini per fare un agriturismo non ci sono abbiamo pensato di rilevare un ristorante da prendere in affitto,un ristorante con spazi esterni da poter mettere giochi per bambini ecc inoltre volevamo prendere noi una casa con spazi esterni per poter mettere animali,un bell'orto,ulivi ecc vi chiedo siccome non siamo piu tanto piccoli di età il piu piccolo di noi ha 39 anni se ci sono dei fondi regionali o sociatari oppure incentivi per chi prende terreni e creare qualcosa....mi rivolgo soprattutto ai toscani inquanto potrebbe trattarsi un prestito o incentivo regionale....grazie a tutti marcello
marcello, 04-07-2016 02:04
ciao a tutti ho scritto tempo fa del mio progetto in toscana ma purtroppo è sfumato...non mi arrendo e chiedo a questo punto se qualcuno di napoli puo aiutarmi su cme metter su una fattoria oppure se c'è qualcuno con le ie stesse idee con il quale poter istituire una società....mi sto documentando un po sui prestiti eventuali e sulla burocrazia....se qualcuno ne sa piu di me sono qui grazie
marcello, 29-08-2016 03:29
Ciao a tutti , in particolare mi rivolgo a Marcello da Napoli ... ho delle notizie utili su una azienda agricola-agrituristica in vendita in campania già funzionante ... contattami : azienda.candidature@libero.it
Enrico, 01-09-2016 04:01
Ciao a tutti.. ci troviamo all Isola d elba.. siamo due ragazzi giovani, che vorrebbero avviare un' attività con determinate caratteristiche (una "fattoria" che possa accogliere i turisti, ma che possa avere anche animali utili a terapie per bambini autistici e disabili, o fattoria didattica), facendo anche coltivazione e una costruzione, possibilmente tutto biologico.. Il problema è che dobbiamo partire da zero, non abbiamo un terreno, la banca ci ha offerto un piccolo prestito, ma per adesso sul posto non siamo ancora riusciti a smuoverci granchè. Secondo voi potremmo riuscire a realizzare questo nostro sogno nonostante si debba partire da zero, o No? Avete qualche consiglio?
Dalila, 11-09-2016 07:11
buongiorno Dalila, prova a vedere se la ricerca di " compagni di viaggio" che ho lanciato in rete per creare attività "autonome" verdi e all'aria aperta nella nostra azienda risponde alle tue aspirazioni. Ci sono 3 inserzioni per " attività verdi" , " attività outdoor" e infine " ricevimento escursionisti". Occorre determinazione e convinzione , anche partendo da zero, se il terreno,l'acqua, gli spazi ti vengono messi a disposizione purchè i tuoi progetti siano credibili, sostenibili e realizzabili. Spesso chi ama la Natura è un sognatore appassionato, qualità meravigliose e indispensabili, ma la realizzazione di qualunque idea che coinvolga la natura è tutt'altra cosa. Certamente non partiresti da zero, ma il viaggio dovresti farlo con le tue gambe e le tue forze. Auguri. Fatti sentire Walter www.sorgentigromolo.com 3890066579
walter bianchi, 12-09-2016 10:12
BUONGIORNO. SONO DI SIENA. STO CERCANDO UN'ATTIVITA' AGRITURISTICA DI CUI RILEVARE LA GESTIONE. VALUTO ALTRE SOLUZIONI. PER CHI MI VOLESSE CONTATTARE j.ceccarelli@alice.it
JACOPO, 21-09-2016 04:21
Buongiorno, vedo che qualcuno di voi e molto preparato, vi parlo con il cuore in mano o tanta voglia di abbandonare la citta per crearmi un agriturismo o iniziale un rudere con terreno da coltivare al momento sono al centro di napoli e sono stanco, i fine settimana vado in un piccolo orto ai piedi del vesuvio dove mi diverto tantissimo la sera ritorno a casa distrutto fisicamente ma con tanta gioia nel cuore ho una famiglia con 3 bambini qualcuno mi puo aiutare a realizzare il mio sogno? prima di acquistare un terreno e fare cose fatte male mi farebbe piacere qualche buon consiglio
marco, 08-05-2017 12:08

Lascia un commento


Per lasciare un commento, registrati o effettua il login.